Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Carenza di vitamina D: sintomi, cause e prevenzione

Troppo tempo trascorso al chiuso e scarsa nutrizione hanno causato un aumento della carenza di vitamina D nelle persone negli ultimi due decenni. Ma quali sono i sintomi di una deficienza e come può essere prevenuta?

Secondo i Centers for Disease Control and Protection (CDC), circa un quarto della popolazione è a rischio di “inadeguatezza” della vitamina D. Un semplice esame del sangue può rilevare se questo diventa carenza di vitamina D.

Il test di una carenza è ora considerato parte del lavoro di sangue che viene svolto ogni anno. Questo articolo esplora come rilevare e trattare i segni di carenza di vitamina D.

Cos’è la vitamina D?

La vitamina D è una vitamina liposolubile che viene prodotta quando la pelle è esposta alla luce solare. È presente solo in un piccolo numero di alimenti, inclusi i prodotti fortificati, come il latte.

La vitamina D è meglio conosciuta per supportare il metabolismo del calcio. Aiuta il corpo ad assorbire il calcio da cibo e integratori per sostenere il mantenimento di cellule sane.

Ma lavorare con il calcio per proteggere le ossa è lontano dall’unica funzione della vitamina D nel corpo.

sole nel cielo senza nuvole

Vitamina D anche:

  • sostiene la salute dei muscoli
  • gioca un ruolo nel sistema immunitario
  • favorisce la crescita cellulare
  • riduce l’infiammazione, che può portare a malattie come l’artrite reumatoide e il cancro
  • regola la pressione sanguigna e sostiene la salute cardiovascolare

L’assunzione di vitamina D non è la misura migliore dello stato di vitamina nel corpo, poiché molti fattori possono influenzarne l’assorbimento. Ad esempio, la salute dello stomaco può interferire con la quantità di vitamina D che una persona assorbe dal cibo che mangiano.

Che cosa causa la carenza di vitamina D?

Le persone con livelli sierici di vitamina D inferiori a 20 nanogrammi / millilitro (ng / mL) sono a rischio di carenza di vitamina D.

I livelli sierici inferiori a 12 ng / ml indicano una carenza di vitamina D.

La carenza di vitamina D si verifica quando una persona non consuma abbastanza vitamina D o quando il suo corpo non può assorbire e metabolizzare la vitamina D che consuma.

Di seguito sono riportati alcuni dei fattori che influiscono sul rischio o meno di una persona di avere una carenza:

  • Vivere ad alta latitudine: questo è dovuto al fatto che c’è meno accesso ai raggi ultravioletti-B (UVB) del sole.
  • Essere in casa troppo: passare poco o nessun tempo fuori significa perdere i raggi del sole.
  • Vivere in una zona altamente inquinata: l’inquinamento può assorbire alcuni raggi del sole, riducendo la portata per produrre vitamina D.
  • Usando grandi quantità di crema solare: l’uso di una quantità sufficiente di protezione solare per bloccare i raggi UV potrebbe inibire l’assorbimento della vitamina D. Ma poche persone usano abbastanza crema solare per bloccare completamente i raggi UV.
  • Avere una pelle più scura: le persone con la pelle più scura hanno bisogno di più esposizione alla luce solare per assorbire abbastanza vitamina D.
  • Temperatura ambiente: la pelle calda è più efficace nell’assorbire i raggi del sole per produrre vitamina D rispetto alla pelle fredda o fredda.
  • Dieta: mangiare cibi ricchi di vitamina D, o alimenti che sono stati fortificati con la vitamina, riduce il rischio di carenza di vitamina D.
  • Essere sovrappeso: la ricerca suggerisce che il sovrappeso è correlato a livelli più bassi di vitamina D. Ciò può essere dovuto al fatto che l’eccesso di grasso corporeo influisce in qualche modo sull’assorbimento di vitamina D.
  • Età: la capacità delle persone di assorbire la vitamina D può diminuire con l’aumentare dell’età.
  • Salute intestinale: i disturbi che colpiscono l’intestino, come il morbo di Crohn, possono minare la capacità dell’intestino di assorbire la vitamina D.
  • Salute del rene e del fegato: le persone con malattie del fegato o dei reni tendono ad avere bassi livelli di vitamina D.
  • Gravidanza o allattamento: le esigenze nutrizionali di un bambino o di un feto possono abbassare i livelli di vitamina D, in particolare nelle donne già a rischio di carenza di vitamina D.
  • Essere un bambino allattato al seno: il latte umano è povero di vitamina D. I neonati che allattano possono aver bisogno di un integratore di vitamina D, soprattutto se non vanno all’aperto tutti i giorni.

Sintomi

giovane donna stanca a casa in pigiama

Molte persone con una carenza di vitamina D possono non avere sintomi o possono trascorrere molti anni senza manifestare sintomi.

I sintomi della carenza di vitamina D possono essere vaghi, possono cambiare nel tempo e sono simili ai sintomi di una vasta gamma di disturbi. Quindi, è pericoloso auto-diagnosticare una carenza di vitamina D.

Le persone che manifestano sintomi di carenza di vitamina D, o che hanno malattie inspiegabili o carenze nutrizionali, dovrebbero richiedere un test per la carenza di vitamina D. Alcuni sintomi di un deficit di vitamina D includono:

  • assottigliamento o fragilità ossea, osteoporosi o frequenti fratture ossee
  • debolezza muscolare, in particolare se vi è un cambiamento inspiegabile nella forza muscolare
  • cambiamenti di umore, con persone che hanno poca vitamina D vivendo ansia o depressione
  • dolore cronico, in quanto la vitamina D svolge un ruolo chiave nel sostenere la salute delle ossa, dei muscoli e delle cellule
  • pressione sanguigna alta o in aumento
  • esaurimento, anche con abbastanza sonno
  • diminuzione della resistenza
  • infertilità inspiegabile

Trattamento

C’è disaccordo sulla giusta quantità di vitamina D per una buona salute. L’assunzione ideale di vitamina D varia a seconda di fattori quali l’età, il livello di attività e la salute metabolica. Le persone dovrebbero parlare con un medico degli obiettivi di assunzione di vitamina D.

È una buona idea tenere un registro dei sintomi quando inizia il trattamento. Questo è un modo semplice per monitorare i progressi e valutare se sia necessario aumentare l’assunzione di vitamina D.

Esistono tre strategie per aumentare i livelli di vitamina D:

  • Assumere un supplemento di vitamina D: questi sono prontamente disponibili al banco. Un medico può anche prescrivere un supplemento o multivitaminico. Per la maggior parte degli adulti, l’assegno alimentare raccomandato (RDA) è di 600 UI. Per gli adulti oltre 70, la RDA è 800 IU. Per i bambini sotto i 12 mesi, è 400 IU.
  • Mangiare cibi ricchi di vitamina D: i pesci grassi come il tonno, il salmone e lo sgombro, nonché gli oli di fegato di pesce, sono ottime fonti naturali.Fegato di manzo, formaggio e tuorli contengono piccole quantità di vitamina D. Il latte è fortificato con vitamina D, come lo sono molti cereali.
  • Aumentare l’esposizione alla luce solare naturale: i rischi di esposizione al sole potrebbero essere maggiori dei rischi di carenza di vitamina D per le persone vulnerabili alle scottature solari, con una storia di cancro della pelle o con pelle molto pallida. Dovrebbero parlare con un medico se passare più tempo con la luce naturale è una buona idea o no.

Prevenire la carenza di vitamina D

Mangiare cibi ricchi di vitamina D e passare 15-20 minuti ogni giorno alla luce solare naturale sono le migliori strategie per prevenire la carenza di vitamina D.

padre e figlio fuori giocando con le bolle

A seconda degli obiettivi di assunzione di vitamina D e della salute di una persona, un integratore di vitamina D può anche aiutare. È meglio parlare con un medico prima di prendere un integratore.

Alcune altre strategie di stile di vita che possono supportare livelli di vitamina D sani includono:

  • Mantenere un peso corporeo sano: provare a fare passeggiate all’aperto per ottenere l’esercizio quotidiano e l’esposizione alla luce solare.
  • Monitoraggio e trattamento delle condizioni mediche: questo vale soprattutto per coloro che hanno effetti sulla salute dell’intestino, del fegato e dei reni.
  • Utilizzo di integratori di vitamina D: in particolare per i bambini che vengono allattati al seno.
  • Parlare con un medico di eventuali cambiamenti nella salute: in particolare se vi è una storia familiare di carenza di osteoporosi o vitamina D.
Like this post? Please share to your friends: