Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cannibalismo: un avvertimento sulla salute

Ci sono pochi argomenti che causano sentimenti di ribrezzo più intensi del cannibalismo. Il consumo della carne di un altro umano è aberrante, vile, e – per la sensibilità occidentale – moralmente sbagliato. Tuttavia, il cannibalismo è dannoso per la tua salute?

Cuore su un piatto con posate]

Sebbene la reazione istintiva a mangiare carne umana sia forte, l’effettiva moralità ed etica dietro questi sentimenti non sono così semplici come appaiono per la prima volta.

Il cannibalismo si verifica in molte specie ed è stato parte della cultura umana per migliaia di anni.

A volte, il cannibalismo assumerebbe la forma di mangiare parti dei propri nemici per assumere la loro forza. In altre tribù, il consumo di carne umana aveva un significato più rituale.

In tempi disperati, le persone hanno ripiegato sul cannibalismo per sopravvivere; per esempio, ci sono rapporti di cannibalismo durante la carestia della Corea del Nord nel 2013, l’assedio di Leningrado nei primi anni ’40 e il “Grande balzo in avanti” della Cina alla fine degli anni ’50 e ’60.

In Europa, dal 14 ° secolo fino agli inizi del 18 ° secolo, parti del corpo umano furono consapevolmente vendute e acquistate come farmaci, in particolare ossa, sangue e grasso. Persino i sacerdoti e le famiglie reali consumavano abitualmente prodotti per il corpo umano nel tentativo di allontanare qualsiasi cosa, dal mal di testa all’epilessia, e dal sangue dal naso alla gotta.

In alcune culture, una volta che una persona cara è morta, parti di esse vengono consumate in modo che, letteralmente, diventino parte di te. Per le menti “civilizzate”, questo sembra inquietante, ma per le menti di coloro che intrattengono questi rituali di “transizione”, seppellire tua madre nella polvere o lasciarla completamente consumata dai vermi è altrettanto inquietante.

Una volta che iniziamo a togliere la capacità del cannibalismo di farci istantaneamente ritrattare, vediamo che i nostri sentimenti non sono così netti come sembrano. Ad esempio, molti di noi mangiano ancora le unghie e alcune donne mangiano la placenta dopo il parto. Le linee sono, forse, leggermente più sfocate di quanto la nostra reazione iniziale potrebbe inferire.

Ai fini di questo articolo, non abbiamo bisogno di intrometterci nell’interazione tra sentimenti istintivi istintivi e logica fredda e difficile. Qui ci concentreremo sulle conseguenze negative per la salute del cannibalismo.

Nella maggior parte delle civiltà, il cannibalismo è l’ultimo punto di riferimento, usato solo se l’alternativa è certa morte. Ma quali sono le potenziali conseguenze sulla salute del mangiare il prossimo, se esiste?

Le implicazioni sulla salute dei colleghi che mangiano

Anche se sembra “sbagliato”, la buona notizia è che consumare carne umana cotta non è più pericoloso che mangiare la carne cotta di altri animali. Lo stesso vale per la maggior parte del corpo umano; le implicazioni sulla salute sono simili a quelle di mangiare un grande onnivoro.

Tuttavia, c’è un organo che dovrebbe essere evitato a tutti i costi: il cervello.

Il popolo Fore di Papua Nuova Guinea, fino a tempi relativamente recenti, praticava il transito – mangiare parenti defunti. È questo gruppo isolato che ha dimostrato le gravissime conseguenze del mangiare il cervello di un altro umano.

Kuru è un’encefalopatia spongiforme unanimemente fatale e trasmissibile; è una malattia a base prionica simile alla BSE (encefalopatia spongiforme bovina), nota anche come malattia della mucca pazza.

Le malattie da prioni sono associate all’accumulo di una glicoproteina anormale nota come proteina prionica (PrP) nel cervello. La PrP si presenta naturalmente, in particolare nel sistema nervoso. Le sue funzioni in salute non sono ancora completamente comprese; tuttavia, PrP è noto per svolgere un ruolo in un certo numero di malattie, tra cui il morbo di Alzheimer.

Le popolazioni Fore sono l’unica popolazione conosciuta al mondo ad aver avuto un’epidemia di kuru e, al suo apice negli anni ’50, è stata la principale causa di morte nelle donne tra i Fore e i loro vicini più vicini.

La parola “kuru” deriva dal linguaggio Fore e significa “tremare”. Il Kuru è anche conosciuto come “malattia che ride” a causa degli scoppi patologici di risate che i pazienti potrebbero mostrare.

Il primo rapporto del kuru per raggiungere le orecchie occidentali proveniva dagli amministratori australiani che stavano esplorando l’area:

“Il primo segno di morte imminente è una debolezza generale che è seguita da debolezza generale e incapacità di stare in piedi.” La vittima si ritira a casa sua.È in grado di prendere un po ‘di nutrimento ma soffre di violenti brividi.Il prossimo stadio è che la vittima si sdraia in casa e non può prendere nutrimento, e alla fine ne consegue la morte. “

W. T. Brown

Al suo apice, il 2% di tutti i decessi nei villaggi Fore era dovuto al kuru. La malattia colpiva prevalentemente donne e bambini; in effetti, alcuni villaggi sono diventati quasi completamente privi di donne.

Questa differenza di genere nella malattia sembra essere stata per un paio di motivi; Gli uomini credevano che, durante i periodi di conflitto, consumare carne umana li indebolisse, così donne e bambini mangiavano più comunemente i defunti. Inoltre, erano soprattutto le donne e i bambini che erano responsabili della pulizia dei corpi, lasciando loro un aumentato rischio di infezione attraverso eventuali ferite aperte.

I sintomi del kuru

Kuru ha un lungo periodo di incubazione in cui non ci sono sintomi. Questo periodo asintomatico dura spesso 5-20 anni, ma in alcuni casi può trascinarsi per più di 50 anni. Una volta che i sintomi appaiono, sono sia fisiologici che neurologici e sono spesso divisi in tre fasi:

Palcoscenico ambulatoriale

[Cervello umano]

  • Mal di testa
  • Dolori articolari
  • tremante
  • Perdita di equilibrio
  • Deterioramento della parola
  • Diminuzione del controllo muscolare.

Palcoscenico sedentario

  • Diventa incapace di camminare
  • Perdita di coordinazione muscolare
  • Forti tremori
  • Instabilità emotiva – depressione con esplosioni di risate incontrollabili.

Terminal

  • Non posso sedermi senza essere supportato
  • Praticamente nessuna coordinazione muscolare
  • Incapace di parlare
  • Incontinente
  • Difficoltà a deglutire
  • Non risponde ai dintorni
  • Ulcerazioni con pus e necrosi (morte tessutale).

Generalmente, il paziente morirà tra 3 mesi e 2 anni dall’insorgenza dei sintomi. La morte di solito si verifica a causa di polmonite o piaghe da decubito infette.

Per fortuna, il kuru è quasi completamente scomparso. Durante gli anni ’50, le forze di polizia coloniali australiane e i missionari cristiani contribuirono a ridurre il cannibalismo funerario dei Fore. Una volta eliminata la pratica, o ridotta significativamente, il prione non poteva più diffondersi tra i membri della tribù. Si pensa che l’ultima vittima della malattia sia morta nel 2005.

Sebbene il kuru non sia mai un problema di salute per la maggior parte dell’umanità, l’epidemia si è rivelata utile per i ricercatori medici. Le preoccupazioni relativamente recenti relative alla BSE e alla malattia di Creutzfeldt-Jakob hanno generato una rinascita di interesse per il kuru.

Kuru rimane l’unica epidemia conosciuta di una malattia da prioni umani. Comprendendo questa malattia e il suo funzionamento, i trattamenti potrebbero essere progettati per prevenire, o almeno ridurre, le probabilità di future epidemie neurologiche basate su prioni.

Like this post? Please share to your friends: