Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Cancro alla prostata metastatico: che cosa è necessario sapere

Il cancro alla prostata si verifica quando le cellule della prostata iniziano a crescere in modo incontrollabile.

A volte il cancro alla prostata si sviluppa rapidamente e si diffonde ad altri organi. Questo è noto come carcinoma prostatico in stadio IV e si dice che sia metastatico.

Qual è la prostata?

La prostata evidenziata nel modello 3D dell'anatomia maschile.

La prostata è un piccolo organo a forma di noce che si trova tra la vescica e il retto negli uomini.

Durante l’eiaculazione, le cellule spermatiche viaggiano dai testicoli attraverso le vescicole seminali alla ghiandola prostatica. La prostata secerne fluidi speciali che aiutano le cellule spermatiche a sopravvivere.

Questa combinazione di cellule di liquido e spermatozoi è conosciuta come sperma ed esce dal corpo attraverso l’uretra.

Cos’è il cancro alla prostata metastatico?

In molti casi, il cancro alla prostata cresce molto lentamente; così lentamente, infatti, che molti uomini non sanno nemmeno di avere la malattia. In altri uomini, tuttavia, la malattia si metastatizza – si diffonde agli organi al di fuori di dove è originata.

Esistono due tipi di cancro alla prostata metastatico:

  1. Metastasi locali: il cancro della prostata con metastasi locali significa che il tumore si è diffuso ad altri organi all’interno della pelvi. Questo di solito significa i linfonodi locali, ma può includere qualsiasi organo o struttura nella pelvi.
  2. Metastasi a distanza: metastasi a distanza significa che il tumore della prostata si è diffuso oltre il bacino. Le ossa, la colonna vertebrale, il cervello, il fegato e i polmoni sono siti comuni di metastasi del cancro.

Sintomi

Minzione dolorosa dell'uomo a causa di un problema alla prostata.

I sintomi del cancro alla prostata possono includere:

  • urgenza urinaria
  • difficoltà nell’iniziare o fermare la minzione
  • flusso di urina debole o interrotto
  • minzione dolorosa o bruciante
  • disfunzione erettile
  • eiaculazione dolorosa
  • sangue nelle urine o nello sperma

Chiunque soffra di questi sintomi dovrebbe consultare il proprio medico il prima possibile. Mentre molte altre condizioni possono causare sintomi simili, è importante escludere il cancro alla prostata.

Una volta che una persona è stata diagnosticata con il cancro alla prostata, i segni di metastasi varieranno a seconda del punto in cui si diffonde il cancro e di quanto rapidamente sta crescendo.

Ad esempio, una persona con carcinoma della prostata e metastasi locali ai linfonodi vicini potrebbe non manifestare alcun cambiamento nei sintomi.

Tuttavia, una persona con metastasi alle ossa può sperimentare dolore alle ossa.

Altri sintomi di metastasi possono includere:

  • fatica
  • sentirsi poco bene
  • appetito ridotto
  • perdita di peso
  • gonfiore alle gambe o ai piedi

complicazioni

Il carcinoma prostatico avanzato può causare molti altri problemi di salute a seconda di dove si è diffuso il cancro e di quanto rapidamente si sta diffondendo.

  • Problemi urinari: escrescenze cancerose possono esercitare pressione sulla vescica, sull’uretra o su altri organi pelvici. Il cancro alla prostata può anche diffondersi a quegli organi e causare ritenzione urinaria, sangue nelle urine, incontinenza e difficoltà a svuotare la vescica.
  • Problemi intestinali: il carcinoma prostatico avanzato può causare problemi intestinali, come stitichezza, diarrea, urgenza, ostruzione e incontinenza. Questo è spesso dovuto all’uso di farmaci per il dolore o alla diffusione del cancro alla prostata all’intestino o al retto. Cambiamenti nella dieta, disidratazione e inattività possono anche causare problemi intestinali.
  • Problemi sessuali: non è raro che gli uomini con carcinoma prostatico avanzato abbiano difficoltà a raggiungere o mantenere l’erezione. Alcuni uomini hanno anche una diminuzione della libido o un’incapacità di eiaculare.
  • Dolore osseo o fratture: il cancro alla prostata che si è diffuso alle ossa può causare dolore osseo significativo. Può anche indebolire le ossa, rendendo una persona suscettibile di rotture e fratture.
  • Ipercalcemia: il calcio è immagazzinato nelle ossa ma può fuoriuscire nel sangue se il cancro alla prostata si diffonde alle ossa. Livelli elevati di calcio nel sangue possono causare affaticamento, aumento della sete o necessità di urinare, nausea e vomito, stitichezza e perdita di appetito.
  • Anemia: anemia significa una diminuzione del numero di globuli rossi che sono disponibili per trasportare l’ossigeno in tutto il corpo. Questo può portare a grave affaticamento, mancanza di respiro e aspetto pallido. Di solito è causato dal cancro che si è diffuso al midollo osseo ma può anche essere un effetto collaterale dei trattamenti contro il cancro.
  • Linfedema: il cancro della prostata che si è diffuso ai linfonodi può causare blocchi all’interno dei vasi che trasportano la linfa attorno al corpo. Ciò causa gonfiore alle gambe o allo scroto.

Trattamento

Esistono molti tipi di trattamenti disponibili per il carcinoma della prostata avanzato. Un medico o un oncologo svilupperà un piano di trattamento che tiene conto dei sintomi, della prognosi, degli obiettivi per il trattamento, dell’età e della salute generale dell’individuo.

Terapia ormonale

La terapia ormonale per il cancro alla prostata avanzato interrompe la produzione di ormoni sessuali maschili. Questo può aiutare a prevenire che il cancro continui a crescere. I farmaci comuni includono abiraterone (Zytiga) e enzalutamide (Xtandi).

Chemioterapia

La chemioterapia è un tipo di farmaco che distrugge le cellule tumorali o impedisce loro di moltiplicarsi. Alle persone viene solitamente somministrata la chemioterapia una volta che il cancro alla prostata ha smesso di rispondere alla terapia ormonale.

La chemioterapia è solitamente una combinazione di due o più farmaci che vengono somministrati per via endovenosa, iniettati o presi come una pillola.

Immunoterapia

L’immunoterapia è un tipo di farmaco che modifica il sistema immunitario del corpo per trovare e distruggere le cellule tumorali.

Il trattamento per il cancro alla prostata che si è diffuso alle ossa comprende farmaci come l’acido zoledronico (Zometa) e denosumab (Xgeva). Il trattamento per il cancro metastatico locale può includere anche la radioterapia.

Effetti collaterali del trattamento del cancro alla prostata

Il trattamento del cancro alla prostata può causare alcuni gravi effetti collaterali, tra cui:

Paziente maschio senior che parla con giovane medico maschio.

  • infertilità
  • incontinenza urinaria
  • ritenzione urinaria
  • diarrea
  • disfunzione erettile
  • dolore
  • fatica
  • la perdita di capelli
  • perdita di appetito
  • nausea e vomito

Fortunatamente, ci sono molti farmaci disponibili per trattare gli effetti collaterali del trattamento del cancro.

Una persona non dovrebbe sentire il bisogno di “passare attraverso” o soffrire di sintomi spiacevoli. È importante che chiunque sia sottoposto a una terapia comunichi con il proprio team sanitario gli effetti collaterali che sta riscontrando.

Prognosi

La prognosi per il cancro alla prostata avanzato dipende da dove si è diffuso il cancro e da quanto è in crescita.

Secondo l’American Cancer Society, i tassi di sopravvivenza sono i seguenti:

  • Il carcinoma prostatico locale senza diffusione ha un tasso di sopravvivenza a 5 anni a circa il 100%.
  • Il cancro alla prostata con diffusione locale ha anche un tasso di sopravvivenza a 5 anni a circa il 100%.
  • Il cancro alla prostata con metastasi a distanza ha un tasso di sopravvivenza a 5 anni di circa il 29%.

Queste sono statistiche generali; è importante per una persona affetta da cancro alla prostata parlare con il proprio medico del caso specifico.

prospettiva

Se il cancro alla prostata viene diagnosticato prima che si diffonda, o se si è diffuso solo a strutture vicine, il tasso di sopravvivenza è eccellente.

Ciò rende essenziale lo screening di routine e la diagnosi precoce nella lotta contro il cancro alla prostata.

Gli uomini di età superiore ai 50 anni dovrebbero parlare con un operatore sanitario in merito alle diverse opzioni di screening e quale è più appropriato per loro.

Like this post? Please share to your friends: