Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Cancro al seno: una dieta povera di grassi può migliorare la prospettiva dei sopravvissuti

Una nuova ricerca suggerisce ora che consumare meno grassi alimentari dopo la diagnosi di cancro al seno può migliorare significativamente il tasso di sopravvivenza di una persona.

donna senior mangiare

Le stime mostrano che circa 1 donna su 8 negli Stati Uniti sarà diagnosticata con carcinoma mammario invasivo a un certo punto della loro vita.

Se il cancro si trova solo nel seno e non si è diffuso ad altre parti del corpo, il 99 per cento delle persone che ricevono tale diagnosi possono continuare a vivere senza cancro per almeno 5 anni.

E se il tumore si è diffuso ai linfonodi circostanti, l’85% dei pazienti con tumore al seno ha lo stesso tasso di sopravvivenza a 5 anni. Tuttavia, questa percentuale scende al 27% se il tumore ha viaggiato verso parti distanti del corpo.

Ma quali sono alcuni dei fattori che influenzano la prospettiva dei sopravvissuti? Alcuni studi hanno rivelato che essere obesi, ad esempio, aumenta il rischio di recidiva del cancro al seno, anche la morte, del 35-40%.

Ciò significa che seguire una dieta povera di grassi inciderà sulla possibilità di recidiva e di sopravvivenza globale del paziente? Scienziati guidati dal dott. Rowan T. Chlebowski, Ph.D. – del Centro Medico Nazionale della Città della Speranza di Duarte, CA – si è proposto di indagare.

Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista

‘Sopravvivenza globale significativamente maggiore’

Il dott. Chlebowski e colleghi hanno deciso di riesaminare i risultati dello studio clinico randomizzato Women’s Health Initiative (WHI), che ha mostrato un’associazione preliminare tra una migliore sopravvivenza globale e una dieta a basso contenuto di grassi in seguito a una diagnosi di cancro al seno.

Lo studio WHI ha quindi esaminato 48.835 donne in post-menopausa che si sono iscritte allo studio tra il 1993 e il 1998. Al momento, tuttavia, il trial non offriva intuizioni sul fatto che l’outlook migliorato fosse dovuto alle abitudini alimentari che le donne avevano sviluppato nel cancro al seno.

Inoltre, c’era la possibilità che una dieta povera di grassi migliorasse altri esiti di salute che non sono correlati al cancro al seno. Pertanto, la durata della vita più lunga avrebbe potuto essere dovuta a questi altri risultati.

Quindi, per chiarire queste incertezze, il dott. Chlebowski e colleghi hanno condotto il presente studio, che è anche uno studio randomizzato.

Nello specifico, i ricercatori hanno esaminato 19.541 donne con diagnosi di cancro al seno che hanno ridotto l’assunzione di grassi nella dieta del 20% e aumentato la quantità di frutta e verdura che hanno consumato.

I ricercatori hanno anche esaminato un gruppo di controllo di 29.294 pazienti con cancro al seno che hanno continuato le loro diete abituali. Gli interventi dietetici sono durati in media 8,5 anni, mentre l’analisi svolta dai ricercatori è avvenuta in media 11,5 anni dopo la loro diagnosi.

Lo studio ha rivelato che “la sopravvivenza globale del tumore al seno era significativamente maggiore per le donne nel gruppo di intervento dietetico rispetto al gruppo di confronto della dieta abituale”.

In effetti, il tasso di sopravvivenza a 10 anni per le donne che consumavano meno grassi era dell’82%, rispetto al 78% nel gruppo di controllo.

Inoltre, sono stati registrati molti meno decessi nel gruppo che ha consumato meno grassi, rispetto al gruppo con la dieta abituale. Nello specifico, 120 donne sono morte nel gruppo di controllo, rispetto a solo 68 nel gruppo di intervento.

“Un cambiamento nella dieta può essere in grado di influenzare l’esito del cancro al seno”, spiegano i ricercatori, i quali concludono che “è necessario un intervento dietetico prolungato” per mantenere questo effetto positivo.

Like this post? Please share to your friends: