Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Che cos’è superbug NDM-1?

NDM-1 si riferisce a un gene trasportato da alcuni batteri. Un ceppo batterico che porta il gene NDM-1 sarà resistente anche ad alcuni degli antibiotici più forti. Non ci sono antibiotici attuali per combattere i batteri che hanno il gene NDM-1, e questo lo rende potenzialmente molto pericoloso.

NDM-1 è l’acronimo di New Delhi metallo-ß-lattamasi-1. È stato isolato per la prima volta in un paziente svedese di origine indiana che ha viaggiato in India nel 2008. Ciò che ha portato all’emergere di NDM-1 in India non è chiaro.

Si è scoperto che è diffuso in India e nel 2015 è stato rilevato in oltre 70 paesi in tutto il mondo.

Che cos’è NDM-1?

NDM-1 non causa la malattia, ma ha il potenziale per modificare le caratteristiche dei batteri. Li rende resistenti agli antibiotici. In questo modo, può portare a una serie di condizioni, da una distesa urinaria o da un flusso sanguigno a un’infezione della ferita o da una polmonite.

[batteri]

I carbapenemi sono gli antibiotici più potenti. Sono utilizzati come ultima risorsa per molte infezioni batteriche, come ad esempio carbapenemasi (KPC).

Il gene NDM-1 induce il batterio a produrre un enzima che neutralizza l’attività di questi antibiotici.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno classificato NDM-1 e KPC come problemi emergenti nel campo delle malattie infettive.

Un batterio che trasporta il gene NDM-1 è il più potente superbatterio esistente.

NDM-1 è diverso da MRSA, un altro superbatterio, perché MRSA è Gram-positivo, mentre le infezioni che portano NDM-1 sono Gram-negativi. Sono diversi ceppi.

Perché NDM-1 è pericoloso?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è preoccupata del fatto che NDM-1 potrebbe introdurre lo “scenario apocalittico di un mondo senza antibiotici”.

Prima della scoperta di antibiotici nel 1928, molte persone morivano di infezioni che ora sono evitabili.

NDM-1 solleva timori che le malattie in futuro non risponderanno agli antibiotici. Se l’NDM-1 attraversa altri batteri, emergeranno malattie secondarie. Mentre si diffondono in tutto il mondo, potrebbe portare a una crisi di salute.

L’OMS afferma che una donna incinta, ad esempio, potrebbe sviluppare un’infezione renale che si riversa nel flusso sanguigno con un ceppo contenente NDM-1. In questo caso, non ci sarebbero opzioni di trattamento.

Il gene NDM-1 induce i batteri a produrre un enzima chiamato carbapenemasi. Carbapenemase rende praticamente inefficaci quasi tutti gli antibiotici, compreso il carbepenem.

Gli antibiotici carbepenem sono farmaci estremamente potenti che vengono utilizzati per combattere i batteri altamente resistenti quando altri antibiotici non hanno funzionato. Anche il carbepenem è inefficace nei casi di NDM-1.

Un batterio con il codice DNA NDM-1 ha il potenziale per essere resistente a tutti i nostri antibiotici attuali, così come nuovi antibiotici che potrebbero essere disponibili nel prossimo futuro. La ricerca è attualmente in corso per trovare una soluzione a NDM-1.

Come si diffonde NDM-1?

Il codice del DNA per NDM-1 può passare da un ceppo batterico all’altro attraverso un processo noto come trasferimento genico orizzontale (HGT).

Se NDM-1 salta a un batterio che è già resistente agli antibiotici, potrebbero emergere alcune infezioni pericolose che si diffonderebbero rapidamente tra le persone. Queste infezioni potrebbero non essere curabili.

Nel 2010, gli scienziati erano consapevoli che alcuni ceppi di batteri, come e (KPC), portano il gene NDM-1. Da allora è stato scoperto che il trasferimento genico orizzontale (HGT) è possibile tra KPC e NDM-1.

L’NDM-1 è già diffuso?

Il gene NDM-1 prende il nome da Nuova Delhi, la capitale indiana. Il gene è diffuso in India e Pakistan, specialmente negli ospedali.

Inizialmente si è verificato principalmente in India e Pakistan, e in particolare a Nuova Delhi, dove il clima incoraggia la persistenza per tutto l’anno. È stato trovato nell’acqua potabile e nei fiumi sacri dell’India, come il Gange.

L’NDM-1 è emerso nei paesi di tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti, il Giappone, l’Australia e il Regno Unito, in pazienti che hanno trascorso del tempo o viaggiato in India o che hanno familiari.

Alcuni pazienti riportarono la malattia a casa dopo essersi recati in India o in Pakistan per un intervento di chirurgia estetica, perché questo tipo di trattamento è più economico in Asia.

Tuttavia, la capacità di NDM-1 di diffondersi ad altri tipi di batteri significa che gli scienziati si aspettano di vedere numerosi casi secondari in altri paesi che non sono legati al tempo trascorso in India.

NDM-1 può essere sconfitto?

Al momento, l’unico modo per combattere la diffusione di NDM-1 è attraverso la sorveglianza, identificare e isolare rapidamente i pazienti infetti, disinfettare le apparecchiature ospedaliere e seguire le procedure di igiene delle mani negli ospedali.

Finora, i pazienti con infezioni correlate a NDM-1 sono stati trattati caso per caso, con una combinazione di farmaci, ma non esiste un trattamento efficace e non sono disponibili trattamenti orali per molte delle infezioni causate da NDM- 1. Alcuni ceppi di batteri sono totalmente resistenti a praticamente tutti i tipi di antibiotici.

[lavarsi le mani]

Nel 2014, Morad Hasssani, della Albert Einstein College of Medicine di New York, NY, ha invitato “tutte le parti in causa in questa crisi di salute pubblica” a fare la propria parte, a incrementare i budget per la ricerca, a “mostrare più responsabilità e impegno “e per gli scienziati di trovare nuovi modi di affrontare la” crisi delle infezioni resistenti Gram-negativi “.

Dal 2001, l’OMS ha invitato i professionisti della salute a ridurre l’uso di antibiotici per ridurre il rischio che malattie sviluppino resistenza e a limitare al minimo l’uso di antibiotici carbapenemici.

Il Center for Disease Dynamics, Economics and Policy osserva che “la resistenza agli antibiotici è un risultato diretto dell’uso di antibiotici”.

Europa, Canada e Stati Uniti hanno ridotto il loro uso di antibiotici negli ultimi anni, ma l’utilizzo è ancora in aumento in India, Africa subsahariana, America latina e Australia.

Anche se l’uso medico degli antibiotici è controllato, rimane preoccupazione circa l’uso agricolo degli antibiotici, in quanto questi possono entrare nel sistema umano passando attraverso il cibo e la lisciviazione nell’ambiente.

Like this post? Please share to your friends: