Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Che cosa causa difficoltà a deglutire (disfagia)?

La disfagia si riferisce a una difficoltà nella deglutizione – richiede più sforzo del normale per spostare il cibo dalla bocca allo stomaco.

Solitamente causato da problemi nervosi o muscolari, la disfagia può essere dolorosa ed è più comune nelle persone anziane e nei bambini.

Sebbene il termine medico “disfagia” sia spesso considerato come un sintomo o segno, a volte viene usato per descrivere una condizione a sé stante. Esiste un’ampia gamma di potenziali cause di disfagia; se succede una o due volte, probabilmente non c’è un problema serio di base, ma, se si verifica regolarmente, dovrebbe essere controllato da un medico.

Perché ci sono molte ragioni per cui può verificarsi disfagia, il trattamento dipende dalla causa sottostante.

In questo articolo, discuteremo le varie cause della disfagia insieme a sintomi, diagnosi e potenziali trattamenti.

Cos’è la disfagia?

La disfagia è più comune negli anziani.

Una tipica “rondine” coinvolge diversi muscoli e nervi; è un processo sorprendentemente complesso. La disfagia può essere causata da una difficoltà in qualsiasi parte del processo di deglutizione.

Esistono tre tipi generali di disfagia:

Disfagia orale (alta disfagia) – il problema è nella bocca, a volte causato dalla debolezza della lingua dopo un ictus, difficoltà a masticare cibo o problemi nel trasporto di cibo dalla bocca.

Disfagia faringea – il problema è nella gola. I problemi alla gola sono spesso causati da un problema neurologico che colpisce i nervi (come il morbo di Parkinson, l’ictus o la sclerosi laterale amiotrofica).

Disfagia esofagea (bassa disfagia) – il problema è nell’esofago. Questo di solito è a causa di un blocco o di un’irritazione. Spesso è necessaria una procedura chirurgica.

Vale la pena notare che il dolore durante la deglutizione (odinofagia) è diverso dalla disfagia, ma è possibile avere entrambi allo stesso tempo. E, globus è la sensazione di qualcosa che si è bloccato in gola.

Cause di disfagia

Possibili cause di disfagia includono:

Sclerosi laterale amiotrofica – una forma incurabile di neurodegenerazione progressiva; col passare del tempo, i nervi della colonna vertebrale e del cervello perdono progressivamente la funzione.

Acalasia: il muscolo esofageo inferiore non si rilassa abbastanza da permettere il cibo nello stomaco.

Spasmo diffuso – i muscoli dell’esofago si contraggono in modo scoordinato.

Corsa: le cellule cerebrali muoiono a causa della mancanza di ossigeno perché il flusso sanguigno è ridotto. Se le cellule cerebrali che controllano la deglutizione sono colpite, possono causare disfagia.

Anello esofageo – una piccola parte dell’esofago si restringe, impedendo a volte il passaggio di cibi solidi.

Esofagite eosinofila – livelli elevati di eosinofili (un tipo di globuli bianchi) nell’esofago. Questi eosinofili crescono in modo incontrollato e attaccano il sistema gastrointestinale, causando vomito e difficoltà a deglutire il cibo.

Sclerosi multipla: il sistema nervoso centrale viene attaccato dal sistema immunitario, distruggendo la mielina, che normalmente protegge i nervi.

Miastenia grave (malattia di Goldflam) – i muscoli sotto controllo volontario diventano facilmente stanchi e deboli perché c’è un problema con il modo in cui i nervi stimolano la contrazione dei muscoli. Questa è una malattia autoimmune.

Sindromi di Parkinson e Parkinsonismo – La malattia di Parkinson è una malattia neurologica progressiva e degenerativa che compromette le capacità motorie del paziente.

Radiazioni: alcuni pazienti che hanno ricevuto radioterapia (radioterapia) al collo e alla zona della testa possono avere difficoltà di deglutizione.

Labio e palatoschisi: tipi di anomalie del volto dovute alla fusione incompleta delle ossa nella testa, con conseguenti lacune (palatoschisi) nel palato e nella zona del labbro-naso.

Scleroderma – un gruppo di malattie autoimmuni rare in cui la pelle e il tessuto connettivo diventano più tesi e induriti.

Cancro esofageo – un tipo di cancro nell’esofago, solitamente correlato all’alcol e al fumo o alla malattia da reflusso gastroesofageo (GERD).

Stenosi esofagea – un restringimento dell’esofago, è spesso correlata al GERD.

Xerostomia (secchezza delle fauci) – non c’è abbastanza saliva per mantenere la bocca bagnata.

Sintomi di disfagia

Tosse per adulti più anziane

Alcuni pazienti hanno disfagia e non ne sono consapevoli – in questi casi, possono non essere diagnosticati e non essere trattati, aumentando il rischio di polmonite da aspirazione (un’infezione polmonare che può svilupparsi dopo l’inalazione accidentale di saliva o particelle di cibo).

La disfagia non diagnosticata può anche portare a disidratazione e malnutrizione.

I sintomi legati alla disfagia includono:

  • Soffocamento quando si mangia.
  • Tosse o bavaglio durante la deglutizione.
  • Sbavando.
  • Acido alimentare o gastrico che fa da rinforzo alla gola.
  • Bruciore di stomaco ricorrente
  • Raucedine.
  • Sensazione di cibo che si blocca nella gola o nel torace o dietro lo sterno.
  • Perdita di peso inspiegabile.
  • Riportare il cibo (rigurgito).
  • Difficoltà nel controllare il cibo in bocca.
  • Difficoltà a iniziare il processo di deglutizione.
  • Polmonite ricorrente.
  • Incapacità di controllare la saliva in bocca.

I pazienti possono sentirsi come “il cibo è rimasto bloccato”.

Fattori di rischio per disfagia

I fattori di rischio della disfagia includono:

Invecchiamento: gli anziani sono più a rischio. Ciò è dovuto all’usura generale del corpo nel tempo. Inoltre, alcune malattie della vecchiaia possono causare disfagia, come il morbo di Parkinson.

Condizioni neurologiche – alcuni disturbi del sistema nervoso rendono più probabile la disfagia.

Complicazioni di disfagia

Polmonite e infezioni delle vie respiratorie superiori – in particolare polmonite da aspirazione, che può verificarsi se qualcosa viene inghiottito nel “modo sbagliato” ed entra nei polmoni.

Malnutrizione – questo è particolarmente vero per le persone che non sono consapevoli della loro disfagia e non vengono curate per questo. Potrebbero semplicemente non assumere abbastanza nutrienti vitali per una buona salute.

Disidratazione: se un individuo non può bere correttamente, il suo apporto di liquidi potrebbe non essere sufficiente, portando a disidratazione (carenza di acqua nel corpo).

Diagnosi di disfagia

Radiografia della testa e del collo

Un patologo del linguaggio del linguaggio cercherà di determinare dove si trova il problema – quale parte del processo di deglutizione sta causando difficoltà.

Il paziente verrà interrogato sui sintomi, per quanto tempo sono stati presenti, se il problema è con liquidi, solidi o entrambi.

Studio di deglutizione: di solito viene somministrato da un logopedista. Testano diverse consistenze di cibo e liquido per vedere quale causa causa difficoltà. Possono anche fare un test di deglutizione video per vedere dove si trova il problema.

Test di deglutizione del bario: il paziente ingerisce un liquido contenente bario. Il bario si presenta ai raggi X e aiuta il medico a identificare ciò che sta accadendo nell’esofago in modo più dettagliato, specialmente l’attività dei muscoli.

Endoscopia: un medico usa una macchina fotografica per guardare in basso nell’esofago. Prenderanno una biopsia se troveranno qualcosa che pensano possa essere un cancro.

Manometria: questo studio misura i cambiamenti di pressione prodotti quando i muscoli nell’esofago funzionano. Questo può essere usato se non viene trovato nulla durante l’endoscopia.

Trattamento per disfagia

Il trattamento dipende dal tipo di disfagia:

Trattamento per disfagia orofaringea (alta disfagia)

Poiché la disfagia orofaringea è spesso un problema neurologico, fornire un trattamento efficace è difficile. I pazienti con malattia di Parkinson possono rispondere bene ai farmaci per la malattia di Parkinson.

Terapia della deglutizione – questo sarà fatto con un logopedista. L’individuo imparerà nuovi modi di deglutire correttamente. Gli esercizi contribuiranno a migliorare i muscoli e il modo in cui rispondono.

Dieta – Alcuni alimenti e liquidi, o combinazioni di essi, sono più facili da deglutire. Mentre si mangiano i cibi più facili da ingerire, è anche importante che il paziente abbia una dieta ben bilanciata.

Alimentazione attraverso un tubo – se il paziente è a rischio di polmonite, malnutrizione o disidratazione potrebbe dover essere alimentato attraverso una cannula nasale (sondino nasogastrico) o PEG (gastrostomia percutanea endoscopica). Le provette di PEG vengono impiantate chirurgicamente direttamente nello stomaco e passano attraverso una piccola incisione nell’addome.

Trattamento per la disfagia esofagea (bassa disfagia)

L’intervento chirurgico è solitamente richiesto per la disfagia esofagea.

Dilatazione: se l’esofago ha bisogno di essere allargato (a causa di una stenosi, per esempio), un piccolo palloncino può essere inserito e quindi gonfiato (viene quindi rimosso).

Tossina botulinica (Botox) – comunemente usata se i muscoli dell’esofago si sono irrigiditi (acalasia). La tossina botulinica è una tossina forte che può paralizzare il muscolo rigido, riducendo la costrizione.

Se la disfagia è causata dal cancro, il paziente verrà indirizzato a un oncologo per il trattamento e potrebbe aver bisogno di una rimozione chirurgica del tumore.

Like this post? Please share to your friends: