Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Che cosa rivela il colore del tuo viso sui tuoi sentimenti

Molti di noi sanno che le nostre espressioni facciali sottili possono darci via quando stiamo cercando di nascondere i nostri sentimenti. Ma un nuovo studio rivela che i nostri volti possono fare ancora di più: senza muoversi tanto quanto un millimetro di muscoli facciali, possiamo comunicare esattamente come ci sentiamo veramente attraverso il solo colore.

donna arrossendo

Che si tratti di un cipiglio, di una leggera inversione negli angoli della bocca o di sopracciglia sottili, siamo abbastanza bravi a decifrare i sentimenti degli altri usando le espressioni facciali.

Tuttavia, c’è un’altra indicazione facciale che può essere ancora più affidabile quando si tratta di indovinare i sentimenti di una persona: il colore del loro viso.

In effetti, una nuova ricerca suggerisce che possiamo identificare accuratamente le emozioni di altre persone basandoci esclusivamente sui sottili cambiamenti di colore dei loro volti fino al 75% dei casi.

Lo studio è stato condotto da ricercatori guidati da Aleix Martinez – uno scienziato cognitivo della Ohio State University di Columbus – e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Possiamo distinguere le emozioni dal colore del viso

Martinez e colleghi hanno raggruppato centinaia di foto di diverse espressioni facciali in due canali di colore, che equivalevano a come gli occhi umani percepiscono il colore: un canale rosso-verde e uno blu-giallo.

Usando l’analisi del computer, si sono resi conto che diverse emozioni formavano schemi cromatici diversi e che questi modelli erano quasi identici, indipendentemente dal sesso, dall’etnia e dal tono della pelle.

Successivamente, il team ha voluto vedere se le persone hanno preso in considerazione le emozioni derivanti dalle espressioni facciali intrecciate con il colore o se è stato solo il colore a trasmettere sentimenti.

Per verificare ciò, hanno sovrapposto diversi modelli di colore su immagini di espressioni facciali neutre (ad esempio, un colore associato alla felicità su un viso neutro) e hanno chiesto a 20 partecipanti allo studio di indovinare la sensazione trasmessa nella foto.

Basandosi esclusivamente sul colore, i partecipanti hanno indovinato correttamente il 70% delle volte che una foto trasmetteva felicità, il 75% delle volte che trasmetteva tristezza e il 65% delle volte in cui mostrava rabbia.

Poi hanno scambiato i colori specifici delle emozioni con le espressioni facciali “sbagliate”. Ad esempio, hanno sovrapposto i colori “arrabbiati” a volti felici e viceversa.

“I partecipanti potevano chiaramente identificare quali immagini avevano i colori congruenti rispetto ai colori incongruenti”, dice Martinez. Mentre loro non sapevano cosa c’era che non andava, i partecipanti potevano dire che qualcosa era “fuori”.

Che cosa significa rosso, verde, blu e giallo

Martinez e il team hanno anche progettato un algoritmo informatico in grado di riconoscere le emozioni. Il loro algoritmo ha rilevato le emozioni umane con una precisione ancora maggiore degli umani: il 90% di precisione per la felicità; 80 perfetto per la rabbia; e il 75% per tristezza.

“C’è un po ‘di ogni colore ovunque”, dice Martinez. Per esempio, il disgusto è solitamente caratterizzato da una tonalità giallo-blu intorno alla bocca e un colore rosso-verde sul naso e sulla fronte.

“Abbiamo identificato modelli di colorazione del viso che sono unici per ogni emozione che abbiamo studiato”, spiega Martinez.

“Riteniamo che questi modelli di colore siano dovuti a sottili cambiamenti nel flusso sanguigno o nella composizione del sangue innescati dal sistema nervoso centrale”.

Aleix Martinez

“Non solo percepiamo questi cambiamenti nel colore del viso”, conclude, “ma li usiamo per identificare correttamente come si sentono le altre persone, che lo facciamo consapevolmente o meno”.

Like this post? Please share to your friends: