Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Capire i sintomi della schizofrenia

La schizofrenia è un disturbo mentale che di solito compare nella tarda adolescenza o nella prima età adulta. Caratterizzato da delusioni, allucinazioni e altre difficoltà cognitive, la schizofrenia può spesso essere una lotta per tutta la vita.

In questo articolo, tratteremo le cause, i sintomi e il trattamento della schizofrenia.

Fatti veloci sulla schizofrenia

Ecco alcuni punti chiave sulla schizofrenia. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La schizofrenia colpisce circa l’1% della popolazione.
  • I sintomi includono delusioni, allucinazioni e pensieri disorganizzati.
  • La diagnosi di schizofrenia arriva solo dopo che è stata esclusa un’altra malattia.

Cos’è la schizofrenia?

La schizofrenia colpisce più frequentemente tra i 16 ei 30 anni e i maschi tendono a mostrare sintomi a un’età leggermente più giovane delle femmine. In molti casi, il disturbo si sviluppa così lentamente che l’individuo non sa di averlo avuto per molti anni. Tuttavia, in altri casi, può colpire improvvisamente e svilupparsi rapidamente.

La schizofrenia colpisce circa l’1% di tutti gli adulti, a livello globale. Gli esperti dicono che la schizofrenia è probabilmente molte malattie mascherate da una sola persona.

I sintomi della schizofrenia

[Schizofrenia scritta su carta]

Una percentuale considerevole di persone con schizofrenia deve fare affidamento sugli altri perché non sono in grado di tenere un lavoro o prendersi cura di se stessi.

Molti possono anche resistere al trattamento, sostenendo che non c’è niente di sbagliato in loro.

Alcuni pazienti possono presentare sintomi chiari, ma in altre occasioni possono sembrare buoni fino a quando iniziano a spiegare quello che stanno veramente pensando.

Gli effetti della schizofrenia vanno ben oltre il paziente: anche le famiglie, gli amici e la società sono colpiti.

I sintomi e i segni della schizofrenia variano a seconda dell’individuo.

I sintomi sono classificati in quattro categorie:

  • Sintomi positivi – noti anche come sintomi psicotici. Ad esempio, delusioni e allucinazioni.
  • Sintomi negativi: si riferiscono a elementi che vengono sottratti all’individuo. Ad esempio, assenza di espressioni facciali o mancanza di motivazione.
  • Sintomi cognitivi – questi influenzano i processi mentali della persona. Possono essere sintomi positivi o negativi, ad esempio, una scarsa concentrazione è un sintomo negativo.
  • Sintomi emotivi – questi sono in genere sintomi negativi, come le emozioni smussate.

Di seguito è riportato un elenco dei principali sintomi:

  • Delusioni – il paziente mostra false credenze, che possono assumere molte forme, come delusioni di persecuzione o delusioni di grandezza. Potrebbero sentire gli altri stanno tentando di controllarli da remoto. Oppure, potrebbero pensare di avere poteri e abilità straordinarie.
  • Allucinazioni – sentire le voci è molto più comune di vedere, sentire, assaggiare o odorare cose che non ci sono, tuttavia, le persone con schizofrenia possono sperimentare una vasta gamma di allucinazioni.
  • Disturbo del pensiero – la persona può saltare da un soggetto all’altro senza motivo logico. L’oratore potrebbe essere difficile da seguire o irregolare.

Altri sintomi possono includere:

  • Mancanza di motivazione (avulition) – il paziente perde la sua guida. Le azioni quotidiane, come il lavaggio e la cottura, vengono trascurate.
  • Scarsa espressione di emozioni – le risposte a occasioni felici o tristi possono essere carenti o inappropriate.
  • Ritiro sociale – quando un paziente con schizofrenia si ritira socialmente, è spesso perché ritengono che qualcuno possa far loro del male.
  • Inosservanza della malattia – poiché le allucinazioni e le delusioni sembrano così reali per i pazienti, molti di loro potrebbero non credere di essere malati. Possono rifiutarsi di assumere farmaci per paura di effetti collaterali o per timore che il farmaco possa essere veleno, per esempio.
  • Difficoltà cognitive – la capacità del paziente di concentrarsi, richiamare le cose, pianificare in anticipo e organizzare la propria vita sono influenzate. La comunicazione diventa più difficile.

Quali sono le cause della schizofrenia?

Gli esperti ritengono che diversi fattori siano generalmente coinvolti nel contribuire all’insorgere della schizofrenia.

L’evidenza suggerisce che i fattori genetici e ambientali agiscono insieme per provocare la schizofrenia. La condizione ha un elemento ereditato, ma anche i fattori scatenanti ambientali lo influenzano in modo significativo.

Di seguito è riportato un elenco dei fattori che si ritiene contribuiscano all’insorgere della schizofrenia:

Eredità genetica

Se non c’è una storia di schizofrenia in una famiglia, le probabilità di svilupparlo sono inferiori all’1 per cento. Tuttavia, tale rischio sale al 10% se viene diagnosticato un genitore.

Squilibrio chimico nel cervello

Gli esperti ritengono che uno squilibrio di dopamina, un neurotrasmettitore, sia coinvolto nell’insorgenza della schizofrenia. Possono essere coinvolti anche altri neurotrasmettitori, come la serotonina.

Relazioni familiari

Non ci sono prove per dimostrare o addirittura indicare che le relazioni familiari potrebbero causare la schizofrenia, tuttavia, alcuni pazienti con la malattia ritengono che la tensione familiare scateni le ricadute.

Fattori ambientali

Sebbene non vi siano prove certe, molti traumi sospetti prima della nascita e infezioni virali possono contribuire allo sviluppo della malattia.

Le esperienze stressanti precedono spesso l’emergere della schizofrenia. Prima che tutti i sintomi acuti siano evidenti, le persone con schizofrenia abitualmente diventano di cattivo umore, ansiose e sfocate. Questo può innescare problemi di relazione, divorzio e disoccupazione.

Questi fattori sono spesso attribuiti alla comparsa della malattia, quando in realtà era il contrario: la malattia ha causato la crisi. Pertanto, è estremamente difficile sapere se la schizofrenia ha causato determinati stress o si è verificata a causa di loro.

Schizofrenia indotta da farmaci

La marijuana e l’LSD sono noti per causare ricadute di schizofrenia.Inoltre, per le persone con una predisposizione a una malattia psicotica come la schizofrenia, l’uso di cannabis può innescare il primo episodio.

Alcuni ricercatori ritengono che alcuni farmaci da prescrizione, come steroidi e stimolanti, possano causare psicosi.

Trattamenti per la schizofrenia

[Giovane in difficoltà]

Con un trattamento adeguato, i pazienti possono condurre una vita produttiva.

Il trattamento può aiutare ad alleviare molti dei sintomi della schizofrenia. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti con il disturbo deve affrontare i sintomi per tutta la vita.

Gli psichiatri dicono che il trattamento più efficace per i pazienti schizofrenici è solitamente una combinazione di:

  • medicazione
  • Assistenza psicologica
  • risorse di auto-aiuto

I farmaci anti-psicosi hanno trasformato il trattamento della schizofrenia. Grazie a loro, la maggior parte dei pazienti è in grado di vivere nella comunità, piuttosto che stare in ospedale.

I più comuni farmaci per la schizofrenia sono:

  • Risperidone (Risperdal) – meno sedativo di altri antipsicotici atipici. L’aumento di peso e il diabete sono possibili effetti collaterali, ma è meno probabile che accada, rispetto a Clozapina o Olanzapina.
  • Olanzapina (Zyprexa) – può anche migliorare i sintomi negativi. Tuttavia, i rischi di un grave aumento di peso e lo sviluppo del diabete sono significativi.
  • Quetiapina (Seroquel) – rischio di aumento di peso e diabete, tuttavia, il rischio è inferiore a Clozapina o Olanzapina.
  • Ziprasidone (Geodon): il rischio di aumento di peso e diabete è inferiore rispetto ad altri antipsicotici atipici. Tuttavia, potrebbe contribuire all’aritmia cardiaca.
  • Clozapina (Clozaril) – efficace per i pazienti che sono stati resistenti al trattamento. È noto per abbassare i comportamenti suicidari nei pazienti con schizofrenia. Il rischio di aumento di peso e diabete è significativo.
  • Aloperidolo: un antipsicotico usato per trattare la schizofrenia. Ha un effetto duraturo (settimane).

Il trattamento di schizofrenia primario è un farmaco. Purtroppo, la conformità (seguendo il regime terapeutico) è un grosso problema. Le persone con schizofrenia spesso escono dalle loro medicine per lunghi periodi durante la loro vita, con enormi costi personali per se stessi e spesso per coloro che li circondano.

Il paziente deve continuare ad assumere farmaci anche quando i sintomi sono scomparsi. Altrimenti torneranno.

La prima volta che una persona sperimenta sintomi di schizofrenia, può essere molto spiacevole. Potrebbero volerci molto tempo per riprendersi e quella ripresa può essere un’esperienza solitaria. È fondamentale che una persona che vive con la schizofrenia riceva il pieno sostegno della famiglia, degli amici e dei servizi alla comunità quando l’esordio compare per la prima volta.

Tipi di schizofrenia

In precedenza, c’erano numerosi sottotipi di schizofrenia; questi inclusi, schizofrenia paranoica, schizofrenia paranoide e disturbo schizoaffettivo. Oggi questi sottotipi non sono usati dai medici.

Per una spiegazione più dettagliata del perché non vengono utilizzati, leggi il nostro articolo “Tipi di schizofrenia: cosa sono e sono ancora utilizzati?”

Diagnosi e test della schizofrenia

[Campione di sangue]

Una diagnosi di schizofrenia viene raggiunta osservando le azioni del paziente. Se il medico sospetta la possibile schizofrenia, dovrà conoscere la storia clinica e psichiatrica del paziente.

Verranno ordinati alcuni test per escludere altre malattie e condizioni che potrebbero scatenare sintomi simili alla schizofrenia, come ad esempio:

  • Esami del sangue – nei casi in cui l’uso di droghe può essere un fattore che può essere ordinato un esame del sangue. Gli esami del sangue sono anche fatti per escludere le cause fisiche della malattia.
  • Studi di imaging – per escludere tumori e problemi nella struttura del cervello.
  • Valutazione psicologica: uno specialista valuterà lo stato mentale del paziente chiedendo pensieri, stati d’animo, allucinazioni, tratti suicidi, tendenze violente o potenziale di violenza, nonché osservando il loro comportamento e aspetto.

Criteri di diagnosi della schizofrenia

I pazienti devono soddisfare i criteri delineati nel DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali). Questo è un manuale di American Psychiatric Association utilizzato dai professionisti del settore sanitario per diagnosticare malattie e condizioni mentali.

Il medico deve escludere altri possibili disturbi mentali, come il disturbo bipolare o il disturbo schizoaffettivo.

È anche importante stabilire che i segni e i sintomi non sono stati causati da, ad esempio, un farmaco prescritto o abuso di sostanze.

Il paziente deve:

  • Avere almeno due dei seguenti sintomi tipici:
    • deliri
    • comportamento disorganizzato o catatonico
    • discorso disorganizzato
    • allucinazioni
    • sintomi negativi che sono presenti per la maggior parte del tempo durante le ultime 4 settimane
  • Sperimenta una considerevole riduzione della capacità di frequentare la scuola, svolgere i propri compiti lavorativi o svolgere le attività quotidiane.
  • Hanno sintomi che persistono per 6 mesi o più.
Like this post? Please share to your friends: