Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Cancro al cervello ‘diagnosticato in 30 minuti’ con un nuovo test

Il tumore al cervello è una delle cause più comuni di morte per cancro nella popolazione degli Stati Uniti. I metodi attuali possono diagnosticare il cancro entro 2 o 3 giorni, ma i ricercatori dicono di aver creato una nuova tecnica in cui la malattia potrebbe essere diagnosticata in appena mezz’ora.

Il tumore al cervello è definito come uno o più tumori cancerosi all’interno del cervello o del canale centrale della colonna vertebrale. Il cancro può svilupparsi a qualsiasi età, ma il rischio aumenta man mano che una persona invecchia.

Secondo il National Cancer Institute, quest’anno vedranno 23.130 nuove diagnosi di cancro al cervello negli Stati Uniti, con 14.080 decessi dovuti alla malattia.

Le attuali tecniche diagnostiche per la malattia comprendono una serie di scansioni, tra cui tomografia computerizzata (TC), risonanza magnetica (MRI) ed elettroencefalogramma (EEG).

Se si sospetta un tumore dopo queste scansioni, il paziente verrà sottoposto a una biopsia: la rimozione chirurgica di un piccolo pezzo di tessuto dal tumore. Ciò richiede che il paziente rimanga in ospedale per 2 o 3 giorni.

Ma gli investigatori dell’Università del Lancashire centrale nel Regno Unito dicono che la loro nuova tecnica potrebbe “trasformare” la diagnosi di pazienti con tumori cerebrali, eliminando la necessità di ricoveri ospedalieri prolungati e test invasivi.

Per raggiungere le loro scoperte, pubblicate sulla rivista, i ricercatori hanno analizzato campioni di sangue che erano stati donati da 49 pazienti con cancro al cervello, insieme a 25 pazienti senza cancro.

Utilizzando una combinazione di illuminazione a infrarossi e biomarcatori di proteine, i ricercatori sono stati in grado di diagnosticare la presenza di sioma di glioma – un marker del tumore cerebrale primario.

Quando i ricercatori hanno trasmesso la luce infrarossa direttamente al siero, la luce ha avuto la capacità di rilevare la sua vibrazione molecolare, il che significa che i ricercatori potrebbero determinare se i gliomi possono essere cancerogeni o meno.

I ricercatori dicono che questo test può raggiungere una diagnosi entro 30 minuti.

La nuova tecnica “una pietra miliare” nella diagnosi del cancro al cervello

Il Dr. Matthew Baker, autore di uno studio della School of Forensic and Investigative Sciences presso l’Università del Lancashire, afferma che la loro ricerca fornisce una soluzione non invasiva per l’individuazione del cancro al cervello nelle sue fasi iniziali.

Osserva che la tecnica supporta anche il processo decisionale medico e può aiutare i professionisti medici a migliorare i risultati dei pazienti, aggiungendo:

“Il risultato che abbiamo raggiunto è una pietra miliare e ha la capacità di rivoluzionare l’ambiente clinico fornendo misure oggettive per le diagnosi, consentendo una maggiore efficienza e impatto economico sui servizi sanitari.

Speriamo che questo aiuti anche ad alleviare alcuni dei pazienti con stress emotivo in attesa dei risultati dei test “.

Peter Abel, un altro autore dello studio della School of Pharmacy and Biomedical Sciences presso l’Università del Lancashire, afferma che il team di ricerca ritiene che la nuova tecnica possa essere eventualmente eseguita dai medici nell’ambito di regolari screening sanitari.

Il dott. Baker ha detto:

“L’opportunità di test di screening economici, rapidi e relativamente non invasivi è enorme: vorrei che ci fosse una casella di spunta sul modulo compilato per ordinare gli esami del sangue, come il colesterolo oi lipidi, quando i pazienti visitano il loro medico o su un medico. “

Gli investigatori osservano che la Lancaster University nel Regno Unito e l’Università di Jena in Germania hanno anche testato la tecnica e confermato risultati simili durante lo svolgimento di test su campioni di tessuti umani.

Il dott. Baker ha parlato dei piani del team per seguire questa ricerca:

“I prossimi passi sono di ampliare il nostro database di siero e aumentare la nostra comprensione delle ragioni della diagnosi, oltre a farla entrare in clinica con i nostri collaboratori.

Vorrei mettere un sistema all’interno di un ospedale e portarlo avanti con la diagnosi clinica attuale e quindi puntare a studi clinici in futuro “.

recentemente riferito su uno studio che dettaglia un nuovo vaccino che promette una sopravvivenza più lunga per i pazienti con tumore al cervello.

Like this post? Please share to your friends: