Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Capire il lato infelice della serotonina

Gli antidepressivi come Prozac e Zoloft offrono sollievo a oltre 100 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di depressione, ma con un effetto collaterale potenzialmente grave. Nelle prime settimane, i sentimenti di paura e ansia possono peggiorare.

[farmaci e depressione]

Ora, gli scienziati ritengono di aver identificato ciò che accade nel cervello per causare questo, secondo la ricerca pubblicata in.

Gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) sono usati per trattare l’ansia, la depressione e le condizioni correlate. Circa il 10% delle persone negli Stati Uniti li usa, tra cui 1 su 4 donne tra i 40 e 50 anni.

La serotonina, un neurotrasmettitore, è l'”ormone felice” pensato per aumentare la sensazione di benessere. Livelli anormalmente bassi di serotonina sono stati associati alla depressione. Gli SSRI sono pensati per migliorare l’umore aumentando l’attività della serotonina nel cervello.

Ma la serotonina non è sempre un letto di rose. Nei primi giorni di trattamento, può aumentare i livelli di paura e ansia e persino il pensiero suicida in alcuni giovani. Di conseguenza, i pazienti possono smettere di usare il trattamento dopo alcune settimane.

Quando la serotonina funziona attraverso alcuni circuiti cerebrali, sembra migliorare l’umore, ma quando agisce su altri circuiti, l’effetto è diverso.

Mappatura dei circuiti di ansia guidati dalla serotonina

I ricercatori della University of North Carolina Medical School di Chapel Hill, NC, hanno identificato un circuito che sembra essere correlato all’ansia guidata dalla serotonina.

Fatti veloci sugli antidepressivi

  • L’11% degli americani di età superiore ai 12 anni utilizza antidepressivi
  • Oltre il 60 percento li ha usati per più di 2 anni
  • Le donne hanno maggiori probabilità di usare antidepressivi rispetto agli uomini.

Scopri di più sugli antidepressivi

Utilizzando una vasta gamma di metodi, come strumenti optogenetici e chemogenetici avanzati, il team è stato in grado di tracciare una via attivata dalla serotonina nel cervello dei topi che sembra guidare un comportamento ansioso.

In primo luogo, il team ha dato un leggero shock alle zampe dei topi – un modo standard per innescare comportamenti legati alla paura e all’ansia. Ciò ha dimostrato di attivare i neuroni produttori di serotonina nel nucleo del rafe dorsale (DRN).

Il DRN è una regione del tronco cerebrale associata all’umore e alla depressione. I neuroni della serotonina DRN proiettano verso una regione del cervello nota come nucleo del letto dello stria terminale (BNST). Precedenti studi hanno dimostrato che il BNST è coinvolto quando la serotonina innesca uno stato d’animo negativo nei roditori.

Quando il team ha aumentato artificialmente l’attività dei neuroni DRN-to-BNST nei topi, i comportamenti ansiosi sono aumentati.

I ricercatori hanno scoperto che i recettori attraverso i quali viene attivata la serotonina dal DRN sono i recettori della serotonina 2C. Attraverso i recettori 2C, i neuroni BNST bersaglio sono attivati.

I neuroni BNST attivati ​​dalla serotonina smorzano quindi l’attività di un altro gruppo di neuroni BNST.

Questo gruppo proietta nell’area ventrale tegmentale (VTA) e ipotalamo laterale (LH). Il VTA e il LH sono nodi chiave nelle reti di ricompensa, motivazione e vigilanza del cervello.

Precedenti studi hanno suggerito che i percorsi da BNST a VTA e LH svolgono un ruolo nel migliorare l’umore e alleviare l’ansia.

L’aumento dell’attività lungo un percorso migliora l’umore

I risultati hanno mostrato che aumentando l’attività di questi percorsi si riduceva l’ansia da paura causata dal trattamento di shock da piede nei topi. Diminuendo aumentava i livelli di ansia.

Il Prozac, o fluoxetina, aumenta i livelli di serotonina. Quando gli scienziati hanno esposto i neuroni BNST del recettore 2C al Prozac, ha aumentato l’effetto dei neuroni del recettore 2C sui neuroni proiettanti VTA e LH vicini. I topi divennero più paurosi e ansiosi.

Per scoprire come fermare questo effetto, l’autore senior Thomas L. Kash e il suo team si sono concentrati sui neuroni BNST che mediano l’ansia. Hanno notato che questi neuroni esprimevano una molecola, nota come fattore di rilascio della corticotropina (CRF). CRF è un neurotrasmettitore che segnala lo stress. A volte è chiamato ormone rilasciante corticotropina (CHR).

Quando la squadra ha aggiunto un composto per bloccare l’attività del CRF, la paura e l’ansia che erano state attivate dal Prozac sono state ridotte notevolmente.

Alla ricerca di una soluzione

Kash crede che la stessa cosa succederebbe negli umani. Gli SSRI possono causare ansia nelle persone, dice, e i topi e gli esseri umani tendono ad avere percorsi molto simili in queste regioni cerebrali.

“La speranza è che saremo in grado di identificare un farmaco che inibisce questo circuito e che le persone potrebbero prendere solo per le prime settimane di utilizzo dell’SSRI per superare quella gobba”.

Thomas L. Kash

Gli autori sperano che questa scoperta porterà allo sviluppo di farmaci per contrastare gli effetti negativi degli SSRI.

Il prossimo passo sarà testare i farmaci, preferibilmente quelli che sono già stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, per vedere se possono cambiare il circuito ansioso e bloccare gli effetti collaterali negativi degli SSRI.

Un blocco CRF potrebbe funzionare. Le aziende farmaceutiche hanno esaminato i bloccanti del CRF per il trattamento della depressione, dell’ansia e della dipendenza per qualche tempo, ma senza successo fino ad ora. Kash non si aspetta ancora una soluzione da questo trimestre.

Un’alternativa ai migliori bloccanti CRF, suggerisce, potrebbe essere quella di indirizzare le proteine ​​espresse dai neuroni BNST. Spera di identificare un recettore che i farmaci esistenti possono già prendere di mira.

Uno di questi farmaci potrebbe impedire alle persone che iniziano negli SSRI di passare attraverso lo stadio di paura e ansia.

Oltre a offrire speranza alle persone che stanno vivendo la depressione, la scoperta approfondisce anche la comprensione umana delle reti cerebrali che sottostanno al comportamento di paura e ansia nei mammiferi.

Scopri come la serotonina è stata collegata alla morte improvvisa della culla.

Like this post? Please share to your friends: