Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Caffeina: come influenza la nostra salute?

Quando ci svegliamo al mattino, molti di noi raggiungono un caffè per dare il via alla nostra giornata. Secondo l’International Coffee Organization, circa 1,6 miliardi di tazze di caffè vengono consumate in tutto il mondo ogni giorno.

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense afferma che la quantità media di caffeina consumata negli Stati Uniti è di circa 300 mg a persona al giorno – l’equivalente tra due e quattro tazze di caffè. Questo è considerato un apporto moderato di caffeina, che secondo molti studi può promuovere una varietà di benefici per la salute.

Ma alcuni studi affermano il contrario, suggerendo anche che una o due tazze di caffè al giorno possono avere un impatto negativo sulla nostra salute. Quindi, cosa dobbiamo credere?

Analizziamo i potenziali benefici per la salute, nonché gli effetti collaterali negativi del consumo di caffeina.

La caffeina è uno stimolante naturale

L’ingrediente principale del caffè è la caffeina, un composto che deriva naturalmente da oltre 60 diverse fonti vegetali, tra cui chicchi di caffè, foglie di tè, semi di cacao e semi di noci di cola.

La caffeina agisce come stimolante attivando il sistema nervoso centrale. Può combattere la stanchezza e migliorare la concentrazione e la concentrazione.

Secondo il servizio sanitario dell’Università del Michigan, gli effetti stimolanti della caffeina possono iniziare già 15 minuti dopo il consumo e durare fino a 6 ore.

Oltre al caffè, la caffeina viene comunemente consumata attraverso il tè, le bevande analcoliche, in particolare le bevande energetiche, e il cioccolato. Si trova anche in alcuni farmaci soggetti a prescrizione e non soggetti a prescrizione medica, come i farmaci per il raffreddore, l’allergia e il dolore.

I potenziali benefici per la salute della caffeina

Oltre ai suoi effetti stimolanti, la caffeina è stata annunciata per fornire una serie di benefici per la salute.

Una tazza di caffè circondata da chicchi di caffè

L’anno scorso, secondo uno studio, il consumo di tre tazze di caffè al giorno può ridurre il rischio di cancro al fegato del 50%, mentre un altro studio suggerisce che bere quattro tazze al giorno potrebbe dimezzare il rischio di cancro alla bocca e alla gola.

Il consumo di caffeina è stato anche associato ad effetti positivi sul cervello.

L’anno scorso, uno studio della Harvard School of Public Health ha suggerito che bere da due a quattro tazze di caffè al giorno può ridurre il rischio di suicidio negli adulti, mentre la ricerca più recente ha scoperto che l’ingestione di 200 mg di caffeina ogni giorno può aumentare la memoria a lungo termine .

Altri studi hanno anche suggerito che l’assunzione di caffeina può proteggere dal diabete di tipo 2, dal morbo di Parkinson, dalle malattie cardiovascolari e dall’ictus.

Caffeina: la “droga psicoattiva socialmente accettabile”

Con così tanta ricerca che sostiene che il consumo di caffeina può giovare alla nostra salute, e considerando il numero di prodotti che contengono lo stimolante, non c’è da meravigliarsi se il consumo di caffeina è così diffuso.

Ma Steven E. Meredith, assegnista di ricerca post-dottorato presso la Johns Hopkins University School of Medicine, ha detto che, forse a causa di largo consumo, molti di noi dimenticano che la caffeina è una sostanza psicoattiva – un farmaco che attraversa la barriera emato-encefalica per stimolare la sistema nervoso centrale.

Egli ha detto:

“A differenza della maggior parte delle altre sostanze psicoattive, l’uso di caffeina è socialmente accettabile e il farmaco è ampiamente usato, infatti la caffeina è la sostanza psicoattiva più comunemente utilizzata al mondo.

Inoltre, la stragrande maggioranza dei consumatori di caffeina usa regolarmente la sostanza senza apparente danno. Questi fattori probabilmente contribuiscono al punto di vista che la caffeina è una sostanza benigna che tutti possono usare senza subire conseguenze negative. “

Gli effetti negativi del consumo di caffeina

Ma naturalmente, ci possono essere conseguenze negative dal consumo di caffeina, soprattutto se ingerite a dosi elevate.

Lo stato Mayo Clinic che il consumo di più di 500-600 mg di caffeina al giorno può portare a insonnia, nervosismo, irrequietezza, irritabilità, mal di stomaco, un battito cardiaco accelerato e persino tremori muscolari.

Tuttavia, ricerche precedenti hanno collegato anche quantità moderate di caffeina a effetti negativi sulla salute.

L’anno scorso, secondo uno studio, il consumo di 300 mg di caffeina al giorno durante la gravidanza potrebbe aumentare il rischio di bambini con basso peso alla nascita, mentre altre ricerche suggeriscono che bere quattro tazze di caffè al giorno può aumentare il rischio di morte prematura.

Gli effetti della caffeina variano da persona a persona

Ma Meredith ci ha detto che gli effetti della caffeina possono variare in ogni individuo, il che potrebbe spiegare il motivo per cui ci sono messaggi contrastanti sul fatto che la caffeina sia buona o cattiva per noi.

Ad esempio, ha detto che gli individui con disturbi d’ansia sono più suscettibili agli effetti ansiogeni del composto.

Siluetta della persona che fuma una sigaretta e che tiene una tazza di caffè.

“La caffeina può anche metabolizzare a diversi livelli tra gli individui per vari motivi: ad esempio, i fumatori di sigarette metabolizzano la caffeina due volte più velocemente dei non fumatori”, ha aggiunto.

“Tuttavia, il metabolismo della caffeina è più lento tra i neonati, donne incinte e le persone con malattie del fegato. Inoltre, alcuni farmaci metabolismo della caffeina lento, che può aumentare il rischio di intossicazione da caffeina. Ma gli effetti della caffeina variano anche semplicemente perché siamo tutti diversi “.

Rob M. Van Dam, professore associato presso il Dipartimento di nutrizione presso la Harvard School of Public Health, ha dichiarato che gli effetti della caffeina dipendono dalle caratteristiche genetiche e dai fattori di stile di vita di ciascuna persona.

“Così, alcune persone possono avere difficoltà a dormire o sperimentare tremori o stress con prese di caffeina relativamente basse ed è utile essere consapevoli di questi sintomi e ridurre l’assunzione di caffeina se questi si verificano”, ha aggiunto.

Dipendenza da caffeina e ritiro

Dati gli effetti positivi che la caffeina può avere come stimolante, Meredith ha detto che per alcune persone questo può portare alla dipendenza da caffeina:

“La caffeina attiva molti degli stessi meccanismi comportamentali e neurofarmacologici attivati ​​da altri rinforzi, inclusi altri farmaci di abuso.

E, come molti altri rinforzi, la caffeina è associata a vari effetti soggettivi positivi come aumento del benessere, socievolezza e sentimenti di energia e vigilanza. Per questo motivo e per altri, una piccola percentuale della popolazione sviluppa disturbo da uso di caffeina “.

Ha detto che alcune persone possono diventare fisicamente dipendenti dalla caffeina, con l’assenza o la riduzione del consumo di caffè in queste persone con conseguente ritiro della caffeina.

Questo può scatenare sintomi come mal di testa, stanchezza, sonnolenza, depressione, irritabilità, difficoltà di concentrazione, nausea e vomito.

“La dipendenza può diventare così forte per alcune persone che non sono in grado di ridurre il consumo nonostante la conoscenza di ricorrenti problemi fisici o psicologici associati all’uso continuato”, ha aggiunto Meredith.

I bambini e gli adolescenti dovrebbero evitare il consumo di caffeina

Meredith ha detto che sulla base degli effetti collaterali negativi che il consumo di caffeina può avere, i medici dovrebbero discutere l’uso della caffeina con i loro pazienti per determinare se stanno assumendo livelli sicuri dello stimolante.

Inoltre, ha avvertito che questo è particolarmente importante per i bambini e gli adolescenti.

Bottiglie di diverse bevande analcoliche.

La maggior parte dei pediatri raccomanda che questa popolazione dovrebbe evitare il consumo di caffeina, in particolare perché non si sa quanto l’assunzione eccessiva di caffeina influenzi il cervello in via di sviluppo.

“In particolare, la caffeina interferisce con il sonno e il sonno gioca un ruolo fondamentale nell’apprendimento.Alcune ricerche di laboratorio suggeriscono che la caffeina interferisca con il sonno e l’apprendimento tra i roditori adolescenti, il che, a sua volta, ostacola il normale sviluppo neurologico che si nota nell’età adulta”, ha detto Meredith .

“Alcuni psicologi sono anche preoccupati del fatto che un modello di uso o abuso di caffeina tra i giovani possa portare a un successivo uso problematico di droghe e alcol”.

La FDA ha chiaramente una visione simile ai pediatri. Nel maggio dell’anno scorso, l’organizzazione ha annunciato che avrebbe indagato sulla sicurezza della caffeina nei prodotti alimentari, in particolare i prodotti destinati a bambini e adolescenti.

La FDA è preoccupata che molti prodotti alimentari e bevande, come gelatine, cialde, sciroppi e gomme da masticare, ora hanno aggiunto caffeina per potenziare il loro effetto stimolante.

Michael R. Taylor, vice commissario per gli alimenti e la medicina veterinaria presso la FDA, ha dichiarato:

“Siamo particolarmente preoccupati per i bambini e gli adolescenti e la responsabilità della FDA e dell’industria alimentare deve proteggere la salute pubblica e rispettare le norme sociali che suggeriscono che non dovremmo promuovere stimolanti di marketing, come la caffeina, ai nostri bambini”.

Meredith ci ha detto che gli studi hanno dimostrato che l’assunzione elevata di caffeina può anche produrre effetti collaterali negativi nelle donne in gravidanza e negli individui con disturbi cardiaci o disturbi d’ansia.

Tuttavia, ha aggiunto che la maggior parte di noi consuma caffeina con moderazione senza effetti collaterali dannosi, quindi gli adulti sani non dovrebbero essere eccessivamente preoccupati.

“Ma dovremmo essere consapevoli che quando consumiamo caffeina, stiamo consumando una sostanza psicoattiva che può causare o esacerbare alcuni problemi di salute”, ha ammonito.

Like this post? Please share to your friends: