Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cancro alla prostata: cosa devi sapere

Il cancro alla prostata è una malattia esclusivamente maschile ed è il secondo tumore maschile più comune negli Stati Uniti, dopo il cancro della pelle.

Nel caso del cancro alla prostata, l’American Cancer Society stima che ci saranno circa 161.360 nuovi casi e circa 26.730 uomini moriranno di cancro alla prostata negli Stati Uniti nel 2017.

Come nel caso dei tumori in altre parti del corpo, alcuni tumori della prostata aggressivi possono crescere e diffondersi rapidamente, mentre la maggior parte cresce lentamente.

fasi

[scansioni del cancro alla prostata]

I medici e le persone che hanno il cancro si riferiscono alla malattia in termini di fasi 1, 2, 3 o 4. Queste fasi sono solo parte di un sistema molto più complicato che viene utilizzato per classificare il cancro e in che misura si è diffuso.

Quando si esamina il cancro alla prostata, lo standard è il sistema TNM dell’American Joint Committee on Cancer (AJCC). Qui, quelle fasi sono definite da T1 a T4.

La T di TNM si riferisce alla crescita e alla posizione del tumore principale:

Tumori T1

Questi tumori si trovano durante una procedura chiamata resezione transuretrale della prostata (TURP), che viene utilizzata per trattare la crescita anomala della prostata o durante una biopsia con ago. Una biopsia dell’ago è un test utilizzato per studiare un aumento dell’antigene prostatico specifico (PSA).

Esistono tre diversi tipi di tumore T1, classificati in base a come viene rilevato il cancro:

  • T1a: rilevato durante TURP, il cancro è presente nel 5% o meno del tessuto rimosso
  • T1b: rilevato durante TURP, il cancro è presente in oltre il 5% del tessuto rimosso
  • T1c: scoperto durante la biopsia dell’ago

Tumori T2

Questi tumori sono più grandi dei tumori T1 e sono divisi in tre tipi in base alla loro dimensione e posizione:

  • T2a: presente a metà o meno di un lato della prostata
  • T2b: presente in più della metà di un lato della prostata
  • T2c: presente in entrambi i lati della prostata

Tumori T3

Questi tumori sono cresciuti al di fuori della prostata.

Tumori T4

Questi tumori sono cresciuti nei tessuti al di fuori della prostata.

N mostra se il tumore si è diffuso ai linfonodi mentre M denota se si è diffuso o meno in altre parti del corpo. Questo sistema di stadiazione si basa anche su altri due importanti fattori. Questi sono il livello di PSA nel sangue al momento della diagnosi e il punteggio di Gleason.

Il PSA è una proteina che appare a livelli più alti nel flusso sanguigno quando c’è un problema con la prostata. Il punteggio di Gleason riflette quanto cancerose appaiono le cellule e quanto è probabile che si diffonda un tumore.

Entrambi i fattori sono determinati tramite una biopsia o un intervento chirurgico.

Fase 1

I tumori della fase 1 della prostata sono piccoli e crescono lentamente. Sono ancora all’interno della prostata ed è improbabile che vengano rilevati durante un esame da un medico.

Sia i punteggi di Gleason sia i livelli di PSA sono bassi. Non possono causare sintomi o altri problemi di salute.

Fase 2

[uomo in consultazione con un medico]

I tumori dello stadio 2 sono anche all’interno della prostata, ma possono essere avvertiti da un medico in quanto sono più grandi dei tumori allo stadio 1. Hanno punteggi Gleason più alti o livelli di PSA maggiori o entrambi rispetto ai tumori di stadio 1.

Esistono due tipi di tumori della fase 2 della prostata, identificati in base alla dimensione e alla posizione del tumore: i due tipi sono 2a e 2b.

I tumori alla prostata definiti come 2a possono essere tumori T1 con punteggi PSA o Gleason elevati o T2a o T2b con punteggi PSA o Gleason inferiori.

I tumori alla prostata identificati come 2b saranno tumori T2c, o tumori T2a o T2b con punteggi PSA o Gleason molto alti.

Fase 3

I tumori dello stadio 3 sono cresciuti immediatamente al di fuori della prostata. Possono aver raggiunto le vescicole seminali ma non la vescica o il retto. Le vescicole seminali sono ghiandole che secernono un fluido che aiuta a formare lo sperma.

I tumori che si sono sviluppati fino a questo stadio hanno maggiori probabilità di ritornare dopo il trattamento.

Fase 4

I tumori della fase 4 sono i più gravi in ​​quanto si sono diffusi più ampiamente in altre aree. È probabile che includano organi vicini, come la vescica, il retto o i linfonodi vicini. Possono persino diffondersi in organi lontani, che possono includere ossa.

Mentre alcuni possono essere curabili, la maggior parte dei tumori di stadio 4 non lo sono. Con tumori incurabili, gli scopi del trattamento sono di mantenere il cancro controllato il più a lungo possibile e di migliorare la qualità della vita.

Trattamento

[l'uomo si sta riprendendo da un intervento chirurgico in un letto d'ospedale]

Come per qualsiasi malattia o malattia grave, la decisione sempre importante sul trattamento deve essere presa dopo molte riflessioni e discussioni. Sia l’uomo che il suo medico devono valutare tutte le opzioni prima di fare la scelta finale.

Gli uomini potrebbero anche voler considerare le opinioni della loro famiglia e dei loro amici.

A seconda del tipo di cancro alla prostata, un uomo può decidere di non avere alcun trattamento in un primo momento. Se il cancro alla prostata viene diagnosticato precocemente, ci sono molte cose che una persona deve prendere in considerazione. Queste considerazioni includono salute generale, età e se il cancro può causare un problema.

Anche quando diagnosticato in una fase successiva, c’è ancora molto da considerare, come i possibili effetti collaterali dei vari trattamenti. Gli effetti collaterali possono includere la disfunzione erettile e la perdita del controllo della vescica, sebbene questi siano entrambi curabili.

I trattamenti possono includere:

  • attesa vigile o sorveglianza attiva
  • chirurgia, compresa la rimozione della ghiandola prostatica
  • radioterapia per uccidere le cellule tumorali
  • crioterapia, un trattamento che uccide le cellule tumorali a basse temperature
  • terapia ormonale per ridurre l’effetto che gli ormoni maschili nel corpo hanno sulle cellule tumorali
  • chemioterapia, che comporta l’uso di farmaci antitumorali
  • trattamento vaccinale, che indirizza il sistema immunitario ad attaccare le cellule tumorali

prospettiva

La buona notizia è che molti uomini sopravvivono al cancro alla prostata, soprattutto se viene diagnosticato nelle sue fasi iniziali.

A circa 1 uomo su 7 viene diagnosticato un cancro alla prostata, ma la maggior parte sopravviverà.Infatti, su ogni 39 uomini che sviluppano il cancro alla prostata, solo uno morirà a causa della malattia. Ci sono più di 2,9 milioni di uomini negli Stati Uniti che sono ancora vivi dopo essere stati diagnosticati con cancro alla prostata.

Secondo l’American Cancer Society, degli uomini con diagnosi di cancro alla prostata:

  • il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni è quasi del 100%
  • il tasso di sopravvivenza relativa a 10 anni è del 98%
  • il tasso di sopravvivenza relativa a 15 anni è del 95%

Panoramica sul cancro della prostata

Il cancro coinvolge le cellule che crescono senza controllo. Queste cellule tumorali possono prendere piede quasi ovunque nel corpo e possono metastatizzare, o diffondersi, in altre aree o organi.

Nel cancro della prostata, sono le cellule della ghiandola prostatica di solo maschio che crescono senza controllo.

La prostata è una parte del sistema riproduttivo che si trova appena sotto la vescica. Svolge un ruolo vitale al momento dell’eiaculazione, secernendo un fluido lattiginoso che scorre nell’uretra.

Esistono diversi tipi di tumore della prostata, ma i più comuni sono noti come adenocarcinomi. Questi sono derivati ​​dalle cellule che producono il fluido prostatico prima di essere introdotto nello sperma.

Altri tipi di cancri della prostata includono carcinomi a piccole cellule, carcinomi a cellule transizionali, tumori neuroendocrini e sarcomi, ma questi sono tutti rari.

Like this post? Please share to your friends: