Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Cancro al seno e Mirena IUD: Qual è il collegamento?

Mirena è un dispositivo intrauterino ormonale. Analogamente ad altri IUD ormonali, rilascia levonorgestrel, una forma sintetica del progesterone ormone naturale.

Il progesterone spesso alimenta il cancro al seno. Di conseguenza, c’è stata una domanda su un legame tra cancro al seno e IUD ormonale, in particolare Mirena.

Fatti veloci sul cancro al seno e Mirena

  • Mirena è usato a lungo termine e può prevenire la gravidanza fino a 5 anni.
  • Ci sono state diverse segnalazioni su un legame tra l’uso di Mirena e il cancro al seno.
  • Altre marche di IUD ormonali sul mercato portano avvertimenti simili a Mirena sul cancro al seno. Tutti notano la ricerca ma concludono che non ci sono prove definitive.
  • Mirena è solo un’opzione di controllo delle nascite a lungo termine. Se le donne hanno problemi di salute riguardo all’uso, dovrebbero parlare con il proprio medico e sollevare eventuali preoccupazioni prima di decidere.

Mirena IUD

L’IUD Mirena agisce ispessendo la cervice che impedisce allo sperma di raggiungere le uova rilasciate dalle ovaie. Inoltre assottiglia le pareti uterine, il che significa che, per alcune donne, l’ovulazione viene soppressa.

Che cosa dice la ricerca sul legame con un aumento del rischio di cancro al seno?

Mirena IUD

Il più recente opuscolo sull’etichettatura delle informazioni riconosce un potenziale rischio per le donne. Afferma che le donne:

“Chi attualmente ha o ha avuto un cancro al seno, o sospetto di cancro al seno, non dovrebbe usare la contraccezione ormonale perché alcuni tumori al seno sono sensibili agli ormoni.”

I produttori di Mirena notano inoltre che gli studi di ricerca sull’aumento del rischio non sono definiti.

La ricerca dice che non esiste alcun collegamento

Mirena è presente sul mercato da oltre 15 anni e sono ancora necessarie ulteriori ricerche per fornire una risposta definitiva sul suo legame con il tumore al seno.

Uno dei primi studi su un legame tra Mirena e cancro al seno risale al 2005 ed è stato pubblicato sulla rivista. I risultati di tale studio non hanno suggerito alcuna connessione tra l’uso di Mirena e il rischio di cancro al seno.

Un altro studio del 2011 riportato nella rivista non ha rilevato alcun aumento del rischio di cancro al seno nelle donne che usano Mirena.

La ricerca dice che c’è un collegamento

Uno studio osservazionale del 2014 riportato in donne di età compresa tra 30 e 49 anni provenienti dalla Finlandia, utilizzando Mirena per controllare il sanguinamento mestruale pesante. Quello che hanno scoperto è che Mirena ha diminuito il rischio di tumori dell’endometrio, dell’ovaio, del pancreas e del polmone. Tuttavia, è stato associato a maggiori incidenze di cancro al seno.

Un ampio studio del 2015, riportato sulla rivista, ha anche trovato una connessione tra l’aumentato rischio di cancro al seno e l’uso di Mirena.

Un rapporto del 2016 concorda con i precedenti risultati secondo cui il controllo delle nascite con progestinico era associato a maggiori incidenze di cancro al seno. Ma i ricercatori hanno notato che la maggior parte degli studi erano limitati dalle dimensioni del campione.

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e capire meglio come il progesterone sintetico colpisce le donne e come i medici possono usare queste informazioni quando prescrivono contraccettivi, contenenti progesterone sintetico.

Un rapporto più recente pubblicato all’inizio del 2017 riporta che ogni connessione tra cancro al seno e contraccezione ormonale è relativamente piccola ei benefici dei contraccettivi superano i rischi.

Cancro al seno e altri IUD

 Image credit: Sarahmirk, (2016, 8 dicembre). </ Br>“></p> <p align=Non sembrano esserci studi di ricerca che indicano un aumento del rischio di cancro al seno associato all’uso del ParaGard IUD. Se le donne vogliono evitare del tutto il controllo delle nascite ormonali, ParaGard potrebbe essere un’opzione migliore per loro.

Diversi studi, tra cui un recente rapporto sulla rivista, hanno riportato un aumento dell’incidenza del cancro al seno nelle donne, utilizzando il controllo delle nascite ormonali orali.

Lo studio del 2017 ha esaminato i dati di 12 studi separati per un estradiolo serico contenente il controllo delle nascite e il progesterone nelle donne di età compresa tra 19 e 40 anni.

I ricercatori hanno scoperto che il rischio di cancro al seno era aumentato con l’esposizione ormonale. Ma hanno notato che i loro risultati riguardavano solo i tipi di controllo delle nascite ormonali che hanno studiato, e non erano a conoscenza di alcun aumento dei rischi associati ad altri metodi di controllo delle nascite ormonali.

Il livello degli ormoni dipende dal prodotto, quindi è importante che le donne discutano le loro preoccupazioni con un medico per determinare se i rischi superano i benefici.

Il takeaway

Il controllo delle nascite è una scelta personale. Mentre alcuni metodi potrebbero essere più affidabili di altri, è importante che il controllo delle nascite sia sempre usato correttamente. Inoltre, è molto importante che le donne scelgano qualcosa che sia efficace e ideale per la loro vita.

Quando si prende una decisione, la migliore linea d’azione è che una donna parli con il proprio medico di eventuali preoccupazioni che potrebbe dover determinare quale sia l’opzione migliore per lei.

Like this post? Please share to your friends: