Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cammina 4.000 passi al giorno per migliorare la funzione cerebrale

Una recente ricerca condotta dall’Università della California, a Los Angeles, dimostra che fare una breve passeggiata ogni giorno può aiutare a mantenere il cervello sano, supportando la capacità generale di recupero del funzionamento cognitivo.

anziani che camminano nel parco

Invecchiando, i problemi di memoria possono iniziare a insediarsi. Questi potrebbero essere una parte naturale dell’invecchiamento e un fastidio minore, ma in alcuni casi, i problemi possono indicare un lieve deterioramento cognitivo e potrebbero persino evolvere in demenza.

Indipendentemente da quanto questi problemi di memoria possano essere lievi o gravi, sono decisamente angoscianti e possono influire sulla qualità della vita di un individuo.

Una nuova ricerca dell’Istituto Semel per la Neuroscienza e il Comportamento Umano dell’Università della California a Los Angeles suggerisce che esiste un modo relativamente semplice per mantenere il cervello in perfetta forma quando si invecchia: fare una passeggiata moderatamente lunga ogni giorno.

Ciò potrebbe aumentare la vostra attenzione, l’efficienza con cui elaborate le informazioni e altre abilità cognitive, come il primo autore dello studio Prabha Siddarth e colleghi.

I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati il.

Spessore corticale per valutare la salute cognitiva

Siddarth e il team hanno reclutato inizialmente 29 adulti di età pari o superiore a 60 anni, di cui 26 hanno completato lo studio per un periodo di 2 anni. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi distinti:

  • un basso gruppo di attività fisica, composto da persone che ogni giorno percorrevano 4.000 o meno passi
  • un alto gruppo di attività fisica, composto da persone che hanno percorso più di 4.000 passi al giorno

Tutti i partecipanti hanno riportato un grado di lamentele alla memoria al basale, ma nessuno di questi ha avuto una diagnosi di demenza.

Per esplorare il potenziale effetto dell’attività fisica sulle abilità cognitive, i ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica per determinare il volume e lo spessore dell’ippocampo, che è una regione del cervello associata alla formazione e all’archiviazione della memoria e all’orientamento spaziale.

Ricerche precedenti hanno suggerito che le dimensioni e il volume di questa regione del cervello possono dirci qualcosa sulla salute cognitiva. Ad esempio, è stato dimostrato che un volume ippocampale più elevato indica un consolidamento della memoria più efficace.

“Pochi studi hanno esaminato il modo in cui l’attività fisica influenza lo spessore delle strutture cerebrali”, afferma Siddarth.

“Lo spessore del cervello”, osserva, “una misura più sensibile del volume, è in grado di tracciare cambiamenti sottili nel cervello prima del volume e può predire in modo indipendente la cognizione, quindi questa è una domanda importante”.

Cammina di più ogni giorno per un cervello elastico

Oltre alle scansioni MRI, i partecipanti hanno anche effettuato una serie di test neuropsicologici, per consolidare la valutazione della loro capacità cognitiva.

È stato scoperto che quelli nell’alto gruppo di attività fisica – che percorrevano più di 4.000 passi (circa 3 chilometri) ogni giorno – avevano più spesso ippocampi e regioni cerebrali associate più spesse, rispetto a quelli di quelli che cadevano sotto il fisico basso categoria di attività.

È stato inoltre riscontrato che il gruppo altamente attivo ha una migliore attenzione, capacità di elaborazione delle informazioni più rapide e una funzione esecutiva più efficiente, che include la memoria di lavoro. La memoria di lavoro è la risorsa che sfruttiamo quotidianamente quando dobbiamo prendere decisioni spontanee.

Tuttavia, Siddarth e colleghi non hanno riscontrato differenze significative tra l’attività elevata e i gruppi a bassa attività quando si trattava di ricordare la memoria.

Il prossimo passo da qui, suggeriscono i ricercatori, dovrebbe essere quello di intraprendere un’analisi longitudinale al fine di testare la relazione tra attività fisica e abilità cognitive nel tempo.

Notano anche la necessità di comprendere meglio i meccanismi alla base del declino cognitivo in relazione all’atrofia dell’ippocampo.

Like this post? Please share to your friends: