Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Che cosa fa il sistema linfatico?

Il sistema linfatico è parte del sistema immunitario. Inoltre mantiene l’equilibrio dei liquidi e svolge un ruolo nell’assorbire i grassi e i nutrienti liposolubili.

Il sistema linfatico o linfatico coinvolge una vasta rete di vasi che attraversa quasi tutti i nostri tessuti per consentire il movimento di un fluido chiamato linfa. La linfa circola attraverso il corpo in modo simile al sangue.

Ci sono circa 600 linfonodi nel corpo. Questi nodi si gonfiano in risposta alle infezioni, a causa di un accumulo di liquido linfatico, batteri o altri organismi e cellule del sistema immunitario.

Una persona con un’infezione alla gola, ad esempio, può sentire che le sue “ghiandole” sono gonfie. Ghiandole gonfie possono essere sentite soprattutto sotto la mascella, sotto le ascelle o nella zona inguinale. Queste sono, di fatto, non ghiandole ma linfonodi.

Dovrebbero vedere un medico se il gonfiore non scompare, se i nodi sono duri o elastici e difficili da spostare, se c’è febbre, perdita di peso inspiegabile o difficoltà a respirare o deglutire.

Fatti veloci sul sistema linfatico

  • Il sistema linfatico svolge un ruolo chiave nel sistema immunitario, nell’equilibrio dei fluidi e nell’assorbimento dei grassi e dei nutrienti liposolubili.
  • Poiché i vasi linfatici drenano il fluido dai tessuti corporei, questo consente al materiale estraneo di essere consegnato ai linfonodi per la valutazione da parte delle cellule del sistema immunitario.
  • I linfonodi si gonfiano in risposta alle infezioni, a causa di un accumulo di liquido linfatico, batteri o altri organismi e cellule del sistema immunitario.
  • I linfonodi possono anche essere infettati, in una condizione nota come linfoadenite.
  • Se i linfonodi rimangono rigonfi, se sono duri e gommosi, e se ci sono altri sintomi, dovresti consultare un medico.

Definizione

Linfonodi, o

Il sistema linfatico ha tre funzioni principali:

  • Mantiene l’equilibrio del fluido tra sangue e tessuti, noto come omeostasi fluida.
  • Fa parte del sistema immunitario del corpo e aiuta a difendersi da batteri e altri intrusi.
  • Facilita l’assorbimento dei grassi e dei nutrienti liposolubili nel sistema digestivo.

Il sistema ha speciali piccole navi chiamate allarmi. Questi gli permettono di assorbire i grassi e i nutrienti liposolubili dall’intestino.

Lavorano con i capillari sanguigni nella membrana della superficie ripiegata dell’intestino tenue. I capillari sanguigni assorbono altri nutrienti direttamente nel flusso sanguigno.

Anatomia

Il sistema linfatico è costituito da vasi linfatici, condotti, nodi e altri tessuti.

Ogni giorno circa 2 litri di perdita di fluido dal sistema cardiovascolare nei tessuti del corpo. Il sistema linfatico è una rete di vasi che raccolgono questi fluidi o linfa. La linfa è un fluido chiaro derivato dal plasma sanguigno.

I vasi linfatici formano una rete di rami che raggiungono la maggior parte dei tessuti del corpo. Funzionano in modo simile ai vasi sanguigni. I vasi linfatici lavorano con le vene per restituire il liquido dai tessuti.

A differenza del sangue, il fluido linfatico non viene pompato ma schiacciato attraverso i vasi quando usiamo i nostri muscoli. Le proprietà delle pareti dei vasi linfatici e delle valvole aiutano a controllare il movimento della linfa. Tuttavia, come le vene, vasi linfatici hanno valvole al loro interno per impedire al fluido di fluire nella direzione sbagliata.

La linfa viene drenata progressivamente verso i vasi più grandi fino a raggiungere i due canali principali, i dotti linfatici nel nostro tronco. Da lì, il fluido linfatico filtrato ritorna al sangue nelle vene.

Le navi si diramano attraverso giunzioni chiamate linfonodi. Questi sono spesso indicati come ghiandole, ma non sono vere ghiandole in quanto non fanno parte del sistema endocrino.

Nei linfonodi, le cellule immunitarie valutano la presenza di materiale estraneo, come batteri, virus o funghi.

I linfonodi non sono i soli tessuti linfatici del corpo. Le tonsille, la milza e la ghiandola del timo sono anche dei tessuti linfatici.

Cosa fanno le tonsille?

Nella parte posteriore della bocca, ci sono le tonsille. Questi producono linfociti, un tipo di globuli bianchi e anticorpi.

Hanno una posizione strategica, pendono da un anello che forma la giunzione tra la bocca e la faringe. Ciò consente loro di proteggersi da corpi estranei inalati e ingeriti. Le tonsille sono i tessuti affetti da tonsillite.

Qual è la milza?

La milza non è collegata al sistema linfatico allo stesso modo dei linfonodi, ma è un tessuto linfoide. Ciò significa che svolge un ruolo nella produzione di globuli bianchi che fanno parte del sistema immunitario.

L’altro suo ruolo principale è quello di filtrare il sangue per rimuovere microbi e globuli rossi e piastrine vecchi e danneggiati.

La ghiandola del timo

La ghiandola del timo è un organo linfatico e una ghiandola endocrina che si trova appena dietro lo sterno. Secrezione degli ormoni ed è fondamentale per la produzione, la maturazione e la differenziazione delle cellule T immunitarie.

È attivo nello sviluppo del sistema immunitario sin dalla nascita e durante l’infanzia.

Il midollo osseo

Il midollo osseo non è il tessuto linfatico, ma può essere considerato parte del sistema linfatico perché è qui che i linfociti delle cellule B del sistema immunitario maturano.

Fegato di un feto

Durante la gestazione, il fegato di un feto è considerato parte del sistema linfatico in quanto svolge un ruolo nello sviluppo dei linfociti.

Di seguito è riportato un modello 3-D del sistema linfatico, che è completamente interattivo.

Esplora il modello utilizzando il mouse o il touchscreen per comprendere meglio il sistema linfatico.

Funzione

Il sistema linfatico ha tre funzioni principali.

Equilibrio dei liquidi

Il sistema linfatico aiuta a mantenere l’equilibrio dei liquidi. Restituisce il fluido in eccesso e le proteine ​​dai tessuti che non possono essere restituiti attraverso i vasi sanguigni.

Il fluido si trova negli spazi e nelle cavità del tessuto, negli spazi minuscoli che circondano le cellule, noti come spazi interstiziali.Questi sono raggiunti dai più piccoli vasi sanguigni e linfatici.

Circa il 90 percento del plasma che raggiunge i tessuti dai vasi sanguigni arteriosi viene restituito dai capillari venosi e retrocesso lungo le vene. Il restante 10% viene drenato dai vasi linfatici.

Ogni giorno vengono restituiti circa 2-3 litri. Questo fluido include proteine ​​troppo grandi per essere trasportate attraverso i vasi sanguigni.

La perdita del sistema linfatico sarebbe fatale in un giorno. Senza il sistema linfatico che prosciuga il fluido in eccesso, i nostri tessuti si gonfieranno, il volume del sangue andrebbe perso e la pressione aumenterebbe.

Assorbimento

La maggior parte dei grassi assorbiti dal tratto gastrointestinale viene assorbita in una parte della membrana intestinale nell’intestino tenue, adattata in modo particolare dal sistema linfatico.

Il sistema linfatico ha piccoli lacteals in questa parte dell’intestino che fanno parte dei villi. Queste strutture sporgenti simili a dita sono prodotte dalle minuscole pieghe nella superficie assorbente dell’intestino.

I lattici assorbono i grassi e le vitamine liposolubili per formare un fluido bianco latte chiamato chilo.

Questo fluido contiene grassi linfatici ed emulsionati o acidi grassi liberi. Trasporta le sostanze nutrienti indirettamente quando raggiunge la circolazione venosa del sangue. I capillari sanguigni assorbono direttamente altri nutrienti.

Il sistema immunitario

Il sistema linfatico produce globuli bianchi, o linfociti che sono cruciali nel respingere le infezioni.

La terza funzione è quella di difendere il corpo dagli organismi indesiderati. Senza di esso, moriremmo molto presto da un’infezione.

I nostri corpi sono costantemente esposti a microrganismi potenzialmente pericolosi, come le infezioni.

La prima linea di difesa del corpo implica:

  • barriere fisiche, come la pelle
  • barriere tossiche, come il contenuto acido dello stomaco
  • batteri “amichevoli” nel corpo

Tuttavia, gli agenti patogeni spesso riescono ad entrare nel corpo nonostante queste difese. In questo caso, il sistema linfatico consente al nostro sistema immunitario di rispondere in modo appropriato.

Se il sistema immunitario non è in grado di combattere questi microrganismi o patogeni, possono essere dannosi e persino fatali.

Un certo numero di diverse cellule immunitarie e molecole speciali lavorano insieme per combattere gli agenti patogeni indesiderati.

Come fa il sistema linfatico a combattere l’infezione?

Il sistema linfatico produce globuli bianchi, noti come linfociti. Esistono due tipi di linfociti, cellule T e cellule B. Entrambi viaggiano attraverso il sistema linfatico.

Quando raggiungono i linfonodi, vengono filtrati e attivati ​​dal contatto con virus, batteri, particelle estranee e così via nel liquido linfatico. Da questo stadio, i patogeni o gli invasori sono noti come antigeni.

Quando i linfociti si attivano, formano anticorpi e iniziano a difendere il corpo. Possono anche produrre anticorpi dalla memoria se hanno già incontrato il patogeno specifico in passato.

Le raccolte di linfonodi sono concentrate nel collo, nelle ascelle e nell’inguine. Diventiamo consapevoli di questi su uno o entrambi i lati del collo quando sviluppiamo le cosiddette “ghiandole gonfie” in risposta a una malattia.

È nei linfonodi che i linfociti incontrano per la prima volta i patogeni, comunicano tra loro e innescano la loro risposta difensiva.

I linfociti attivati ​​passano poi più in alto nel sistema linfatico in modo che possano raggiungere il flusso sanguigno. Ora sono equipaggiati per diffondere la risposta immunitaria in tutto il corpo, attraverso la circolazione sanguigna.

Il sistema linfatico e l’azione dei linfociti, di cui il corpo ha trilioni, fanno parte di ciò che gli immunologi chiamano la “risposta immunitaria adattativa”. Queste sono risposte altamente specifiche e durature a particolari patogeni.

Malattie

Il sistema linfatico può smettere di funzionare correttamente se i nodi, i condotti, i vasi sanguigni o i tessuti linfatici si bloccano, si infettano, si infiammano o sono cancerogeni.

linfoma

Il cancro che inizia nel sistema linfatico è noto come linfoma. È la più grave malattia linfatica.

Il linfoma di Hodgkin colpisce un tipo specifico di globuli bianchi noto come cellule di Reed-Sternberg. Linfoma non Hodgkin si riferisce a tipi che non coinvolgono queste cellule.

Il cancro che colpisce il sistema linfatico è di solito un cancro secondario. Ciò significa che si è diffuso da un tumore primario, come il seno, ai linfonodi vicini o regionali.

linfoadenite

A volte, un linfonodo si gonfia perché diventa infetto. I nodi possono riempirsi di pus, creando un ascesso. La pelle sopra i nodi può essere rossa o striata.

La linfoadenite localizzata colpisce i nodi vicino l’infezione, ad esempio a causa della tonsilite.

La linfoadenite generalizzata può verificarsi quando una malattia si diffonde attraverso il flusso sanguigno e colpisce l’intero corpo. Le cause vanno dalla sepsi alle infezioni del tratto respiratorio superiore.

Linfedema

Se il sistema linfatico non funziona correttamente, per esempio, se c’è un’ostruzione, il fluido potrebbe non drenare efficacemente. Quando il liquido si accumula, questo può portare a gonfiore, ad esempio in un braccio o una gamba. Questo è linfedema.

La pelle può sembrare tesa e dura e possono verificarsi problemi alla pelle. In alcuni casi, il fluido può fuoriuscire attraverso la pelle.

L’ostruzione può derivare da chirurgia, radioterapia, lesioni, una condizione nota come filariosi linfatica o, raramente, una malattia congenita.

Perché i linfonodi si gonfiano?

Le “ghiandole gonfie”, che si verificano, ad esempio, nel collo durante un’infezione alla gola, sono in realtà ingrossamento dei linfonodi.

I linfonodi possono gonfiarsi per due motivi comuni:

Reazione a un’infezione: i linfonodi reagiscono quando il materiale estraneo viene presentato alle cellule immunitarie attraverso la linfa che viene drenata dai tessuti infetti.

Infezione diretta dei linfonodi: i linfonodi possono essere infettati e infiammati a causa di alcune infezioni che richiedono un tempestivo trattamento antibiotico. Questa è linfoadenite.

La maggior parte delle persone che hanno le ghiandole gonfie con raffreddore o influenza non hanno bisogno di consultare un medico.

Tuttavia, il consiglio medico dovrebbe essere cercato se:

  • i linfonodi rimangono gonfiati per più di 1-2 settimane
  • un linfonodo gonfio si sente duro o fisso sul posto
  • il gonfiore è accompagnato da febbre, sudorazione notturna o perdita di peso inspiegabile

I linfonodi ingrossati possono essere sintomi di numerose condizioni.

Febbre ghiandolare: nota anche come mononucleosi infettiva, o mono, questa è un’infezione virale che può causare gonfiore più a lungo termine, mal di gola e affaticamento.

Tonsillite: questo è più comune nei bambini che negli adulti. Si verifica quando i linfonodi nella parte posteriore della bocca stanno combattendo l’infezione, di solito virale, ma a volte batterica.

Faringite: questa infezione batterica è comunemente chiamata “mal di gola”. È causata da batteri di streptococco di gruppo A e può causare rigonfiamento dei linfonodi.

I bambini sono più inclini a linfonodi ingrossati perché il loro sistema immunitario sta ancora sviluppando le loro risposte a microbi infettivi.

Notizie da MNT

MNT ha pubblicato in precedenza articoli sui seguenti risultati di ricerca:

Nell’ottobre 2017, i ricercatori hanno scoperto che il cervello ha vasi linfatici, permettendo di elaborare “rifiuti” trapelati dai vasi sanguigni. Ciò potrebbe fornire nuove informazioni sulla relazione tra il cervello e il sistema immunitario.

Nel giugno 2015, gli scienziati hanno annunciato di aver scoperto un sistema linfatico precedentemente sconosciuto che lo collegava al sistema nervoso centrale (SNC) e al cervello.

Nel maggio 2015, i ricercatori hanno affermato che il sistema linfatico può svolgere un ruolo nell’aiutare il cuore a riprendersi dopo un arresto cardiaco.

Like this post? Please share to your friends: