Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cancro della pelle: quanto sono efficaci le app per smartphone per la diagnosi precoce?

Il cancro della pelle è il cancro più comune negli Stati Uniti, che rappresenta quasi la metà di tutti i tumori. Ma se viene rilevato precocemente – prima che si diffonda ad altre parti del corpo – è quasi sempre curabile. Ora ci sono una serie di applicazioni per smartphone disponibili che sostengono l’identificazione precoce del cancro della pelle. Ma quanto sono efficaci?

Melanoma

Ogni anno, negli Stati Uniti vengono diagnosticati oltre 3,5 milioni di casi di tumori della pelle a cellule basali e squamose e l’anno scorso è stata diagnosticata la presenza di oltre 76.000 casi di melanoma, la forma più letale della malattia.

I tumori della pelle a cellule basali e squamose, anche noti come tumori della pelle non melanoma, sono quelli che si sviluppano sugli strati esterni della pelle – nelle cellule basali o nelle cellule squamose. Queste sono la forma più comune di tumori della pelle.

Il melanoma è un tumore della pelle che si forma nelle cellule responsabili della pigmentazione della pelle, note come melanociti. Sebbene sia meno comune dei tumori della pelle delle cellule basali o squamose, è molto più aggressivo. Dei 13.000 decessi per cancro della pelle ogni anno, il melanoma rappresenta circa 9.700.

I sintomi di entrambi i tumori della pelle non melanoma e melanoma includono un cambiamento nelle dimensioni o nel colore di una talpa, una crescita o una macchia sulla pelle, una nuova crescita, un cambiamento nella sensazione della pelle – come prurito, dolore o tenerezza – e una diffusione di pigmentazione al di fuori del bordo di una talpa o segno sulla pelle.

Un certo numero di app per smartphone affermano di essere in grado di valutare alcuni cambiamenti della pelle e informare gli individui se tali cambiamenti richiedono una visita a un dermatologo per ulteriori analisi.

Ma quanto sono accurate queste app? Aiutano a diagnosticare precocemente il cancro della pelle? Oppure mettono a rischio i pazienti ritardando la diagnosi? Indaghiamo.

L’ascesa di applicazioni per il cancro della pelle

Nel 2012, ha riferito sulla creazione di un’applicazione per la cura della pelle chiamata UMSkinCheck.

L’app, scaricabile gratuitamente dall’App Store di iPhone, fornisce indicazioni su come controllare la presenza di lesioni cutanee e talpe e gli utenti possono scattare foto di eventuali lesioni o talpe sospette e farle valutare dall’app. L’app ricorda inoltre agli utenti di monitorare eventuali cambiamenti della pelle nel tempo e include informazioni sulla prevenzione del cancro della pelle.

L’anno scorso, ha riferito su un’altra applicazione per la cura della pelle chiamata Mole Detective – disponibile per l’acquisto tramite Google Play. L’app analizza le immagini delle talpe della pelle e le analizza utilizzando il metodo ABCDE (asimmetria, bordo, colore, diametro ed evoluzione) intrapreso dai dermatologi. L’app calcola quindi il rischio di cancro della pelle di una persona in base alle caratteristiche della sua talpa.

Più di recente è arrivato il lancio di un’applicazione chiamata SkinVision, che afferma di aiutare nella diagnosi precoce del melanoma.

SkinVision utilizza una teoria matematica chiamata “geometria frattale” per analizzare le foto di lesioni cutanee e talpe scattate dall’utente. Secondo i produttori, SkinVision è la prima app ad utilizzare questa teoria per il rilevamento precoce del melanoma.

Il video qui sotto fornisce ulteriori informazioni su come funziona SkinVision:

In uno studio pubblicato l’anno scorso, i ricercatori hanno testato l’accuratezza dell’app attraverso l’analisi di 195 immagini di lesioni cutanee. L’app era accurata all’81% nel rilevamento del melanoma, con una sensibilità del 73% e una specificità dell’83%. Tuttavia, le diagnosi cliniche tramite dermatologi presentavano una sensibilità dell’88% e una specificità del 97%.

“Con un’accuratezza dell’81% nel rilevamento del melanoma, l’algoritmo potrebbe avere alcune potenzialità in futuro per la valutazione dei nevi melanocitari, ma è finora insufficiente a rilevare accuratamente il melanoma”, hanno osservato i ricercatori.

E questo non è l’unico studio per mettere in dubbio l’accuratezza delle app per il cancro della pelle.

La dipendenza dalle app per il cancro della pelle per il rilevamento “non ancora giustificata”

L’anno scorso – in uno studio pubblicato su – Joel A. Wolf e colleghi dell’Università di Pittsburgh, PA, hanno analizzato quattro app per smartphone che pretendono di rilevare il cancro della pelle.

Tre app hanno utilizzato algoritmi per valutare il rischio di cancro tra 188 foto di lesioni cutanee – 60 pre-diagnosticate come melanoma e 128 pre-diagnosticate come benigne – mentre la quarta app ha inviato le foto a un dermatologo per la valutazione.

La quarta app è risultata la più accurata. Le altre tre app che utilizzavano algoritmi, tuttavia, sono state trovate per classificare erroneamente un gran numero di lesioni cutanee. Anche l’app più accurata ha mancato quasi il 30% dei melanomi, diagnosticandoli come lesioni a basso rischio.

Parlando con, il dott. Frank Perna, direttore del programma per la divisione di controllo del cancro e scienze della popolazione presso il National Cancer Institute, dice che tali risultati indicano che le app per il cancro della pelle non dovrebbero essere invocate per il rilevamento del cancro:

“Gli studi pubblicati suggeriscono che, a questo punto, vi è una grande variabilità nella sensibilità e specificità di queste applicazioni per il rilevamento del melanoma, pertanto la dipendenza da queste applicazioni non è giustificata”.

Va notato che la maggior parte degli sviluppatori di applicazioni per il cancro della pelle sottolineano che gli utenti non dovrebbero affidarsi esclusivamente alle app per il rilevamento del cancro della pelle. SkinVision, ad esempio, dichiara sul proprio sito Web:

“Il contenuto non è inteso come un sostituto per la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.Non ignorare i consigli medici professionali o ritardare la ricerca a causa di qualcosa che hai letto su SkinVision.Non affidarsi alle informazioni di SkinVision invece di cercare un consiglio medico professionale “.

Le app per il cancro della pelle potrebbero ritardare la diagnosi?

Ma in questi tempi moderni, tendiamo a fare affidamento sulla tecnologia per molti aspetti della vita, e un sondaggio del 2012 del Pew Research Internet Project ha rivelato che circa il 35% degli adulti statunitensi dichiara di aver usato risorse online – comprese le app di salute – per diagnosticare un condizioni mediche.

Ovviamente, le app per la salute hanno i loro usi.È bello essere in grado di monitorare costantemente la pressione sanguigna e tenere traccia del nostro peso o di quello che stiamo mangiando. Ma quando si tratta di una diagnosi di cancro della pelle, alcuni professionisti ritengono che affidarsi a un’app per smartphone per il rilevamento sia preoccupante.

“Se i pazienti usano una di queste [applicazioni] per dire” melanoma “o” non melanoma “, si metteranno nei guai, ma questo non può essere l’unico dermatologo di una persona”. Ken Beer, un dermatologo di West Palm Beach, Florida, ha raccontato l’anno scorso.

Il dottor Darrell Rigel, del NYU Langone Medical Center di New York, NY, ha fatto eco a questo commento parlando con:

“È molto preoccupante che queste app siano utilizzate per la diagnosi da parte dei pazienti, poiché potrebbe portare a un ritardo nella diagnosi del melanoma, il tumore che è forse il più critico nella diagnosi precoce è importante per la sopravvivenza”.

I potenziali benefici delle app per il cancro della pelle

Sebbene molti professionisti della salute abbiano sollevato preoccupazioni riguardo alla dipendenza dalle app per il cancro della pelle, altri hanno elogiato tali app in termini di potenziale sensibilizzazione del pubblico in generale e incoraggiando i pazienti a visitare un dermatologo per la valutazione.

I ricercatori dello studio che ha valutato l’app SkinVision, ad esempio, dicono:

“Vediamo il potenziale principale per le applicazioni smartphone nel miglioramento della comunicazione medico-paziente rendendoci consapevoli della necessità di uno screening del cancro della pelle e dando una base di interazione”.

Parlando con, il dottor Perna osserva che alcune app per la cura della pelle possono anche aiutare la prevenzione del cancro della pelle. SkinVision – e altre app – forniscono informazioni sull’indice dell’ultravioletto (UV) nell’area di un utente, consentendo loro di agire in modo appropriato per ridurre l’esposizione ai raggi UV in eccesso – una causa primaria del cancro della pelle.

Il dottor Perna ha aggiunto che è improbabile che le informazioni sugli indici UV da sole siano sufficienti a cambiare il comportamento di protezione UV di una persona, ma che potrebbe essere di aiuto.

“Considerando che molte persone ricevono un’eccessiva esposizione ai raggi UV attraverso l’esposizione accidentale – ad esempio impegnandosi in attività fisiche o attività lavorative – ci possono essere opportunità di sfruttare piattaforme / dispositivi di tracciamento di attività fisica con piattaforme che forniscono informazioni sugli indici UV”, ha affermato.

“Questo approccio resta da testare, tuttavia, dati gli sviluppi tecnologici e le opportunità per sfruttare la salute dei dispositivi mobili, vorremmo incoraggiare ulteriori ricerche in questo settore”.

È necessario più lavoro per migliorare le app per il cancro della pelle

A questo punto, gli operatori sanitari sono concordi nell’affermare che le app per la cura della pelle non sono sufficientemente accurate da essere utilizzate in sostituzione di un dermatologo per valutare il rischio di cancro della pelle di una persona. Ma raggiungeranno mai un punto in cui lo sono?

Il dottor Perna ci ha detto:

“Sembra che sia necessario lavorare di più per migliorare queste applicazioni, ma è in corso. In ultima analisi, la misura in cui un approccio di app apporta risultati mediocri ed eventualmente effetti iatrogeni è una questione di ricerca empirica.

Quando sono stati incorporati sufficienti miglioramenti tecnici e collegamenti con le strategie di cambiamento del comportamento, ritengo che i dati sarebbero utili. “

Ma per ora, gli operatori sanitari e le organizzazioni di tutto il mondo raccomandano che se un individuo nota segni o lesioni sospetti sulla pelle, o cambiamenti in moli o sensazione della pelle, il primo punto di chiamata dovrebbe essere un medico o un dermatologo.

Questo articolo fa seguito a una funzione di spotlight compilata da settembre, in cui abbiamo esaminato se le app di salute fanno più male che bene.

Scritto da Honor Whiteman

Like this post? Please share to your friends: