Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Carcinoma polmonare a piccole cellule vs. non a piccole cellule

Le piccole cellule e le cellule non piccole sono i due tipi di cancro ai polmoni. Entrambi i cancri colpiscono i polmoni ma presentano diverse differenze chiave, tra cui il modo in cui vengono trattati e il loro tempo medio di progressione.

Il carcinoma a piccole cellule è fedele al suo nome. Quando vengono visualizzate al microscopio, le cellule di un piccolo tumore cellulare appaiono piccole e rotonde. Le cellule di carcinoma polmonare non a piccole cellule hanno dimensioni maggiori.

Esistono diversi tipi di cancro del polmone non a piccole cellule. Questi includono adenocarcinoma, cellule squamose e carcinoma a grandi cellule.

Sintomi

Sia i tumori polmonari a cellule piccole che non a piccole cellule causano sintomi simili. Tuttavia, a volte una persona non può sperimentare sintomi associati al cancro del polmone fino a quando il tumore non si trova nelle sue fasi più avanzate.

[il dottore controlla un paziente maschio anziano che sta tossendo]

Esempi di sintomi del cancro del polmone includono:

  • perdita di appetito
  • sangue nel muco che è stato tossito
  • dolore al petto
  • tosse che non andrà via
  • difficoltà a deglutire
  • sentirsi stanco senza una ragione apparente
  • mancanza di respiro
  • gonfiore, specialmente del viso e del collo
  • dispnea

I sintomi dei tumori a piccole cellule e non a piccole cellule sono in gran parte simili. Tuttavia, i tumori a piccole cellule possono essere più propensi a causare sintomi come affaticamento e perdita di peso perché di solito si diffondono più rapidamente. Una persona può anche sperimentare sintomi in altre parti del corpo, come il dolore osseo.

Le cause

I fattori di rischio e le cause sia per il carcinoma a piccole cellule che per quello a cellule non piccole tendono ad essere simili.

Il fumo è il principale fattore di rischio per il cancro del polmone. Il fumo e le sostanze chimiche contenute al suo interno possono danneggiare i polmoni, portando a cambiamenti delle cellule che possono provocare il cancro.

Altre cause di cancro ai polmoni possono includere:

  • esposizione al fumo passivo
  • esposizione a fonti di radiazioni precedenti
  • esposizione a sostanze chimiche come amianto, nichel, cromo, arsenico, fuliggine o catrame
  • avere una storia familiare di cancro ai polmoni
  • avere l’HIV
  • vivere in una zona con una quantità significativa di inquinamento atmosferico

L’aumento dell’età è anche un fattore di rischio per la maggior parte dei tumori. Più a lungo vive una persona, più è probabile che sviluppino il cancro. Questo perché le cellule cancerose possono mutare nel tempo.

Diagnosi

[giovane medico che esamina i raggi X del torace]

Mentre l’ubicazione delle cellule tumorali può dare ai medici un indizio sul tipo di cancro, un medico non sarà in grado di dire definitivamente quale tipo di cancro ai polmoni ha una persona fino a quando non osserverà le cellule cancerose al microscopio.

Un medico può quindi esaminare la dimensione e l’aspetto delle cellule per determinare se il tumore è una cellula piccola o non piccola.

Esempi di test usati per diagnosticare entrambi i tipi di cancro ai polmoni includono:

  • Esame obiettivo e anamnesi: i medici di solito chiedono informazioni sui sintomi che una persona ha riscontrato e sulla storia familiare delle malattie e dei disturbi legati al polmone.
  • Raggi X del torace: consentono ai medici di individuare aree di accumulo di cicatrici o di liquidi e tumori.
  • Test di laboratorio: esami del sangue e delle urine possono aiutare i medici a vedere se altre condizioni potrebbero causare i sintomi di una persona.
  • TAC: una tomografia computerizzata (TC) consente al medico di vedere immagini più dettagliate dei polmoni e identificare più precisamente le cellule cancerose.
  • Test dell’espettorato: testare il muco che una persona tossisce per le cellule cancerose può aiutare a determinare se una persona ha il cancro e di che tipo si tratta.
  • Biopsia: una biopsia richiede di testare un piccolo campione di cellule potenzialmente cancerose nei polmoni. Il test prevede la rimozione del tessuto polmonare, l’utilizzo di un ago o interventi chirurgici più invasivi.
  • Broncoscopia: uno strumento speciale chiamato broncoscopio che ha una fotocamera all’estremità viene inserito nella bocca o nel naso. I medici possono usarlo per guardare dentro i polmoni e prelevare campioni di tessuto.

Altri test diagnostici e imaging possono dipendere da dove un medico pensa che il cancro possa essere.

messa in scena

I medici “mettono in scena” i tumori polmonari per come potrebbero essersi diffusi nel corpo. Le fasi per il cancro del polmone non piccolo sono:

  • Occulto (nascosto): un medico non può rilevare le cellule cancerose dai tradizionali metodi di imaging, ma le cellule sono state rilevate nel muco o altrove nel corpo.
  • Stadio 0 (carcinoma in situ): un medico ha rilevato cellule anormali nel corpo.
  • Fase 1: si sono formate cellule cancerose, ma il tumore non si è diffuso ai linfonodi.
  • Stadio 2: il cancro si è diffuso ai linfonodi o ha dimensioni maggiori. Un altro fattore determinante per il cancro in stadio 2 è dove si trovano le cellule cancerose.
  • Stadio 3a: il tumore si è diffuso ai linfonodi che si trovano sullo stesso lato del torace del tumore. Il tumore può essere di qualsiasi dimensione e può essersi diffuso ad altre aree della parete toracica, dei polmoni o della membrana attorno al cuore.
  • Stadio 3b: il tumore si è diffuso ai linfonodi sopra la clavicola o sull’altro lato del torace. Il cancro può essersi diffuso in altre parti del corpo, come trachea, tubo del cibo o sterno.
  • Stadio 4: il tumore canceroso si è diffuso ai linfonodi e può essere localizzato in uno o entrambi i polmoni, trovato nel liquido intorno ai polmoni o nel cuore o si è diffuso ad altre parti del corpo.

I medici generalmente dividono i tumori polmonari a piccole cellule in due fasi: la fase limitata e la fase estesa.

Lo stadio limitato è quando il cancro si trova solo su un lato del torace. Può coinvolgere solo un polmone e talvolta linfonodi vicini.

L’ampio stadio è quando il cancro si è diffuso ad altre parti del torace e degli organi. Tuttavia, alcuni medici possono dividere il cancro del polmone a piccole cellule in ulteriori fasi.

Una persona può avere un tumore del polmone sia a piccole cellule sia a piccole cellule?

Secondo il Abramson Cancer Center dell’Università della Pennsylvania, circa il 10% delle persone con cancro ai polmoni ha tumori a piccole cellule e non a piccole cellule.

Gli studi sono misti sul fatto che avere entrambi i tipi di cellule tumorali è più difficile da trattare. Altri fattori, come la dimensione del tumore e l’età di una persona, possono essere considerazioni più importanti nel determinare il tasso di sopravvivenza di una persona.

trattamenti

[un giovane dottore guida la paziente attraverso la radioterapia]

Nel determinare un trattamento appropriato per la condizione, i medici devono considerare i sintomi unici di una persona, il tipo di cancro che hanno e quanto si è diffuso nel loro corpo.

Esempi di trattamenti che un medico può utilizzare per trattare sia il carcinoma polmonare a piccole cellule sia quello a piccole cellule includono:

  • Chirurgia per rimuovere le cellule cancerose e linfonodi che potrebbero essere nelle vicinanze. Tuttavia, i medici possono rimuovere in modo sicuro solo una certa quantità di tessuto polmonare. Se il cancro colpisce una gran parte dei polmoni, la chirurgia potrebbe non essere possibile.
  • La chemioterapia comporta la somministrazione di farmaci per il trattamento di cellule tumorali che si stanno rapidamente dividendo.
  • Gli stent endoscopici possono essere inseriti nelle vie aeree se le cellule tumorali hanno causato la chiusura di una parte delle vie aeree.
  • La terapia laser prevede l’uso di un raggio laser per il trattamento di cellule cancerose.
  • La radioterapia comporta l’uso di radiazioni per uccidere le cellule cancerose.

Il cancro del polmone a piccole cellule tende ad essere più sensibile ai trattamenti di chemioterapia rispetto al carcinoma polmonare non a piccole cellule. I medici possono utilizzare una combinazione di trattamenti per il trattamento del cancro del polmone in base allo stadio e alle dimensioni della sede del tumore.

prospettiva

Secondo il sistema sanitario dell’Università della Virginia, il carcinoma polmonare a piccole cellule è considerato il cancro più aggressivo rispetto al carcinoma non a piccole cellule.

I tumori a piccole cellule in genere crescono a un ritmo più veloce. Si stima che il 90% dei pazienti con tumore a piccole cellule sia diagnosticato quando il cancro si è già diffuso a linfonodi o organi vicini.

Le statistiche sulla sopravvivenza per diversi tipi di cancro sono date in termini di tassi di sopravvivenza a 5 anni. Queste sono la percentuale media di persone con un certo tipo di cancro che vivono almeno 5 anni dopo la diagnosi.

Queste statistiche non sono assolute. Molte persone vivono più a lungo di 5 anni, mentre altre no.

Secondo l’American Cancer Society (ACS), i seguenti sono tassi di sopravvivenza a 5 anni per il carcinoma polmonare a piccole cellule:

  • fase 1: 31 percento
  • fase 2: 19 percento
  • fase 3: 8 percento
  • fase 4: 2 percento

L’ACS fornisce anche statistiche sui tassi di sopravvivenza a 5 anni per quelli con carcinoma polmonare non a piccole cellule:

  • fase 1a: 49 percento
  • fase 1b: 45 percento
  • fase 2a: 30 percento
  • fase 2b: 31 percento
  • fase 3a: 14 percento
  • fase 3b: 5 percento
  • fase 4: 1 percento

Altri fattori che possono influenzare il tasso di sopravvivenza includono se il tumore è tornato dopo il trattamento e l’età di una persona. Il cancro ricorrente e l’età avanzata di solito influiscono negativamente sui tassi di sopravvivenza.

Like this post? Please share to your friends: