Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cancro al seno a stadio zero: cosa c’è da sapere?

Il cancro è sempre una diagnosi preoccupante, ma, con il trattamento, le prospettive per il carcinoma mammario allo stadio zero sono principalmente positive.

I medici utilizzano la stadiazione per identificare fino a che punto un cancro si è diffuso in una persona. Il cancro di stadiazione dà anche informazioni su quanto velocemente sta crescendo e quanto pericoloso possa essere.

Il carcinoma mammario allo stadio zero o allo stadio 0, chiamato anche carcinoma, è la prima forma di cancro al seno. La maggior parte delle persone con cancro al seno allo stadio zero sopravvive, in quanto non si è diffusa da nessun’altra parte.

Fatti veloci sul carcinoma mammario allo stadio zero:

  • Poiché il carcinoma mammario allo stadio zero è piccolo e non invasivo, può anche essere difficile da rilevare.
  • Lo stadio zero del cancro al seno non è un tipo di cancro, ma una valutazione di quanto il cancro si sia diffuso.
  • Il trattamento del cancro al seno può essere doloroso, costoso e stressante. Per la maggior parte delle donne, ha senso trattare il carcinoma mammario allo stadio zero nonostante i rischi.

Cos’è il carcinoma mammario allo stadio zero?

Dottore femminile parlando con paziente femminile.

Lo stadio del tumore al seno fornisce informazioni chiave su come è invasivo e se si è diffuso o è probabile che si diffonda ad altre aree del corpo.

Lo stadio zero del cancro al seno o dello stadio 0 non è invasivo. Ciò significa che non si è diffuso ad altre cellule del seno o ad altri organi. Alcuni medici si riferiscono al carcinoma mammario allo stadio zero come precancer.

Nella maggior parte dei casi, viene scoperto per caso, ad esempio dopo una biopsia o durante un esame di imaging mammografico, per visualizzare un altro nodulo. Il carcinoma mammario a stadio zero di solito non causa grumi o altri sintomi.

Sebbene il carcinoma mammario allo stadio zero sia piccolo e non si sia diffuso, potrebbe richiedere un trattamento per evitare che si diffonda in altre aree del corpo in futuro.

Il trattamento giusto dipende da quale tipo di cancro al seno a stadio zero ha una donna. Con il trattamento, più di 9 su 10 donne con carcinoma mammario allo stadio zero sopravvivono a 5 anni o più.

tipi

Esistono due tipi di carcinoma mammario allo stadio zero, entrambi descritti di seguito:

Carcinoma lobulare

Il carcinoma lobulare è il cancro delle ghiandole che producono il latte materno, che sono chiamati lobi o lobuli.

Il carcinoma lobulare in situ è ​​una forma di cancro lobulare che normalmente non si diffonde. È, tuttavia, un fattore di rischio per altre forme di cancro al seno. Circa un quarto delle donne con carcinoma lobulare alla fine sviluppano un altro tipo di cancro al seno.

Per questo motivo, una diagnosi in situ di carcinoma lobulare può significare che una donna avrà bisogno di screening del cancro al seno più frequenti in futuro.

Carcinoma duttale

Il carcinoma duttale in situ (DCIS) è il tumore al seno dei dotti lattiferi. I condotti del latte nei tessuti del seno sono canali che consentono al latte di passare dalle ghiandole del latte al capezzolo.

Non trattato, il carcinoma duttale può diffondersi e diventare più aggressivo. In circa la metà dei casi, il carcinoma duttale diventerà un tumore più aggressivo.

I medici non possono prevedere quali casi di carcinoma duttale diventeranno più aggressivi. Tuttavia, i tumori di basso grado o quelli con confini ben definiti e che crescono lentamente potrebbero essere meno propensi a diffondersi.

Altre fasi del cancro al seno

Infermiera che aiuta donna che ha una mammografia.

La stadiazione progredisce da 0 a 4 con numeri più alti che indicano cancri più avanzati. Per determinare la fase del cancro al seno, i medici esaminano tre fattori:

  1. La dimensione del tumore al seno, che di solito è abbreviato come T.
  2. Se il tumore si è diffuso ai linfonodi e quanti ne sono colpiti. Questo è abbreviato come N.
  3. Se il cancro si è diffuso ad altre aree del corpo, chiamato metastasi. Questo è abbreviato come M.

Ci sono quattro fasi del cancro al seno dopo lo stadio zero:

  • Fase 1: i tumori coinvolgono tumori più piccoli che si sono diffusi molto poco se non del tutto.
  • Fase 2: sono leggermente più grandi e si sono diffusi ai tessuti vicini, ma non ad altri organi. Possono infettare un piccolo numero di linfonodi o un po ‘limitato di tessuto vicino.
  • Fase 3: questi tumori sono più grandi e si sono diffusi oltre i tumori della fase 2. Possono infettare tessuto mammario o linfonodi vicini ma non altri organi.
  • Fase 4: questi tumori sono i più grandi e potenzialmente letali. Possono essersi diffusi ai linfonodi vicini o lontani o ad altri organi.

I medici possono ulteriormente dividere gli stadi in A e B. Quei cancri classificati come B sono più invasivi di A, quindi il carcinoma mammario in stadio 1B si è diffuso ulteriormente o è più grande dello stadio 1A.

Si diffonderà?

Un carcinoma mammario diagnosticato come carcinoma lobulare non si diffonderà in genere in altre aree. Tuttavia, poiché è un fattore di rischio per altri tumori al seno, richiede un monitoraggio più attento.

Un cancro al seno che è un carcinoma duttale può diffondersi, ma non c’è modo di predire con precisione se un caso specifico di questa forma di cancro si diffonderà.

Trattamento

Donna che riceve radioterapia per cancro al seno

Negli ultimi anni, il trattamento di questa forma non invasiva di cancro al seno è stato fonte di alcune controversie.

Poiché il DCIS non causa sintomi e non si diffonde sempre, alcune donne sono frustrate dal trattamento che ritengono non necessario o dannoso.

Uno studio del 2015 ha aggiunto critiche al trattamento con DCIS quando non ha rilevato differenze nei tassi di sopravvivenza tra le donne che sono state trattate e le donne che non lo erano. Tuttavia, i medici che supportano il trattamento precoce contrastano questa argomentazione puntando a dati che mostrano che non c’è modo di prevedere se il DCIS diventerà invasivo o meno.

Il trattamento deve tenere conto della storia della persona, delle esigenze e degli obiettivi del trattamento e di altri fattori di rischio di cancro al seno che potrebbero o meno avere.

Le opzioni di trattamento includono:

  • chirurgia del seno
  • radioterapia
  • terapia ormonale

Il monitoraggio può essere raccomandato anche per le donne con una storia di carcinoma mammario allo stadio zero. Questo perché potrebbero aver bisogno di cure in corso per altri tipi di cancro.

prospettiva

Il cancro al seno allo stadio zero può essere preoccupante, ma è quasi sempre sopravvissuto. Il trattamento può salvare vite umane, in particolare quando c’è il rischio che il cancro ritorni o si diffonda.

Le donne che non sono sicure di dover cercare un trattamento dovrebbero consultare un medico di cui si fidano e considerare la possibilità di chiedere una seconda opinione se sono ancora incerte.

Like this post? Please share to your friends: