Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Che cos’è la teoria del processo avversario e la sua relazione con la dipendenza

La teoria del processo avversario può spiegare i fattori emotivi e motivazionali alla base della dipendenza. È anche possibile che una migliore comprensione dei processi possa portare a migliori risultati per il trattamento dell’abuso di sostanze.

La teoria del processo avversario potrebbe spiegare perché è così difficile rompere una dipendenza da droga. L’uso di droghe inizialmente fa emergere sentimenti piacevoli. Con il tempo, tuttavia, il farmaco perderà il suo effetto e richiederà alla persona di usare più del farmaco per ottenere le sensazioni piacevoli.

Un esempio della teoria del processo avversario in circostanze normali è avere paura di qualcosa. La teoria del processo avversario afferma che più una persona sperimenta la paura, meno la paura la influenzerà. Questa diminuzione della paura può continuare fino al punto in cui la situazione non è più spaventosa. Se lo stimolo (la cosa temuta) non è più una paura, allora una seconda emozione (sollievo) prende il sopravvento.

Fatti veloci sulla teoria del processo avversario:

  • La teoria del processo avversario può spiegare situazioni in cui qualcosa di spiacevole può essere gratificante.
  • La teoria è stata applicata per comprendere la soddisfazione del lavoro.
  • La teoria collega le emozioni di una persona alla loro motivazione.
  • La ricerca sulla teoria ha dimostrato che il sollievo dal dolore fisico può portare a sentimenti piacevoli e ridurre quelli negativi.
  • La teoria del processo dell’avversario è stata anche utilizzata per spiegare la capacità di vedere i colori.

Qual è la teoria del processo avversario?

Varie sostanze coinvolgenti su un tavolo, tra cui alcol, droghe, accendisigari e una carta da gioco.

Richard Solomon, uno psicologo del 20 ° secolo, credeva che le emozioni agissero in coppie opposte. Ad esempio, il piacere è un’emozione opposta al dolore.

Quando una persona viene ripetutamente esposta a qualcosa che causa una risposta emotiva, per esempio, la paura, alla fine si innesca un’emozione opposta. Ciò potrebbe comportare l’indebolimento della prima emozione e l’aumento della forza opposta.

Un contributo importante del lavoro di Solomon è la sua teoria sulla dipendenza.

Sosteneva che la tossicodipendenza deriva dall’associazione delle emozioni del piacere e del ritiro.

Come si relaziona alla dipendenza?

Quando una persona è dipendente da un farmaco, gli effetti piacevoli della droga diminuiranno col tempo. Alla fine, la persona non ottiene piacere dal prendere il farmaco, e la risposta di ritiro (effetto negativo) prende il sopravvento. È probabile che la persona continui a prendere il farmaco per evitare sintomi di astinenza (o negativi).

Trattamento delle dipendenze

Terapia di gruppo in una riunione di supporto.

Il processo dell’avversario è un modo per spiegare come e perché gli individui subiscono implicazioni negative dall’uso di droghe.

Le emozioni e la motivazione sono una forza trainante nella dipendenza. Più a lungo una persona fa uso di droghe, più effetti negativi ci sono. È il desiderio di evitare questi effetti negativi che fanno continuare a usare droghe, influenzando la loro capacità di dimettersi.

Sfortunatamente, la teoria del processo avversario non si concentra abbastanza sui risultati del trattamento.

Il modo migliore per controllare le emozioni e la necessità di un motivo acquisito è mantenere il controllo degli effetti negativi.

Rimuoversi dal comportamento di dipendenza richiede aiuto e supporto professionale. È possibile che la teoria del processo avversario possa essere applicata quando si cerca di capire il processo di recupero della dipendenza basato su successi e fallimenti e le ragioni per cui si basa.

Perché la teoria del processo avversario è così negativa per alcune persone?

Quando qualcuno inizia a usare un farmaco, c’è un alto livello di divertimento e un basso ritiro. A questo punto, gli individui possono ancora avere la possibilità di uscire con meno difficoltà. Tuttavia, a causa del piacere che ricevono dal farmaco, potrebbero non essere motivati ​​a smettere.

Con il tempo, tuttavia, il piacere diminuisce e aumentano i sintomi di astinenza. A questo punto, la motivazione a prendere il farmaco non riguarda il piacere ma l’evitare i sintomi dell’astinenza.

Secondo Solomon, la dipendenza può sopraffare altri bisogni fondamentali.

Ad esempio, una persona che ha una dipendenza può impiegare più tempo a cercare modi per soddisfare la sua dipendenza rispetto a quella di altri bisogni fondamentali – come l’amore e le connessioni sociali, cibo e bevande, risultati e altri comportamenti umani quotidiani.

Questo perché, secondo Salomone, la dipendenza è legata al motivo e diventa importante quanto altri bisogni. Salomone ritiene inoltre che la dipendenza diventi un “motivo acquisito” e che motivi acquisiti o appresi, come voglie, preferenze alimentari e desiderio di realizzazione o emozioni, siano aspetti importanti del comportamento umano.

Cosa dicono gli studi?

Come spiegato dai ricercatori del Virginia Polytechnic Institute e della State University, Blacksburg, VA, Solomon analizzò le emozioni dei paracadutisti e scoprì che i nuovi paracadutisti avevano livelli più elevati di paura rispetto agli esperti paracadutisti e guadagnavano poco piacere dall’attività.

Anche i paracadutisti esperti hanno sperimentato più piacere con il loro atterraggio. Mentre i nuovi paracadutisti continuavano a saltare, cominciarono a provare più piacere e meno paura.

Un altro rapporto di Frontiers in Psychology ha esaminato la teoria di Salomone, collocando i cani in imbracature che hanno somministrato trattamenti da shock di 10 secondi. Inizialmente, i cani erano spaventati e in preda al panico. Una volta che gli shock si sono fermati, i cani sono diventati diffidenti e guardinghi.

Mentre l’esperimento continuava, i cani cominciarono a tollerare meglio gli shock. Al termine dell’esperimento, i cani sono tornati al loro stato precedente. I risultati hanno mostrato come i cani sono passati dalla paura alla paura e, con il tempo, alla loro personalità originale. I ricercatori ritengono che ciò sia dovuto principalmente al fatto che i cani si sono abituati ai trattamenti per lo shock.

Processo dell’avversario in situazioni salutari

Aggiusti la mano della tenuta del paziente sul letto di ospedale nel pronto soccorso.

Lo stress a volte può alimentare il sistema di ricompensa. Ad esempio, la maggior parte delle persone che sopportano continuamente situazioni stressanti tendono a fare meglio nel tempo.

Un altro esempio sono le persone con lavori altamente stressanti, come i medici del pronto soccorso. Inizialmente, i medici sperimentano alti livelli di stress e poca fretta. Nel corso del tempo, tuttavia, la fretta li spinge piuttosto che li stress.

La teoria del processo avversario può anche essere vista in nuove relazioni, in cui due persone che inizialmente gestiscono le stranezze dell’altro, scoprono che queste abitudini diventano meno attraenti nel tempo.

Un altro esempio del processo avversario in situazioni di salute riguarda le persone che guardano film horror. Molte persone le trovano disturbanti all’inizio, ma dopo il tempo, si divertono a guardarle.

Sollievo da situazioni dolorose

La teoria del processo avversario si manifesta nella guarigione e nel sollievo dal dolore. Mentre il dolore diminuisce o la guarigione continua, i sentimenti negativi che le persone inizialmente sentivano cominciano a diminuire e cominciano a provare sentimenti più piacevoli.

Questa teoria è stata spiegata con ricerche sui comportamenti autolesionistici non suicidari.

I ricercatori dell’Università Huazhong di Scienza e Tecnologia, Wuhan, Hubei, Cina hanno esaminato il legame tra l’autolesionismo non suicida e i tentativi di suicidio negli adolescenti cinesi e negli studenti universitari.

Hanno scoperto che il metodo per mettere in atto il suicidio, basato sulla teoria del processo avversario, suggeriva che l’esposizione ripetuta a trigger emotivi si sarebbe spostata nel tempo.

Il piacere iniziale era di breve durata e, mentre la risposta opposta si faceva più forte, le persone non erano in grado di suscitare la stessa reazione dell’emozione che avevano prima.

In altre parole, la ragione originale per voler suicidarsi – desiderare di rimuovere il dolore – è offuscata dal non aver più paura della morte.

Soddisfazione professionale e motivazione

Verso la fine degli anni ’70, lo psicologo Frank Landy suggerì che l’atteggiamento professionale derivava dal modo in cui il corpo funziona bene. Sulla base dell’approccio di Landy, i fattori motivazionali, come un aumento di stipendio, sarebbero di breve durata perché il tempo cambia la forza delle emozioni. Pertanto, ogni volta che aumenta il salario, la risposta di una persona è meno favorevole.

Altri ricercatori non sono d’accordo con alcune delle idee di Landy. Ad esempio, studi più recenti hanno rilevato che lo stress quotidiano influisce sulla soddisfazione del lavoro e sulla motivazione e non su fattori che sono istintivi o correlati al funzionamento del corpo.

Mentre la teoria del processo avversario può offrire alcune informazioni sulla soddisfazione del lavoro, non c’è stata abbastanza ricerca per indicare la sua efficacia in ambito professionale e sul posto di lavoro.

Like this post? Please share to your friends: