Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cancro: gli alimenti “ultra-elaborati” possono aumentare il rischio

Un ampio studio suggerisce che l’aumento del consumo di alimenti ultra-elaborati – come bevande gassate e zuccherate, spaghetti istantanei, snack confezionati e alcune carni ricostituite – possa essere collegato a un aumento proporzionale del rischio di cancro.

alimenti trasformati sul tavolo

Tuttavia, nel loro rapporto sulle scoperte recentemente pubblicate da scienziati delle università di Parigi, Francia e San Paolo in Brasile, si avverte che la scoperta proviene da uno studio osservazionale e che ora è necessario effettuare ulteriori ricerche per confermarlo.

Gli studi osservazionali non sono progettati per dimostrare la causa e l’effetto, ma possono offrire approfondimenti sui collegamenti tra variabili come dieta e malattia.

In questo caso, i ricercatori hanno analizzato la dieta e la salute di 105.000 individui di mezza età nello studio di coorte NutriNet-Santé. I partecipanti hanno dato informazioni sulla loro assunzione tipica di migliaia di cibi diversi.

Hanno scoperto che per ogni aumento del 10% nella proporzione di alimenti ultra-elaborati consumati, c’era un rischio maggiore di cancro del 12%.

Ulteriori analisi hanno rivelato un aumento dell’11% nel rischio di cancro al seno, ma nessun legame significativo con l’aumento del rischio di cancro alla prostata o tumore del colon-retto.

“Con l’aumento del consumo globale di alimenti altamente trasformati”, riportano Martin Lajous e Adriana Monge, dell’Istituto nazionale della sanità pubblica in Messico, in un editoriale collegato, “la comprensione dell’impatto sulla salute di questi alimenti è diventata un argomento pertinente e attuale. “

Delle nuove scoperte, osservano che sebbene offra “una visione iniziale di un possibile legame tra alimenti ultra-elaborati e cancro […] siamo molto lontani dalla comprensione delle piene implicazioni dell’elaborazione degli alimenti per la salute e il benessere “.

Alti tassi di cancro e cibi ultra-elaborati

Le ultime stime di cifre mondiali suggeriscono che ci sono stati 14,1 milioni di nuovi casi di cancro nel 2012 e che questo numero dovrebbe salire a 24 milioni entro il 2035.

Negli Stati Uniti, dove il cancro è la seconda causa di morte più comune, l’American Cancer Society (ACS) stima che nel 2018 ci saranno circa 1,7 milioni di nuovi casi di cancro diagnosticati e oltre 609.000 decessi.

Secondo l’ACS, almeno il 42% dei casi di cancro diagnosticati di recente è prevenibile. Questi includono 19 per cento in cui il fumo è la causa principale e il 18 per cento che deriva da una combinazione di fattori, tra cui “scarsa nutrizione”.

Nel loro nuovo studio, i ricercatori citano prove che suggeriscono che molti paesi si stanno spostando verso un maggiore consumo di “cibi ultra-elaborati” o alimenti che sono stati sottoposti a diversi “processi fisici, biologici e / o chimici”.

Una serie di sondaggi, tra cui alcuni condotti negli Stati Uniti, in Europa, Brasile, Canada e Nuova Zelanda, hanno rivelato che il 25-50% del consumo giornaliero di energia proviene da alimenti ultra-elaborati come bevande gassate, snack confezionati e prodotti da forno, piatti pronti, cereali zuccherati e carni ricostituite.

Una necessità di indagare sul collegamento

I ricercatori suggeriscono che le conseguenze sulla salute di questa tendenza dovrebbero essere studiate, perché i cibi ultra-elaborati hanno una serie di caratteristiche che potrebbero essere causa di malattia.

Ad esempio, sono più alti in zuccheri aggiunti e sale, nonché grassi totali e grassi saturi, e sono meno ricchi di fibre e vitamine.

Un’altra preoccupazione è che, a causa del contatto con i materiali di imballaggio, i cibi ultra-elaborati possono essere contaminati da sostanze potenzialmente dannose.

Inoltre, questi alimenti contengono additivi che, sebbene approvati per l’uso alimentare, rimangono controversi in quanto alcuni studi su animali e cellule hanno suggerito che potrebbero causare il cancro. Questi additivi comprendono il nitrito di sodio per additivo di carne trattato e il biossido di titanio del pigmento per alimenti bianchi.

La ricerca degli effetti sulla salute degli alimenti ultra-elaborati è un campo relativamente nuovo. Alcuni studi hanno sollevato la possibilità che possano essere collegati a un più alto rischio di obesità, ipertensione e colesterolo alto, ma prove solide sono “ancora molto scarse”.

Gli autori scrivono che, a loro conoscenza, il loro studio osservazionale “è il primo a indagare ed evidenziare un aumento del rischio di cancro al seno in generale – e in particolare al seno associato all’assunzione di cibo ultra-elaborato”.

Classificazione alimentare dettagliata

Per il loro studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di persone che hanno compilato questionari sugli alimenti che hanno consumato in 24 ore in almeno due occasioni. I dettagli raccolti hanno permesso loro di misurare l’assunzione tipica di 3.300 cibi diversi.

L’incidenza del cancro è stata misurata su una media di 5 anni. I dati sono stati ricavati dalle informazioni sui rapporti dei partecipanti e sono stati confrontati con le cartelle cliniche e i database nazionali.

I ricercatori hanno categorizzato gli alimenti in quattro gruppi, in base alla “portata e allo scopo della trasformazione alimentare industriale”.

Gli alimenti ultra-elaborati sono quelli che, secondo il sistema di classificazione utilizzato nello studio, sono sottoposti alla più industriale trasformazione alimentare.

Il documento di studio fornisce una lunga lista di alimenti ultra-elaborati, tra cui: crocchette di pesce; snack dolci e salati confezionati; pane confezionato; prodotti a base di carne che sono stati ricostituiti con l’aiuto di nitriti o altri conservanti non salini; e cibi “fatti per lo più, o interamente da zucchero, oli e grassi”.

Alcuni esempi di sostanze aggiunte durante la lavorazione industriale includono agenti aromatizzanti, colori, umettanti, emulsionanti e dolcificanti artificiali. Questi sono spesso aggiunti per “imitare proprietà sensoriali” o per “nascondere le qualità indesiderabili”.

Nessun legame con il cancro con meno alimenti trasformati

All’altra estremità dello spettro del prodotto ci sono alimenti di base come “frutta, verdura, legumi, riso, pasta, uova, carne” che hanno subito una lavorazione minima o nulla. Sono tipicamente “freschi o secchi, macinati, refrigerati, congelati, pastorizzati o fermentati”.

Nel mezzo si trovano i cibi meno elaborati, che includono “verdure in scatola con aggiunta di sale, frutta secca ricoperta di zucchero” e carne che è stata “conservata solo mediante salatura”, oltre a “formaggi e pane sfuso appena confezionato”.

Lo studio non ha rivelato alcun collegamento significativo tra il cancro e il consumo di alimenti meno elaborati, e un minor rischio di cancro e cancro al seno in generale con l’assunzione di alimenti freschi e minimamente trasformati.

Pur lodando i ricercatori per i dati dettagliati che hanno analizzato e raccolti su dieta e cancro, nonché per le molteplici analisi statistiche che hanno condotto, Lajous e Monge notano tuttavia che “i risultati interessanti richiedono la replicazione e un ulteriore perfezionamento”.

Sottolineano inoltre che mentre il sistema di classificazione degli alimenti utilizzato nella ricerca “può essere utile a fini descrittivi e per la replica”, non fornisce necessariamente il tipo di dettaglio che è utile per i consumatori e i responsabili politici.

Lajous e Monge concludono:

“Bisogna fare attenzione a trasmettere i punti di forza e le limitazioni di questa ultima analisi al pubblico in generale e ad aumentare la comprensione del pubblico della complessità associata alla ricerca nutrizionale nelle popolazioni viventi libere”.

Like this post? Please share to your friends: