Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Breakthrough: gli scienziati invertono l’invecchiamento nelle cellule umane

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista mostra che le vecchie cellule umane possono essere ringiovanite usando sostanze chimiche simili al resveratrolo, una sostanza che si trova nel vino rosso e nel cioccolato fondente.

anziano felice

Il nuovo studio è stato condotto da ricercatori delle università di Exeter e Brighton, entrambi situati nel Regno Unito.

Lorna Harries, professore di genetica molecolare all’Università di Exeter, ha guidato i ricercatori, e il primo autore del documento è la dott.ssa Eva Latorre, ricercatrice associata presso la stessa istituzione.

Il nuovo studio si basa su precedenti ricerche dell’Università di Exeter, che hanno scoperto che i cosiddetti fattori di splicing – che sono un tipo di proteina – tendono a diventare inattivi con l’età.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno aggiunto “resveralogues”, o sostanze chimiche simili al resveratrolo, all’invecchiamento delle cellule umane e hanno scoperto che hanno riattivato questi fattori di splicing. Questo, a sua volta, non solo ha fatto apparire più giovani le vecchie cellule, ma ha anche iniziato a dividersi di nuovo, come avrebbero fatto le cellule giovani.

“Quando ho visto alcune delle cellule del piatto della cultura ringiovanire non potevo crederci”, dice il dott. Latorre. “Queste vecchie cellule sembravano delle cellule giovani, era come una magia”, dice.

“Ho ripetuto gli esperimenti più volte e, in ciascun caso, le cellule sono ringiovanite, sono molto eccitato dalle implicazioni e dalle potenzialità di questa ricerca”, aggiunge il dott. Latorre.

Il resveratrolo è un composto trovato in arachidi, uva, vino rosso, cioccolato fondente e alcuni frutti di bosco.

Quali sono i fattori di splicing dell’mRNA?

Per capire meglio il contesto delle nuove scoperte, il Prof. Harries ha spiegato a che cosa è lo splicing dell’mRNA.

“Le informazioni nei nostri geni sono trasportate nel nostro DNA”, ha detto. “Ogni cellula del corpo porta gli stessi geni, ma non tutti i geni sono attivati ​​in ogni cellula, è una delle cose che rende una cellula renale una cellula renale e una cellula cardiaca una cellula cardiaca”.

“Quando è necessario un gene,” continuò, “è acceso e [fa] un messaggio iniziale chiamato RNA, che contiene le istruzioni per qualsiasi cosa il gene produca. La cosa interessante è che la maggior parte dei geni può fare più di un messaggio “.

“Il messaggio iniziale è composto da elementi che possono essere conservati o esclusi per creare messaggi diversi”, ha aggiunto il prof. Harries. “[Questa] inclusione o rimozione degli elementi costitutivi è fatta da un processo chiamato splicing di mRNA, per cui i diversi blocchi vengono uniti insieme se necessario”.

“È un po ‘come un ricettario, dove puoi preparare una spugna alla vaniglia o una torta al cioccolato, a seconda che tu aggiunga o meno del cioccolato!” lei disse.

“In precedenza abbiamo scoperto che le proteine ​​che decidono se un blocco viene lasciato fuori (questi sono chiamati fattori di splicing) sono quelle che cambiano di più con l’età.”

Prof. Lorna Harries

Gli anziani possono vivere in salute “per tutta la vita”

“[I risultati dimostrano] che quando tratti vecchie cellule con molecole che ripristinano i livelli dei fattori di splicing, le cellule recuperano alcune caratteristiche della giovinezza”, spiega il prof. Harries.

“Sono in grado di crescere e i loro telomeri – i cappucci all’estremità dei cromosomi che si accorciano con l’avanzare dell’età – ora sono più lunghi, così come sono nelle cellule giovani”.

“[Siamo] rimasti piuttosto sorpresi dall’enormità di [i risultati]”, ha detto il professor Harries. Ha anche detto che gli effetti ringiovanenti sono durati per settimane, ed è stato anche molto eccitante.

La scoperta potrebbe presto migliorare la salute degli anziani. “Questo è un primo passo nel cercare di far vivere le vite normali, ma con la salute per tutta la vita”, spiega il prof. Harries.

Sulla stessa nota, il co-autore dello studio, il Prof. Richard Faragher, dell’Università di Brighton, afferma:

“In un momento in cui la nostra capacità di tradurre nuove conoscenze sui meccanismi dell’invecchiamento in medicinali e consigli sullo stile di vita è limitata solo da una carenza cronica di fondi, gli anziani sono mal serviti dalla fantascienza autoindulgente. la loro salute e ne hanno bisogno ieri “.

Il Prof. Harries ha anche condiviso con noi alcuni dei piani dei ricercatori per le loro future indagini, dicendo: “Stiamo ora cercando di capire se i cambiamenti nei livelli dei fattori di splicing [causa] il salvataggio delle cellule. preparazione su questo quindi guarda questo spazio! “

Like this post? Please share to your friends: