Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cardiopatia coronarica: cosa devi sapere

La cardiopatia coronarica si riferisce a un restringimento delle arterie coronarie, i vasi sanguigni che forniscono ossigeno e sangue al cuore. È anche conosciuto come malattia coronarica. È una delle principali cause di malattia e morte.

La malattia coronarica (CHD) si verifica normalmente quando il colesterolo si accumula sulle pareti delle arterie, creando placche. Le arterie si restringono, riducendo il flusso di sangue al cuore. A volte, un coagulo può ostruire il flusso di sangue al muscolo cardiaco.

CHD comunemente causa angina pectoris (dolore toracico), mancanza di respiro, infarto miocardico o infarto. È il tipo più comune di malattie cardiache negli Stati Uniti, dove rappresenta 370.000 morti ogni anno.

Fatti veloci sulla malattia coronarica:

  • La malattia coronarica ha rappresentato il 23,5% di tutti i decessi negli Stati Uniti nel 2008.
  • Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa 735.000 americani hanno un attacco di cuore ogni anno.
  • Segnali e sintomi di avvertimento includono dolore al torace o disagio e mancanza di respiro.
  • Esempi di cardiopatia coronarica comprendono angina e infarto.

Cos’è la malattia coronarica?

Immagine di alcune scansioni di un cuore

Il cuore è un muscolo, della stessa taglia di un pugno umano adulto. Il sangue viene pompato dal cuore ai polmoni, dove raccoglie ossigeno. Questo sangue ricco di ossigeno viene quindi pompato di nuovo nel cuore e poi negli organi di tutto il corpo attraverso le arterie.

Il sangue ritorna quindi al cuore attraverso le vene e viene nuovamente pompato nei polmoni. Questo è chiamato circolazione.

Le arterie coronarie sono la rete di vasi sanguigni del cuore. Esistono sulla superficie del cuore e forniscono ossigeno al muscolo cardiaco. Se le arterie coronarie si restringono, l’apporto di sangue ricco di ossigeno al cuore può diventare troppo basso, specialmente durante l’attività fisica.

Inizialmente, questa riduzione del flusso sanguigno potrebbe non produrre alcun sintomo, ma poiché depositi di grasso o placche si accumulano nelle arterie coronarie, possono insorgere segni e sintomi.

Le cause

Si ritiene che la CHD inizi con lesioni o danni allo strato interno di un’arteria coronaria.

Questo danno provoca l’accumulo di depositi di placca nel sito della lesione. Questi depositi sono costituiti da colesterolo e altri prodotti di scarto cellulare. L’accumulo è chiamato aterosclerosi.

Se i pezzi si rompono o si rompono, le piastrine si raggruppano nell’area, tentando di riparare il vaso sanguigno. Questo blocco può bloccare l’arteria, riducendo o bloccando il flusso sanguigno e portando a un attacco di cuore.

Di seguito è riportato un modello 3D di CHD, che è completamente interattivo.

Esplora il modello usando il mouse o il touchscreen per capire di più su CHD.

Sintomi

Angina

I seguenti sono i sintomi di angina:

  • Dolore toracico: le persone lo descrivono come una spremuta, una pressione, una pesantezza, un inasprimento, un bruciore o un dolore al petto. Di solito inizia dietro lo sterno. Il dolore si diffonde spesso al collo, alla mascella, alle braccia, alle spalle, alla gola, alla schiena o persino ai denti.
  • Sintomi correlati: Altri sintomi includono indigestione, bruciore di stomaco, debolezza, sudorazione, nausea, crampi e mancanza di respiro.

Esistono diversi tipi principali di angina:

  • Angina stabile: il disagio può durare per un breve periodo di tempo e può sembrare gas o indigestione. Succede quando il cuore lavora più duramente del solito, come durante l’esercizio. Ha uno schema regolare. Può accadere per mesi o anni. Riposo o farmaci possono alleviare i sintomi.
  • Angina instabile: questo è spesso causato da coaguli di sangue nell’arteria coronaria. Succede a riposo, è sorprendente, dura più a lungo e potrebbe peggiorare nel tempo.
  • Angina variante: questo tipo si verifica a riposo ed è generalmente grave. Succede quando c’è uno spasmo in un’arteria che lo fa stringere e restringere, interrompendo l’afflusso di sangue al cuore. I trigger includono l’esposizione a freddo, stress, medicinali, fumo o uso di cocaina.

Mancanza di respiro (dispnea)

CHD può portare a mancanza di respiro. Se il cuore e gli altri organi stanno ottenendo troppo poco ossigeno, il paziente può iniziare ad ansimare. Qualsiasi sforzo può essere molto stancante.

Attacco di cuore

L’infarto, o infarto del miocardio, si verifica quando il muscolo cardiaco non ha abbastanza sangue e quindi ossigeno. Il muscolo muore e si verifica un attacco di cuore.

Un attacco cardiaco si verifica comunemente quando un coagulo di sangue si sviluppa da una placca in una delle arterie coronarie. Il coagulo, se è abbastanza grande, può fermare la fornitura di sangue al cuore. Il coagulo di sangue è noto come trombosi coronarica.

I sintomi di un attacco di cuore includono:

  • dolore al torace e dolore lieve, o un dolore toracico schiacciante
  • tosse
  • vertigini
  • mancanza di respiro
  • la faccia sembra grigia
  • una sensazione generale di malessere e paura che la vita stia finendo
  • nausea e vomito
  • irrequietezza
  • sudore e pelle viscida

Il primo sintomo è normalmente il dolore al petto che si diffonde al collo, alla mascella, alle orecchie, alle braccia e ai polsi, e possibilmente alle scapole, alla schiena o all’addome.

Cambiare posizione, riposare o sdraiarsi non dà sollievo. Il dolore è spesso costante, ma può andare e venire. Può durare da pochi minuti a molte ore.

Un attacco di cuore è un’emergenza medica. Può provocare morte o danni permanenti al muscolo cardiaco. Se qualcuno ha segni di infarto, è fondamentale chiamare immediatamente i servizi di emergenza.

Trattamento

Una maglia inserita all'interno di un'arteria

La CHD non può essere curata, ma con la tecnologia odierna può essere gestita in modo efficace.

Il trattamento comporta cambiamenti nello stile di vita e possibilmente alcune procedure mediche e farmaci.

I consigli sullo stile di vita includono smettere di fumare, seguire una dieta sana ed esercitarsi regolarmente.

I farmaci includono:

  • Statine: questi sono gli unici farmaci che hanno dimostrato di avere un impatto positivo sui risultati nella CHD, ma se una persona ha un altro disturbo di colesterolo sottostante, potrebbero non funzionare.
  • Aspirina a basso dosaggio: riduce la coagulazione del sangue, riducendo il rischio di angina o infarto.
  • Beta-bloccanti: possono essere usati per ridurre la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, specialmente in una persona che ha già avuto un infarto.
  • Cerotti, spray o compresse di nitroglicerina: controllano il dolore al petto riducendo la richiesta di sangue del cuore allargando le arterie coronarie.
  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE): abbassano la pressione sanguigna e aiutano a rallentare o arrestare la progressione della malattia coronarica.
  • Calcio antagonisti: questo amplierà le arterie coronarie, permettendo un maggiore flusso di sangue al cuore e riducendo l’ipertensione.

Chirurgia

La chirurgia può aprire o sostituire arterie bloccate, se i vasi sanguigni sono diventati molto stretti o se i sintomi non rispondono ai farmaci:

  • Chirurgia laser: questo comporta la realizzazione di numerosi piccoli fori nel muscolo cardiaco, che favoriscono la formazione di nuovi vasi sanguigni.
  • Chirurgia di bypass coronarico: il chirurgo utilizza un vaso sanguigno da un’altra parte del corpo per creare un innesto che può bypassare l’arteria bloccata. L’innesto può provenire dalla gamba o da un’arteria interna della parete toracica.
  • Posizionamento di angioplastica e stent: un catetere viene inserito nella parte ristretta dell’arteria. Un palloncino sgonfio viene fatto passare attraverso il catetere verso l’area interessata. Quando il pallone viene gonfiato, comprime i depositi di grasso contro le pareti delle arterie. Uno stent, o un tubo a maglie, può essere lasciato nell’arteria per mantenerlo aperto.

Raramente, un trapianto di cuore può essere eseguito, se il cuore è gravemente danneggiato e il trattamento non funziona.

Prevenzione

Il controllo dei livelli di colesterolo nel sangue riduce il rischio di CHD. Essere fisicamente attivi, limitare l’assunzione di alcool, evitare il tabacco e consumare una dieta sana con zucchero e sale ridotti può essere di grande aiuto.

Le persone con CHD o diabete dovrebbero assicurarsi di controllare queste condizioni seguendo le raccomandazioni del medico.

Fattori di rischio

Il fumo aumenta il rischio. Il tabacco può:

  • Aumentare l’infiammazione e causare più depositi di colesterolo nelle arterie coronarie.
  • Una donna che fuma 20 sigarette al giorno ha una probabilità sei volte maggiore di sviluppare una malattia coronarica rispetto a una donna che non ha mai fumato.
  • Gli uomini che fumano regolarmente hanno una probabilità tre volte maggiore di sviluppare CHD rispetto agli uomini che non hanno mai fumato.

I seguenti fattori aumentano il rischio:

  • Con l’aumentare dell’età il rischio aumenta.
  • Gli uomini hanno maggiori probabilità di sviluppare CHD, sebbene il rischio per le donne sia ancora significativo, specialmente dopo la menopausa.
  • Avere un genitore che ha sviluppato CHD prima dei 60 anni aumenta il rischio di svilupparlo.
  • L’ipertensione incontrollata o l’ipertensione arteriosa fanno sì che le arterie si addensino e si restringano, riducendo il flusso sanguigno.
  • L’alto colesterolo nel sangue aumenta la possibilità di formazione di placca, e questo rende più probabile l’aterosclerosi.
  • La mancanza di esercizio fisico aumenta il rischio, così come la dieta povera, compreso il consumo di carne lavorata, grassi trans e cibi veloci.
  • Lo stress emotivo e mentale a lungo termine è stato collegato al danno alle arterie.
  • I componenti della sindrome metabolica, come il diabete di tipo II e l’obesità, sono collegati a un rischio più elevato di sviluppare malattia coronarica.

Alcuni fattori di rischio non sono legati allo stile di vita. Questi possono includere:

  • Alti livelli di omocisteina, un amminoacido prodotto dal corpo. Gli studi hanno collegato a una maggiore incidenza di CHD.
  • Alti livelli di fibrinogeno, una proteina del sangue coinvolta nel processo di coagulazione del sangue. Livelli eccessivi possono favorire l’aggregazione delle piastrine, con conseguente formazione di coaguli.

Alti livelli di lipoproteine ​​sono stati associati ad un più alto rischio di malattie cardiovascolari e CHD.

Diagnosi

L’esame obiettivo, la storia medica e una serie di test possono aiutare a diagnosticare la malattia coronarica, tra cui:

  • Elettrocardiogramma (ECG): registra l’attività elettrica e i ritmi del cuore.
  • Monitor Holter: si tratta di un dispositivo portatile che il paziente indossa sotto i vestiti per 2 giorni o più. Registra tutta l’attività elettrica del cuore, inclusi i battiti del cuore.
  • Ecocardiogramma: si tratta di un’ecografia che controlla il cuore del pompaggio. Usa le onde sonore per fornire un’immagine video.
  • Test di stress: questo può comportare l’uso di un tapis roulant o di un farmaco che sottolinea il cuore.
  • Cateterismo coronarico: un colorante viene iniettato nelle arterie del cuore attraverso un catetere che viene infilato attraverso un’arteria, spesso nella gamba o nel braccio, alle arterie nel cuore. Una radiografia rileva poi punti stretti o blocchi rivelati dal colorante.
  • Scansioni TC: aiutano il medico a visualizzare le arterie, a rilevare eventuali depositi di calcio all’interno dei depositi di grasso che restringono le arterie coronarie ea caratterizzare altre anomalie cardiache.
  • Ventricolografia nucleare: utilizza traccianti o materiali radioattivi per mostrare le camere cardiache. Il materiale viene iniettato nella vena. Si attacca ai globuli rossi e passa attraverso il cuore. Fotocamere o scanner speciali tracciano il movimento del materiale.
  • Esami del sangue: possono misurare i livelli di colesterolo nel sangue, specialmente nelle persone che hanno più di 40 anni, hanno una storia familiare di malattie cardiache o correlate al colesterolo, sono sovrappeso e hanno la pressione alta o un’altra condizione, come una ghiandola tiroidea iperattiva o qualsiasi condizione che possa elevare i livelli ematici di colesterolo.
Like this post? Please share to your friends: