Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Carcinoma polmonare a piccole cellule: scoperta della causa della resistenza al trattamento

Un team di ricercatori ha scoperto una spiegazione biologica del motivo per cui i pazienti con tumore polmonare a piccole cellule sperimentano una ricaduta di circa 12 mesi dopo il successo del trattamento. Hanno scoperto che i complessi resistenti alla chemioterapia si sviluppano da cellule tumorali circolanti che erano precedentemente sensibili al trattamento.

uomo che guarda a raggi x del polmone

I ricercatori, dell’Università di Medicina di Vienna in Austria, riportano i loro risultati sulla rivista.

Negli Stati Uniti, il cancro del polmone rappresenta circa il 14% di tutti i nuovi tumori. Senza contare il cancro della pelle, la malattia è il secondo tumore più comune in entrambi i sessi: negli uomini è seconda al cancro alla prostata e nelle donne è seconda al tumore al seno.

Ogni anno negli Stati Uniti, più persone muoiono di cancro ai polmoni rispetto a tumori del colon, della mammella e della prostata combinati.

Stime nazionali suggeriscono che nel 2017 a circa 222.500 persone verrà diagnosticato un cancro ai polmoni e 155.870 moriranno a causa della malattia.

Esistono tre tipi principali di cancro ai polmoni: carcinoma polmonare non a piccole cellule, carcinoma polmonare a piccole cellule e tumore carcinoide polmonare.

Cancro aggressivo che si diffonde rapidamente

Il carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC), che è il soggetto del nuovo studio, è un tipo di cancro che di solito si diffonde rapidamente e rappresenta circa il 10-15% di tutti i tumori polmonari.

I ricercatori osservano che la “grande maggioranza” dei pazienti con diagnosi di SCLC “è costituita da fumatori con consumo di tabacco pesante per decenni”.

Spiegano che nella maggior parte dei casi, quando i pazienti presentano per la prima volta SCLC, i tumori sono aggressivi e si sono già diffusi, il che significa che la chirurgia non è più un’opzione.

Sfortunatamente, dopo un anno di risposta positiva al trattamento con chemioterapia e radioterapia, le persone con SCLC avanzato di solito ricadono in tumori che resistono alla chemioterapia.

Dopo questo, la prognosi è molto scarsa e raramente i pazienti vivono più di pochi mesi.

“Tumori” altamente resistenti

In precedenza, mentre era chiaro che la ricaduta era dovuta a tumori che sviluppavano resistenza alla chemioterapia, non esisteva una chiara spiegazione biologica.

Ora, il nuovo studio mostra che il meccanismo della resistenza alla chemioterapia è che le cellule tumorali circolanti formano complessi altamente resistenti.

“Le cellule tumorali circolanti si aggregano per proteggersi dalla chemioterapia – come una cerchia di carri coperti – impedendo così l’ingresso di qualsiasi agente attivo”, spiega il dott. Gerhard Hamilton, del Dipartimento di Chirurgia dell’Università di Medicina di Vienna.

Gli aggregati multicellulari – che il Dr. Hamilton e colleghi chiamano “tumori” – comprendono “centinaia di migliaia di cellule” e possono misurare fino a 2 millimetri di diametro.

Le neoplasie possono essere otto volte più resistenti ai farmaci chemioterapici di quanto non fossero i tumori per la prima volta.

‘Modello tumorale unico’

I ricercatori suggeriscono tre ragioni per l’aumento della resistenza alla chemioterapia nei tumori.

Innanzitutto, a causa della natura del complesso, molte delle cellule tumorali sono meno accessibili. In secondo luogo, l’aggregato contiene ossigeno insufficiente, ovvero le condizioni sono “ipossiche”.

La terza ragione per cui gli autori attribuiscono un aumento della resistenza alla chemioterapia nei tumori è che hanno una percentuale di cellule molto più piccola nella fase di crescita del ciclo cellulare, o una “frazione di crescita” più piccola.

I ricercatori sottolineano che lo studio è stato reso possibile perché sono stati in grado di sviluppare sette diverse linee di cellule tumorali circolanti per produrre il gran numero di cellule necessarie. Questo non era mai stato fatto prima. Le linee cellulari derivano da campioni di sangue prelevati da pazienti con SCLC avanzata a Vienna.

Gli autori osservano che tumori simili sono stati trovati in altri tipi di tumore.

“La chemio-resistenza universale dovuta alla formazione di grandi cluster non può essere limitata alla SCLC ma si verifica anche in altri tumori correlati, come il glioblastoma e i tumori neuroectodermici”.

Essi suggeriscono che “SCLC sembra rappresentare un modello di tumore unico” per studiare la relazione tra cellule tumorali circolanti, metastasi e resistenza ai farmaci.

Like this post? Please share to your friends: