Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Caffè normale o decaffeinato? Bere entrambi può portare benefici al fegato

Ricerche precedenti hanno dimostrato che il consumo di caffè può giovare al fegato, ma un nuovo studio indica che bere decaffeinato abbassa anche i livelli di enzimi epatici, suggerendo che i benefici non sono legati al contenuto di caffeina.

Tazza di caffè fumante

Quando l’autunno si calma e le temperature calano, iniziare la giornata con una tazza di caffè fumante diventa ancora più attraente; e questa è un’abitudine quotidiana che la ricerca recente ha collegato ad alcuni benefici per la salute.

Bere la gustosa bevanda è stato collegato a rischi ridotti per diabete, malattie cardiovascolari, steatosi epatica non alcolica, cirrosi e cancro al fegato.

Gli americani stanno decisamente gravitando sul caffè come parte della loro dieta quotidiana; secondo un rapporto del 2010 della National Coffee Association, più del 50% di tutti gli americani di età superiore ai 18 anni bevono circa tre tazze al giorno.

Inoltre, l’International Coffee Association afferma che il consumo di caffè è aumentato dell’1% ogni anno a partire dagli anni ’80, e negli ultimi anni questa cifra è balzata al 2%.

I ricercatori di questo ultimo studio – guidati dal Dr. Qian Xiao del National Cancer Institute di Bethesda, MD – pubblicano le loro scoperte sulla rivista.

“La ricerca precedente ha scoperto che bere il caffè può avere un possibile effetto protettivo sul fegato”, afferma il dott. Xiao. “Tuttavia, la prova non è chiara se tale beneficio si estenda al caffè decaffeinato.”

“Gli ingredienti nel caffè diversi dalla caffeina possono favorire la salute del fegato”

Per approfondire l’analisi, il team ha utilizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) degli Stati Uniti dal 1999 al 2010. I numeri dei partecipanti ammontavano a oltre 27.000 e i soggetti avevano 20 anni e più.

Fatti veloci sul consumo di caffè

  • Gli americani bevono in media 3,1 tazze di caffè al giorno, con una dimensione media della tazza di 9 once
  • Il 65% dei bevitori di caffè americani beve la bevanda con la colazione
  • Gli Stati Uniti spendono un totale di 40 miliardi di dollari per il caffè ogni anno.

Scopri di più sui benefici per la salute del caffè

Ogni partecipante ha fornito un richiamo dietetico di 24 ore per segnalare la loro assunzione di caffè, ed i ricercatori hanno misurato i livelli ematici di marcatori di funzionalità epatica per valutare la salute del fegato – tra cui aminotransferasi (ALT), aminotransferasi (AST), fosfatasi alcalina (ALP) e gamma glutamil transaminasi (GGT).

I risultati hanno rivelato che i partecipanti che bevevano tre o più tazze di caffè al giorno avevano livelli più bassi di tutti e quattro gli enzimi epatici, rispetto a quelli che non bevevano caffè. Inoltre, il team ha trovato questi stessi risultati nei partecipanti che hanno bevuto solo caffè decaffeinato.

“I nostri risultati collegano l’assunzione di caffè totale e decaffeinato per abbassare i livelli degli enzimi epatici”, afferma il Dr. Xiao. “Questi dati suggeriscono che gli ingredienti nel caffè, diversi dalla caffeina, possono promuovere la salute del fegato. Sono necessari ulteriori studi per identificare questi componenti”.

recentemente riportato su uno studio che ha suggerito che le abitudini di consumo del caffè sono guidate dalla genetica. I ricercatori della Harvard School of Public Health e del Brigham and Women’s Hospital di Boston, MA, hanno identificato due varianti geniche correlate al metabolismo della caffeina e due varianti geniche che possono influenzare l’effetto “gratificante” della caffeina.

I ricercatori hanno detto che i loro risultati suggeriscono che l’assunzione di caffè è “modulata naturalmente” dagli individui in modo che possano sperimentare gli effetti ottimali della caffeina.

Nel gennaio di quest’anno, abbiamo anche scritto una presentazione su come la caffeina influisce sulla nostra salute.

Like this post? Please share to your friends: