Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cancro: la proteina bersaglio potrebbe impedire la diffusione dei tumori

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista ha scoperto una proteina che aiuta i tumori a diffondersi consentendo loro di far crescere i vasi sanguigni. Il blocco della proteina ha impedito ai tumori di metastatizzare in modo efficiente in esperimenti di laboratorio.

cellule tumorali che si dividono

Il nuovo studio è stato condotto da James P. Quigley, professore del Dipartimento di Medicina Molecolare presso lo Scripps Research Institute (TSRI) di La Jolla, California, e Daniel Rifkin, professore di medicina presso la School of Medicine della New York University in New York City. Elena Deryugina, assistente professore al TSRI, è la prima autrice dell’articolo.

Deryugina ed i suoi colleghi hanno iniziato dall’osservazione che i livelli più bassi di una proteina chiamata TGF-beta binding 3 (LTBP3) latente si correla con migliori risultati di sopravvivenza in persone con determinate forme di cancro.

Al fine di promuovere le metastasi, LTBP3 si lega a un’altra sostanza nota come TGF-beta, che è un fattore di crescita “trasformante” che svolge un duplice ruolo nel cancro, in quanto può aiutare i tumori a diffondersi o impedirgli di farlo.

Come per i fattori di crescita in generale, i nostri corpi richiedono il TGF-beta per funzionare correttamente. La ricerca ha dimostrato che nelle cellule normali e nei primi tumori il TGF-beta sopprime i tumori, ma nei tumori più avanzati trasforma e promuove la crescita dei tumori.

La sfida per i ricercatori finora è stata quella di mitigare gli effetti dannosi del TGF-beta senza alterarne il ruolo chiave per il normale funzionamento cellulare.

Nella nuova ricerca, Deryugina e colleghi hanno studiato più da vicino l’interazione tra LTBP3 e TGF-beta.

Dalla ricerca precedente che hanno condotto insieme, gli scienziati conoscevano i molti modi in cui LTBP3 aiuta a regolare il TGF-beta attaccandosi ad esso. Tuttavia, non sapevano se la proteina controllasse ancora più processi o avesse un ruolo autonomo nel guidare le metastasi del cancro.

LTBP3 aiuta i tumori a far crescere i vasi sanguigni

Per indagare su questo, i ricercatori hanno eliminato il gene LTBP3 nei roditori e nei modelli di cancro degli embrioni di pollo, così come nelle linee di cellule tumorali umane.

Le linee cellulari umane provenivano da carcinoma, carcinoma della testa e del collo e fibrosarcoma. I roditori sono stati anche utilizzati per modellare le metastasi del tumore della testa e del collo.

In tutti i modelli, i ricercatori hanno scoperto che i tumori primari non potevano metastatizzare correttamente senza LTBP3. Come spiega il Prof. Quigley, “I nostri risultati sperimentali hanno mostrato che LTBP3 è attivo nei primi stadi della diffusione metastatica.”

“In particolare,” dice Deryugina, “LTBP3 sembra aiutare i tumori a sviluppare nuovi vasi sanguigni in un processo chiamato angiogenesi, che è fondamentale per l’intravasazione delle cellule tumorali, cioè quando le cellule tumorali entrano in vasi sanguigni di dimensioni e permeabilità definite”.

Questi risultati, sostengono gli autori, confermano la ricerca precedente che ha dimostrato che bassi livelli di LTBP3 predicono una prospettiva migliore per le persone con tumore della testa e del collo.

“Collettivamente”, concludono gli scienziati, “questi risultati dimostrano che LTBP3 rappresenta un nuovo bersaglio” – che potrebbe potenzialmente impedire ai tumori in fase iniziale di progredire senza interferire con i normali ruoli del TGF-beta.

In futuro, il team prevede di esaminare più da vicino la complessa dinamica tra LTBP3 e TGF-beta nel guidare l’angiogenesi in profondità all’interno di un tumore.

Like this post? Please share to your friends: