Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Carcinoma in situ: cos’è e come viene trattato?

Il carcinoma in situ è ​​una designazione del cancro in cui una persona ha cellule anomale che non si sono diffuse oltre la prima formazione. Le parole “in situ” si traducono in “nella sua posizione originale”.

Queste cellule in situ hanno il potenziale per diventare cellule cancerose e diffondersi in altre località vicine. Altri nomi di carcinoma in situ sono la malattia di stadio 0, il cancro non invasivo o il cancro pre-invasivo.

Questo articolo si concentrerà su alcune delle aree più comuni in cui i medici diagnosticano il carcinoma in situ e gli approcci terapeutici che possono seguire una diagnosi.

Fatti veloci sul carcinoma in situ:

  • Il carcinoma in situ è ​​un termine descrittivo che può essere utilizzato per identificare i tumori in una varietà di luoghi.
  • In quasi tutti i tipi di cancro, la diagnosi precoce è associata ad un maggiore successo e remissione del trattamento.
  • Per questo motivo, molti medici raccomandano sforzi di trattamento per rimuovere queste cellule pre-cancerose.

Dove si verifica?

Alcuni dei più comuni tipi di carcinoma in situ sono elencati di seguito:

Carcinoma in situ della vescica urinaria

Cancro alla vescica

La vescica è un luogo comune in cui i medici rilevano il carcinoma in situ. Secondo la stima, il 3% di tutti i tumori della vescica per la prima volta sono carcinoma in situ.

Carcinoma in situ della vescica è molto comune in coloro che hanno una storia di cancro alla vescica che era precedentemente in remissione. Quasi il 90 per cento delle persone con tumore alla vescica vede una ricaduta.

Questo tipo di cancro è più comunemente rilevato tra i fumatori maschi che hanno un’età compresa tra i 60 ei 70 anni.

Carcinoma cervicale in situ

I medici possono identificare il carcinoma cervicale in situ come cellule pre-cancerose che poggiano sullo strato superficiale della cervice.

I medici possono trattare questo tipo di tumore pre-cervicale, ma a volte il cancro può ripresentarsi. Per questo motivo, i medici raccomandano continui test Pap test per verificare la presenza di ulteriori cellule pre-cancerose.

Carcinoma duttale in situ (DCIS)

I medici chiamano anche questo tipo di carcinoma intraduttale carcinoma in situ. È uno dei più comuni tipi di cancro al seno, secondo l’American Cancer Society.

Duttale significa che le cellule crescono nei dotti del latte del seno. Secondo BreastCancer.org, circa il 20 percento dei tumori al seno diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti sono DCIS, equivalenti a circa 60.000 casi.

Carcinoma a cellule squamose in situ o malattia di Bowen

Questo tipo di cancro della pelle è una delle prime forme conosciute di tumori cutanei a cellule squamose. Ancora una volta, secondo l’American Cancer Society, si stima che 2 tumori cutanei su 10 siano tumori cutanei a cellule squamose.

Le cellule in questo tipo di carcinoma in situ appaiono più comunemente sulle aree della pelle esposte al sole, come viso, orecchie e collo. È più probabile che crescano più a fondo nella pelle e si diffondano in altre parti del corpo.

I tipi di malattia sopra elencati sono solo alcuni esempi delle diverse aree in cui può verificarsi il carcinoma in situ.

Come è stato trattato?

Alcuni dei trattamenti più comuni per ciascun tipo di carcinoma in situ includono:

Carcinoma in situ della vescica urinaria

chirurghi al lavoro in chirurgia

Quasi tutte le persone con carcinoma in situ della vescica urinaria subiranno un intervento chirurgico per rimuovere le cellule pre-cancerose.

Esempi di procedure chirurgiche includono resezione transuretrale o biopsia con cauterizzazione elettrica o laser.

Se i medici continuano a rilevare cellule tumorali dopo queste procedure, possono raccomandare la cistectomia radicale o la rimozione chirurgica della vescica.

Tuttavia, poiché le persone più anziane sono le più propense a presentarsi con questa condizione, i medici possono raccomandare un’attesa vigile, poiché il tempo necessario per far progredire il cancro potrebbe essere più lungo dell’aspettativa di vita di una persona.

Carcinoma cervicale in situ

In questo tipo, i medici raccomandano spesso la rimozione delle cellule precancerose per impedire loro di trasformarsi in cancerogeni e ridurre la probabilità che si diffondano.

Un medico può rimuovere le cellule utilizzando la criochirurgia, la chirurgia laser, la conizzazione del coltello freddo o la procedura di escissione elettrochirurgica ad anello (LEEP / LEETZ).

Se una donna non è più in età fertile, un medico può raccomandare un’isterectomia.

Carcinoma duttale in situ (DCIS)

Con i casi di DCIS, un medico discuterà le opzioni di trattamento con una donna, a seconda di dove sono le cellule cancerose del seno.

Un’opzione è la chirurgia conservativa del seno (BCS), in cui il chirurgo rimuove le cellule cancerose, così come una porzione di normale tessuto mammario che circonda il tumore.

In alcuni casi, un medico può rimuovere anche i linfonodi. Un medico può anche raccomandare radioterapia di follow-up, per ridurre il rischio che le cellule pre-cancerose possano tornare nel seno.

Se l’area del DCIS è grande, un medico può raccomandare una mastectomia, che comporta la rimozione dell’intero seno.

Carcinoma a cellule squamose in situ o malattia di Bowen

I medici di solito raccomandano di rimuovere le cellule pre-cancerose in questo tipo di carcinoma in situ. In alcuni casi, un medico può anche raccomandare le radiazioni per ridurre il rischio di recidiva delle cellule tumorali.

Scegliere i trattamenti giusti

Le persone dovrebbero sempre discutere attentamente le loro opzioni di trattamento con il proprio medico.

Le domande da porre includono:

  1. “Quali sono le probabilità che questo trattamento abbia successo?”
  2. “Quali sono gli effetti collaterali di questo trattamento?”
  3. “Cosa succede se le cellule cancerose sono ancora presenti in seguito?”

Pesare attentamente tutte le opzioni può aiutare una persona a determinare cosa è meglio per la propria salute individuale.

Prospettive per il carcinoma in situ

Mentre una diagnosi di carcinoma in situ non sempre significa che le cellule diventeranno cancerose, le probabilità sono solitamente così elevate che le cellule un giorno saranno maligne che i medici raccomandano il trattamento.

Trattando le cellule prima che diventino cancerogene e possano diffondersi, una persona avrà idealmente la più grande probabilità di essere libera dal cancro.

Le capacità mediche di identificare il carcinoma in situ sono alla base dell’importanza di una persona impegnata in visite preventive, come le donne che sottopongono i Pap test e le persone che si recano da un dermatologo per controlli annuali della pelle.

Like this post? Please share to your friends: