Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Carnitina: quali sono i benefici e i rischi?

La carnitina è presente in quasi tutte le cellule del corpo. Svolge un ruolo cruciale nella produzione di energia, in quanto è responsabile del trasporto di acidi grassi ai mitocondri.

I mitocondri esistono all’interno di ogni cellula del corpo. Producono l’energia necessaria alle cellule per funzionare.

Il corpo crea carnitina dagli amminoacidi lisina e metionina. Gli scienziati l’hanno prima isolato dalla carne. Di conseguenza, prende il nome dalla parola latina per la carne.

Vi sono alcune prove a sostegno dell’uso della carnitina in medicina. È un supplemento popolare tra gli atleti, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermare la sua efficacia nel migliorare le prestazioni.

Che cos’è?

[Supplementi]

La carnitina ha due funzioni.

Una parte della carnitina trasporta gli acidi grassi a catena lunga nei mitocondri. Vengono bruciati lì, o ossidati, per produrre energia.

Un’altra parte trasporta rifiuti e composti tossici dai mitocondri, e questo impedisce la formazione di sostanze indesiderate.

I muscoli scheletrici e cardiaci che usano gli acidi grassi come carburante alimentare hanno alte concentrazioni di carnitina.

Esistono tre diverse forme di carnitina:

  • L-carnitina
  • acetil-L-carnitina
  • propionil-L-carnitina

Requisiti

Il fegato e i reni di solito producono abbastanza carnitina nel corpo umano, quindi non è necessario rabboccare con cibo o integratori. Non è consigliata l’assunzione giornaliera.

Tuttavia, ragioni genetiche o mediche possono far sì che alcune persone producano troppo poco.

La carenza sistemica primaria di carnitina può verificarsi quando la proteina responsabile della somministrazione di carnitina nelle cellule subisce un cambiamento genetico. Questa carenza causa problemi con l’elaborazione del cibo.

Questa rara condizione può portare a:

  • bassa carnitina plasmatica
  • cardiomiopatia progressiva o malattia del muscolo cardiaco
  • miopatia scheletrica
  • ipoglicemia
  • hypoammonemia
  • muscoli deboli nei fianchi, spalle, braccia, gambe, collo e muscoli della mascella

Non trattato è fatale. I sintomi peggiorano gradualmente dall’infanzia alla prima età adulta.

Per curarlo, il medico prescriverà dosi farmacologiche di carnitina, per correggere i problemi di cardiomiopatia e debolezza muscolare.

Se succede a causa di altre malattie metaboliche, questa è una carenza secondaria di carnitina. Il cancro e l’invecchiamento riducono i livelli di carnitina.

Le persone che mancano di carnitina potrebbero aver bisogno di assumere integratori o mangiare cibi arricchiti in modo speciale.

Fonti di cibo

Gli alimenti che forniscono la carnitina sono principalmente prodotti di origine animale, latticini, pollame e carne. La carne rossa ha una delle più alte concentrazioni.

[bistecca di manzo contiene carnitina]

Gli alimenti ricchi di carnitina includono:

  • Bistecca di manzo, cotta, 4 once contiene 56 a 162 milligrammi (mg)
  • Latte, 1 tazza contiene 8 mg
  • Il petto di pollo, cotto, 4 once contiene da 3 a 5 mg
  • Formaggio, cheddar, 2 once contiene 2 mg

Le fonti non animali includono pane integrale e asparagi.

Gli adulti le cui diete sono ricche di carne rossa consumano in media dai 60 ai 180 mg di carnitina al giorno. Una dieta vegana fornisce normalmente tra 10 e 12 mg al giorno.

Gli studi suggeriscono che il corpo assorbe il 54-86% della carnitina alimentare nel sangue, ma solo dal 14 al 18% quando viene assunto come integratore.

Come terapia

Si dice che la carnitina abbia molte proprietà terapeutiche che possono essere utili nel trattamento di una serie di condizioni e malattie.

Come antiossidante, la carnitina combatte i radicali liberi dannosi, che causano gravi danni alle cellule.

Le condizioni di salute che la carnitina può essere utilizzata per il trattamento includono insufficienza cardiaca o attacco cardiaco, angina e neuropatia diabetica.

Uno studio di revisione ha affermato che l’acetil-L-carnitina (ALC) ha un effetto moderato sulla riduzione del dolore, ma l’evidenza è ancora in conflitto, e sono necessarie ulteriori ricerche.

Uno studio ha scoperto che l’ALC è efficace quanto un trattamento convenzionale, la metilcobalamina (MC), nel trattamento della neuropatia periferica diabetica.

Un’altra indagine, che ha coinvolto 19 pazienti, ha rilevato che ALC non ha modificato la frequenza o la gravità della condizione.

Angina e problemi cardiaci

Per qualche tempo, alcuni studi hanno suggerito che la carnitina può aiutare a trattare i sintomi dell’angina se usata insieme al trattamento convenzionale. I risultati sono stati pubblicati in

Nel 2013, una revisione e una meta-analisi hanno collegato la L-carnitina con una riduzione del 27% nella mortalità per tutte le cause e, in particolare, un calo del 65% nelle aritmie ventricolari e un calo del 40% nello sviluppo dell’angina. Tuttavia, non ha portato a un calo nello sviluppo di insufficienza cardiaca o un infarto miocardico ripetuto (MI).

La carnitina può anche normalizzare il tipo di disfunzione dei vasi sanguigni che si verifica con difetti cardiaci congeniti, secondo il dott. Stephen M. Black, fisiologo cellulare e molecolare presso il Vascular Biology Center presso il Medical College of Georgia della Georgia Regents University.

Stanchezza e altri sintomi di malattia cronica

La maggior parte delle malattie croniche porta ad una perdita della funzione mitocondriale che può causare affaticamento e altri sintomi.

La ricerca pubblicata suggerisce che combinazioni di integratori, tra cui la carnitina, potrebbero aiutare a migliorare la funzione mitocondriale.

I ricercatori hanno concluso:

“Combinazioni di questi supplementi possono ridurre significativamente l’affaticamento e altri sintomi associati alla malattia cronica e possono ripristinare naturalmente la funzione mitocondriale, anche in pazienti a lungo termine con affaticamento intrattabile”.

Ritengono che la carnitina possa ridurre i sintomi di affaticamento in pazienti con malattie croniche.

Claudicatio intermittente

I risultati pubblicati sulla rivista hanno esaminato l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità della propionil-L-carnitina (PLC) somministrata a pazienti con una condizione nota come claudicatio intermittente.

La claudicatio intermittente può causare dolore durante la deambulazione o la corsa, poiché il danneggiamento o il restringimento di un’arteria porta a un insufficiente apporto di sangue.

Tende a influenzare i vasi sanguigni nelle gambe, ma può anche influenzare le braccia.

Il dolore di solito si verifica in piedi, polpacci, cosce, fianchi o glutei, a seconda di dove si verifica il danno o il restringimento dell’arteria.

Gli autori hanno scoperto che i pazienti con malattia arteriosa periferica erano in grado di camminare confortevolmente per tempi e distanze più lunghi dopo aver usato il PLC.

Il morbo di Alzheimer

Uno studio pubblicato sulla rivista ha concluso che l’acetil-L-carnitina può aiutare le persone con la malattia di Alzheimer.

Coloro che hanno preso l’integratore hanno visto un calo più piccolo nei loro punteggi del test sullo stato del Mini-Mental e dell’Alzheimer Disease Assessment Scale, rispetto a quelli sul placebo.

Disfunzione sessuale

PLC e ALC hanno migliorato l’efficacia del sildenafil, o del Viagra, nel ripristinare la potenza sessuale.

Studi su uomini con infertilità hanno suggerito che 2-3 grammi al giorno per 3 o 4 mesi possono aumentare la qualità dello sperma e che 2 grammi per 2 mesi possono aumentare la motilità degli spermatozoi. Tuttavia, altri studi non hanno confermato questo.

HIV o AIDS

Gli integratori di carnitina possono aiutare a invertire la caduta delle cellule immunitarie critiche nelle persone con HIV o AIDS. Una riduzione dei livelli di carnitina può verificarsi a seguito del trattamento per queste condizioni, ma sono necessari ulteriori studi per confermare i risultati.

L’Università del Maryland Medical Center (UMM) nota che le persone a volte assumono carnitina per perdita di peso, malattia di Peyronie, malattie renali e ipertiroidismo, che è una tiroide iperattiva.

Sottolineano che non ci sono abbastanza prove scientifiche a supporto di nessuno di questi usi.

Trattare una condizione grave con l’integratore può a volte essere pericoloso. Chiunque abbia sintomi o diagnosi di una malattia grave, deve sottoporsi a un trattamento convenzionale da un medico qualificato.

Per le prestazioni atletiche

Molti atleti e gli appassionati di palestra usano la carnitina, ed è disponibile al banco come supplemento per sport o salute.

[Tapis roulant]

L’ipotesi è che la supplementazione di carnitina migliora le prestazioni di esercizio in atleti sani attraverso vari meccanismi.

I sostenitori affermano che:

  • altera l’omeostasi del glucosio
  • migliora la produzione di acilcarnitina
  • modifica il modo in cui il corpo risponde all’allenamento
  • altera la resistenza alla fatica muscolare
  • migliore tolleranza all’esercizio
  • aumento della forza dei muscoli respiratori

Uno studio approfondito, pubblicato nel 2016, ha suggerito che la carnitina può ridurre lo stress ossidativo durante l’esercizio.

I ricercatori che hanno somministrato L-carnitina a pazienti più anziani affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) insieme a test da sforzo hanno rilevato che la capacità di esercizio è migliorata negli otto uomini che hanno completato l’esperimento.

La L-carnitina, hanno concluso, “sembrava essere sicura, ben tollerata e influenzata positivamente dalla capacità di esercizio e dalla forza dei muscoli respiratori nei pazienti con BPCO”.

Il National Institutes of Health (NIH) nota che tra gli atleti che richiedevano da 2 a 6 milligrammi al giorno per un intervallo da 1 a 28 giorni, non c’era “nessuna evidenza coerente” di alcun beneficio.

Secondo il NIH, “I supplementi non sembrano aumentare l’uso di ossigeno nell’organismo o migliorare lo stato metabolico durante l’esercizio, né aumentano necessariamente la quantità di carnitina nei muscoli”.

rischi

Anche se il NIH afferma che, come terapia, la carnitina è “generalmente sicura e ben tollerata”, gli integratori di carnitina possono portare ad alcuni effetti indesiderati.

Secondo il National Institutes of Health (NIH), un consumo di 3 grammi di carnitina al giorno porta a:

  • nausea
  • vomito
  • crampi addominali e diarrea
  • un odore corporeo “pesce”

Altre fonti suggeriscono che potrebbe verificarsi un aumento dell’appetito e un’eruzione cutanea.

Gli effetti collaterali più rari includono:

  • debolezza muscolare nei pazienti uremici
  • convulsioni in coloro che hanno già disturbi convulsivi

Le persone dovrebbero essere particolarmente sicure di informare il proprio medico prima di utilizzarlo come supplemento se hanno:

  • diabete
  • malattie renali
  • alta pressione sanguigna
  • cirrosi

La carnitina può interagire con fenobarbitale, acido valproico, fenitoina, carbamazepina e alcuni antibiotici, ma non vi è evidenza che questi possano portare a una carenza.

Il Linus Pauling Institute consiglia a chiunque decida di assumere integratori di carnitina deve considerare l’acetil-L-carnitina tra 500 mg e 1.000 mg al giorno.

Prima di assumere qualsiasi integratore, è sempre consigliabile parlare con un medico.

Like this post? Please share to your friends: