Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

CDC: il vaccino antinfluenzale di questa stagione è efficace solo al 23%

All’inizio di questo mese, un rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention ha rivelato che la stagione influenzale 2014-15 aveva già varcato la soglia per lo stato epidemico, con 15 bambini morti dal virus fino ad ora. Ora, un nuovo rapporto dell’organizzazione stima che il vaccino antinfluenzale di questa stagione sia efficace solo del 23% in tutte le fasce d’età.

Un vaccino antinfluenzale su un giornale

Di conseguenza, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) sollecitano tutti gli individui ad alto rischio di complicanze correlate all’influenza a cercare il trattamento il più presto possibile se vengono identificati eventuali sintomi dell’influenza.

“I medici devono essere consapevoli che tutti i pazienti ospedalizzati e tutti i pazienti ambulatoriali ad alto rischio di complicanze gravi devono essere trattati il ​​più presto possibile con uno dei tre farmaci antivirali disponibili se si sospetta l’influenza, indipendentemente dallo stato di vaccinazione del paziente e senza attendere i test di conferma “, afferma il dottor Joseph Bresee, capo della Divisione Influenza presso il CDC.

“Gli operatori sanitari dovrebbero consigliare ai pazienti ad alto rischio di chiamare tempestivamente se hanno sintomi di influenza”, aggiunge.

Il CDC ha raggiunto la loro stima, pubblicata nel rapporto settimanale di morbilità e mortalità (MMWR) di questa settimana, analizzando 2321 bambini e adulti con malattia respiratoria acuta.

Di questi, 950 (41%) hanno avuto il virus dell’influenza, con 916 (96%) risultati positivi per l’influenza A – tutti virus H3N2 – e 35 (4%) risultati positivi per l’influenza B. Il vaccino antinfluenzale 2014-15 è stato riscontrato che è stato somministrato al 49% dei pazienti con influenza e al 56% dei pazienti senza virus.

Da ciò, il CDC stima che il vaccino antinfluenzale abbia ridotto il rischio di visitare un medico a causa di influenza del 23%. Questo risultato è rimasto dopo aver contabilizzato l’età, il sesso, la razza / etnia dei pazienti, la salute autoriferita e il numero di giorni tra l’esordio della malattia e l’iscrizione allo studio.

L’efficacia del vaccino contro i virus H3N2 è stata valutata più alta tra i bambini e gli adolescenti di età compresa tra 6 mesi e 17 anni, al 26%. L’efficacia del vaccino era più bassa tra gli adulti di età compresa tra 18-49 e 50 e oltre, al 12% e al 14%, rispettivamente.

Gli autori del rapporto dicono che i loro risultati mostrano che l’efficacia del vaccino di questa stagione è relativamente bassa, rispetto ad alcune stagioni in cui l’efficacia del vaccino ha raggiunto il 50-60%.

Il 70% dei virus H3N2 di questa stagione sono “varianti di deriva”, rendendo meno efficace il vaccino antinfluenzale

Il CDC afferma che la loro stima supporta le precedenti scoperte che il vaccino antinfluenzale 2014-15 ha bassa efficacia contro i virus H3N2 dell’influenza circolante, che, come indica il rapporto, sono stati i virus più predominanti in questa stagione.

I virus H3N2 sono i più gravi, causando il maggior numero di ricoveri e morti. Durante le tre stagioni con i più alti tassi di mortalità negli ultimi 10 anni – 2012-13, 2007-08 e 2003-04 – i virus H3N2 erano i più diffusi.

Il CDC nota che circa il 70% dei virus H3N2 di questa stagione sono stati identificati come “varianti di deriva” – virus che possiedono cambiamenti genetici o antigenici che li rendono diversi dal virus incluso nel vaccino antinfluenzale di questa stagione, il che significa che l’efficacia del vaccino è ridotta.

L’efficacia del vaccino, secondo il CDC, dipende anche dall’età e dalla salute dell’individuo che riceve il vaccino; tende ad essere più efficace in persone giovani, sane e meno efficaci tra gli anziani – come dimostrato nelle stime del rapporto.

I risultati non dovrebbero scoraggiare dalla vaccinazione

Nonostante la bassa efficacia del vaccino antinfluenzale 2014-15, il CDC continua a raccomandare che tutte le persone di età pari o superiore a 6 mesi ricevano il vaccino, poiché potrebbe ancora prevenire le infezioni da alcuni virus H3N2 dell’influenza circolante e ridurre gravi complicanze correlate all’influenza.

“Inoltre, il vaccino potrebbe proteggere da altri virus influenzali che possono circolare in seguito”, aggiungono gli autori del rapporto. “All’inizio di novembre 2014, meno della metà dei residenti negli Stati Uniti aveva riferito di aver ricevuto il vaccino antinfluenzale in questa stagione: la vaccinazione contro l’influenza, anche quando l’efficacia è ridotta, può prevenire migliaia di ricoveri”.

Inoltre, il CDC afferma che le loro stime sottolineano l’importanza di ulteriori misure di prevenzione e trattamento contro l’influenza – in particolare per le persone di età pari o superiore a 65 anni, i bambini piccoli e altri ad alto rischio di complicanze correlate all’influenza.

Gli autori del rapporto scrivono:

“I farmaci antivirali anti-influenzali dovrebbero essere usati come raccomandato per il trattamento nei pazienti, indipendentemente dal loro stato di vaccinazione.Il trattamento antivirale può ridurre la durata della malattia e ridurre le complicanze associate all’influenza.

Il trattamento antivirale deve essere usato per qualsiasi paziente con influenza sospetta o confermata che è ospedalizzato, ha una malattia grave o progressiva, o è ad alto rischio di complicazioni da influenza, anche se la malattia sembra lieve. “

Aggiungono che il trattamento antivirale deve essere somministrato entro 48 ore dalla presentazione dei sintomi influenzali, ma può comunque essere efficace in alcuni pazienti, anche se iniziato dopo questo periodo.

La necessità di vaccini influenzali più efficaci

Gli autori del rapporto dicono che mentre i vaccini antinfluenzali sono la migliore protezione che abbiamo contro l’influenza al momento, c’è bisogno di quelli più efficaci, e questo è qualcosa che potrebbe presto essere sulle carte secondo un altro studio riportato oggi.

Ricercatori della McMaster University e della Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York, a New York, hanno rivelato di aver scoperto una nuova classe di anticorpi che potrebbe portare alla disponibilità di un vaccino contro l’influenza universale entro i prossimi 5 anni.

“A differenza dei vaccini stagionali, che devono essere somministrati ogni anno, questo tipo di vaccino verrebbe somministrato una sola volta e avrebbe la capacità di proteggere da tutti i ceppi di influenza, anche quando il virus muta”, spiega l’autore senior Matthew Miller, della McMaster University. . “Ciò impedirebbe il verificarsi di pandemie influenzali e una scarsa efficienza del vaccino in caso di disallineamenti, che si sono verificati effettivamente quest’anno”.

Mentre i vaccini antinfluenzali efficaci sono cruciali per la protezione contro il virus, non dobbiamo sottovalutare l’importanza di una buona igiene personale e di altre pratiche.

Il CDC dice di evitare il contatto ravvicinato con persone ammalate, stare a casa quando si è malati, coprire la bocca e il naso quando si tossisce o si starnutisce, si lavano spesso le mani ed evitando di toccare occhi, naso e bocca sono tutti fattori che possono aiutare a prevenire l’influenza.

Like this post? Please share to your friends: