Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Che cosa sta causando questo dolore nella mia schiena?

Il mal di schiena è una ragione comune per l’assenza dal lavoro e per la ricerca di cure mediche. Può essere scomodo e debilitante.

Può derivare da lesioni, attività e alcune condizioni mediche. Il mal di schiena può colpire persone di ogni età, per ragioni diverse. Man mano che le persone invecchiano, aumenta la possibilità di sviluppare dolore lombare, a causa di fattori come l’occupazione precedente e la malattia degenerativa del disco.

La lombalgia può essere collegata alla colonna lombare ossea, ai dischi tra le vertebre, ai legamenti intorno alla colonna vertebrale e ai dischi, al midollo spinale e ai nervi, ai muscoli lombari, agli organi interni addominali e pelvici e alla cute intorno all’area lombare.

Il dolore nella parte superiore della schiena può essere dovuto a disturbi dell’aorta, tumori al petto e infiammazione della colonna vertebrale.

Le cause

Un uomo con la colonna vertebrale visibile tiene le spalle.

Il dorso umano è composto da una complessa struttura di muscoli, legamenti, tendini, dischi e ossa, che lavorano insieme per sostenere il corpo e permetterci di muoversi.

I segmenti della colonna vertebrale sono imbottiti con pastiglie simili a cartilagine chiamate dischi.

Problemi con uno qualsiasi di questi componenti possono portare a mal di schiena. In alcuni casi di mal di schiena, la sua causa rimane poco chiara.

I danni possono derivare da sforzi, condizioni mediche e postura scorretta, tra gli altri.

Sforzo

Il mal di schiena deriva comunemente da tensione, tensione o lesioni. Le cause frequenti di dolore alla schiena sono:

  • muscoli tesi o legamenti
  • uno spasmo muscolare
  • tensione muscolare
  • dischi danneggiati
  • lesioni, fratture o cadute

Le attività che possono portare a ceppi o spasmi includono:

  • sollevare qualcosa in modo improprio
  • sollevare qualcosa che è troppo pesante
  • facendo un movimento brusco e imbarazzante

Problemi strutturali

Un certo numero di problemi strutturali può anche provocare mal di schiena.

  • Dischi rotti: ogni vertebra nella colonna vertebrale è ammortizzata dai dischi. Se il disco si rompe ci sarà più pressione su un nervo, con conseguente dolore alla schiena.
  • Dischi rigonfiabili: più o meno come i dischi rotti, un disco rigonfio può causare una maggiore pressione su un nervo.
  • Sciatica: un dolore acuto e lancinante viaggia attraverso il gluteo e lungo la parte posteriore della gamba, causata da un disco sporgente o erniato che preme su un nervo.
  • Artrite: l’osteoartrosi può causare problemi alle articolazioni nei fianchi, nella zona lombare e in altri luoghi. In alcuni casi, lo spazio intorno al midollo spinale si restringe. Questo è noto come stenosi spinale.
  • Curvatura anormale della colonna vertebrale: se la colonna vertebrale si curva in modo insolito, può verificarsi mal di schiena. Un esempio è la scoliosi, in cui la colonna vertebrale si curva di lato.
  • Osteoporosi: le ossa, comprese le vertebre della colonna vertebrale, diventano fragili e porose, rendendo più probabili le fratture da compressione.
  • Problemi renali: calcoli renali o infezioni renali possono causare mal di schiena.

Movimento e postura

Il mal di schiena può anche derivare da alcune attività quotidiane o da una cattiva postura.

Esempi inclusi:

Esempio di postura scorretta quando si usa un computer
L’adozione di una posizione di seduta molto curva quando si utilizzano i computer può comportare maggiori problemi di schiena e spalle nel tempo.

  • torsione
  • tosse o starnuti
  • tensione muscolare
  • over-stretching
  • flessione goffamente o per lunghi periodi
  • spingere, tirare, sollevare o trasportare qualcosa
  • in piedi o seduti per lunghi periodi
  • tendendo il collo in avanti, come quando si guida o si usa un computer
  • lunghe sessioni di guida senza sosta, anche quando non sono ingobbite
  • dormire su un materasso che non supporta il corpo e mantenere la colonna vertebrale dritta

Altre cause

Alcune condizioni mediche possono portare a mal di schiena.

  • Sindrome di Cauda equina: il cauda equino è un fascio di radici del nervo spinale che si alzano dall’estremità inferiore del midollo spinale. I sintomi includono un dolore sordo nella parte bassa della schiena e nelle natiche superiori, nonché intorpidimento nei glutei, nei genitali e nelle cosce. A volte ci sono disturbi della funzione dell’intestino e della vescica.
  • Cancro della colonna vertebrale: un tumore sulla colonna vertebrale può premere contro un nervo, con conseguente dolore alla schiena.
  • Infezione della colonna vertebrale: una febbre e una zona calda e tenera sulla schiena potrebbero essere dovute a un’infezione della colonna vertebrale.
  • Altre infezioni: le malattie infiammatorie pelviche, le infezioni della vescica o dei reni possono anche causare dolore alla schiena.
  • Disturbi del sonno: gli individui con disturbi del sonno hanno maggiori probabilità di provare dolore alla schiena, rispetto agli altri.
  • Herpes zoster: un’infezione che può influenzare i nervi può portare a mal di schiena. Questo dipende da quali nervi sono interessati.

Fattori di rischio

I seguenti fattori sono legati ad un rischio più elevato di sviluppare lombalgia:

  • attività professionali
  • gravidanza
  • uno stile di vita sedentario
  • scarsa forma fisica
  • età avanzata
  • obesità e peso in eccesso
  • fumo
  • intenso esercizio fisico o lavoro, soprattutto se fatto in modo errato
  • fattori genetici
  • condizioni mediche, come l’artrite e il cancro

La lombalgia tende anche ad essere più comune nelle donne rispetto agli uomini, probabilmente a causa di fattori ormonali. Stress, ansia e disturbi dell’umore sono stati anche collegati al mal di schiena.

Sintomi

Il sintomo principale del mal di schiena è un dolore o dolore in qualsiasi parte della schiena, e talvolta fino in fondo ai glutei e alle gambe.

Alcuni problemi alla schiena possono causare dolore in altre parti del corpo, a seconda dei nervi interessati.

Il dolore spesso va via senza trattamento, ma se si verifica con una delle seguenti persone dovrebbe consultare il proprio medico:

  • perdita di peso
  • febbre
  • infiammazione o gonfiore sulla schiena
  • dolore alla schiena persistente, dove sdraiarsi o riposare non aiuta
  • dolore alle gambe
  • dolore che arriva sotto le ginocchia
  • una ferita recente, un trauma o un trauma alla schiena
  • incontinenza urinaria
  • difficoltà a urinare
  • incontinenza fecale o perdita di controllo sui movimenti intestinali
  • intorpidimento attorno ai genitali
  • torpore attorno all’ano
  • intorpidimento intorno ai glutei

Quando vedere un dottore

Dovresti cercare aiuto medico se riscontri intorpidimento o formicolio, o se hai mal di schiena:

  • che non migliora con il riposo
  • dopo un infortunio o una caduta
  • con intorpidimento alle gambe
  • con debolezza
  • con la febbre
  • con perdita di peso inspiegabile

Diagnosi

Un medico di solito è in grado di diagnosticare il mal di schiena dopo aver chiesto dei sintomi e di effettuare un esame obiettivo.

Una scansione di imaging e altri test possono essere richiesti se:

  • il mal di schiena sembra essere il risultato di una lesione
  • potrebbe esserci una causa sottostante che richiede un trattamento
  • il dolore persiste per un lungo periodo

Una scansione a raggi X, RM o TC può dare informazioni sullo stato dei tessuti molli nella parte posteriore.

  • I raggi X possono mostrare l’allineamento delle ossa e rilevare i segni di artrite o di ossa rotte, ma non possono rivelare danni nei muscoli, nel midollo spinale, nei nervi o nei dischi.
  • Le scansioni MRI o TC possono rivelare ernie discali o problemi con tessuti, tendini, nervi, legamenti, vasi sanguigni, muscoli e ossa.
  • Le scansioni ossee possono rilevare tumori ossei o fratture da compressione causate dall’osteoporosi. Una sostanza radioattiva o un tracciante viene iniettata in una vena. Il tracciante si raccoglie nelle ossa e aiuta il medico a rilevare i problemi ossei con l’ausilio di una telecamera speciale.
  • L’elettromiografia o EMG misura gli impulsi elettrici prodotti dai nervi in ​​risposta ai muscoli. Questo può confermare la compressione del nervo, che può verificarsi con un’ernia del disco o una stenosi spinale.

Il medico può anche ordinare un esame del sangue se si sospetta un’infezione.

Altri tipi di diagnosi

Un chiropratico lavora sul retro di un paziente
Un chiropratico manipola e regola la schiena di un paziente.

  • Un chiropratico diagnosticherà attraverso il tocco, o la palpazione e un esame visivo. La chiropratica è conosciuta come un approccio diretto, con una forte attenzione per la regolazione delle articolazioni della colonna vertebrale. Un chiropratico potrebbe anche voler vedere i risultati delle scansioni di immagini e di eventuali esami del sangue e delle urine.
  • Un osteopata diagnostica anche attraverso la palpazione e l’ispezione visiva. L’osteopatia comporta stretching lento e ritmico, noto come mobilizzazione, tecniche di pressione o indirette e manipolazione di articolazioni e muscoli.
  • Un fisioterapista si concentra sulla diagnosi di problemi alle articolazioni e ai tessuti molli del corpo.

Dolore cronico o acuto?

Il mal di schiena è classificato in due tipi:

  • Il dolore acuto inizia improvvisamente e dura fino a 6 settimane.
  • Il dolore cronico oa lungo termine si sviluppa per un periodo più lungo, dura oltre 3 mesi e causa problemi in corso.

Se una persona ha sia attacchi occasionali di dolore più intenso e dolore lombare moderatamente continuo, può essere difficile per un medico determinare se ha mal di schiena acuto o cronico.

Trattamento

Il mal di schiena si risolve solitamente con rimedi e rimedi casalinghi, ma a volte è necessario un trattamento medico.

Trattamenti domiciliari

I farmaci antidolorifici over the counter (OTC), solitamente farmaci antiinfiammatori non steroidei (NSAID), come l’ibuprofene, possono alleviare il disagio. Anche l’applicazione di un impacco caldo o di un impacco di ghiaccio nell’area dolorosa può ridurre il dolore.

Riposare da un’attività faticosa può aiutare, ma spostarsi faciliterà la rigidità, ridurre il dolore e prevenire l’indebolimento dei muscoli.

Trattamento medico

Se i trattamenti domiciliari non allevia il mal di schiena, un medico può raccomandare i seguenti farmaci, terapia fisica o entrambi.

Farmaci: il mal di schiena che non risponde bene agli antidolorifici OTC può richiedere un FANS di prescrizione. La codeina o l’idrocodone, che sono narcotici, possono essere prescritti per brevi periodi. Questi richiedono un attento monitoraggio da parte del medico. In alcuni casi, possono essere usati rilassanti muscolari.

Gli antidepressivi, come l’amitriptilina, possono essere prescritti, ma la ricerca è in corso alla loro efficacia e le prove sono in conflitto.

Fisioterapia: l’applicazione di calore, ghiaccio, ultrasuoni e stimolazione elettrica, nonché alcune tecniche di rilascio muscolare ai muscoli della schiena e dei tessuti molli, può aiutare ad alleviare il dolore.

Quando il dolore migliora, il fisioterapista può introdurre alcuni esercizi di flessibilità e forza per la schiena e i muscoli addominali. Anche le tecniche per migliorare la postura possono essere d’aiuto.

Il paziente sarà incoraggiato a praticare le tecniche regolarmente, anche dopo che il dolore è scomparso, per prevenire la recidiva della schiena.

Iniezioni di cortisone: se altre opzioni non sono efficaci, queste possono essere iniettate nello spazio epidurale, attorno al midollo spinale. Il cortisone è un farmaco antinfiammatorio. Aiuta a ridurre l’infiammazione attorno alle radici nervose. Le iniezioni possono anche essere usate per intorpidire le aree che si ritiene causino il dolore.

Botox: Botox (tossina del botulismo), secondo alcuni studi iniziali, si pensa che riduca il dolore paralizzando i muscoli slogati nello spasmo. Queste iniezioni sono efficaci per circa 3 o 4 mesi.

Trazione: pulegge e pesi sono utilizzati per allungare la schiena. Ciò potrebbe causare il riacutizzazione di un ernia del disco in posizione. Può anche alleviare il dolore, ma solo mentre viene applicata la trazione.

Terapia cognitivo-comportamentale (CBT): la CBT può aiutare a gestire il mal di schiena cronico incoraggiando nuovi modi di pensare. Può includere tecniche di rilassamento e modi per mantenere un atteggiamento positivo. Gli studi hanno rilevato che i pazienti con CBT tendono a diventare più attivi e a fare esercizio, con conseguente minor rischio di recidiva di mal di schiena.

Terapie complementari

Le terapie complementari possono essere utilizzate a fianco delle terapie convenzionali o da sole.

Chiropratica, osteopatia, shiatsu e agopuntura possono aiutare ad alleviare il mal di schiena, oltre a incoraggiare il paziente a sentirsi rilassato.

  • Un osteopata è specializzato nel trattamento dello scheletro e dei muscoli.
  • Un chiropratico tratta problemi articolari, muscolari e ossei. L’obiettivo principale è la colonna vertebrale.
  • Lo shiatsu, noto anche come terapia della pressione delle dita, è un tipo di massaggio in cui la pressione viene applicata lungo le linee energetiche del corpo.Il terapista shiatsu applica la pressione con le dita, i pollici ei gomiti.
  • L’agopuntura proviene dalla Cina. Consiste nell’inserimento di aghi sottili e punti specifici nel corpo. L’agopuntura può aiutare il corpo a rilasciare i suoi antidolorifici naturali – endorfine – oltre a stimolare il tessuto nervoso e muscolare.
  • Lo yoga comporta pose, movimenti ed esercizi di respirazione specifici. Alcuni possono aiutare a rafforzare i muscoli della schiena e migliorare la postura. Bisogna fare attenzione che gli esercizi non peggiorino il dolore alla schiena.

Gli studi sulle terapie complementari hanno dato risultati contrastanti. Alcune persone hanno avuto benefici significativi, mentre altri no. È importante, quando si considerano terapie alternative, utilizzare un terapista qualificato e registrato.

La stimolazione del nervo elettrico transcutaneo (TENS) è una terapia popolare per i pazienti con mal di schiena cronico. La macchina TENS trasporta piccoli impulsi elettrici nel corpo attraverso elettrodi posizionati sulla pelle.

Gli esperti ritengono che la TENS incoraggia l’organismo a produrre endorfine e potrebbe bloccare i segnali di dolore che ritornano al cervello. Gli studi sulla TENS hanno fornito risultati contrastanti. Alcuni non hanno rivelato alcun beneficio, mentre altri hanno indicato che potrebbe essere utile per alcune persone.

Una macchina TENS dovrebbe essere utilizzata sotto la direzione di un medico o di un operatore sanitario.

Non dovrebbe essere usato da qualcuno che è:

  • è incinta
  • ha una storia di epilessia
  • ha un pacemaker
  • ha una storia di malattie cardiache

La TENS è considerata “sicura, non invasiva, poco costosa e amichevole per il paziente” e sembra ridurre il dolore, ma sono necessarie ulteriori prove per confermare la sua efficacia nel migliorare i livelli di attività.

Le macchine TENS e altri metodi antidolorifici possono essere acquistati online.

Chirurgia

La chirurgia per il mal di schiena è molto rara. Se un paziente ha una ernia del disco, la chirurgia può essere un’opzione, specialmente se c’è dolore persistente e compressione dei nervi che può portare a debolezza muscolare.

Esempi di procedure chirurgiche includono:

  • Fusione: due vertebre sono unite insieme, con un innesto osseo inserito tra di loro. Le vertebre sono splintate insieme a piastre metalliche, viti o gabbie. C’è un rischio significativamente maggiore di sviluppare successivamente l’artrite nelle vertebre adiacenti.
  • Disco artificiale: è inserito un disco artificiale; sostituisce il cuscino tra due vertebre.
  • Diskectomia: una porzione di disco può essere rimossa se è irritante o prematura contro un nervo.
  • Rimuovere parzialmente una vertebra: una piccola sezione di una vertebra può essere rimossa se pizzica il midollo spinale oi nervi.

Iniezione di cellule per rigenerare i dischi della colonna vertebrale: gli scienziati della Duke University, nella Carolina del Nord, hanno sviluppato nuovi biomateriali in grado di fornire un colpo di richiamo di cellule riparative al nucleo polposo, eliminando efficacemente il dolore causato dalla malattia degenerativa del disco.

Prevenzione

I passaggi per ridurre il rischio di sviluppare il mal di schiena consistono principalmente nell’affrontare alcuni dei fattori di rischio.

Esercizio: l’esercizio fisico regolare aiuta a rafforzare la forza e a controllare il peso corporeo. Le attività aerobiche guidate ea basso impatto possono aumentare la salute del cuore senza affaticare o strappare la schiena. Prima di iniziare qualsiasi programma di esercizi, parlare con un operatore sanitario.

Ci sono due tipi principali di esercizio che le persone possono fare per ridurre il rischio di mal di schiena:

  • Esercizi di potenziamento del core lavorano i muscoli addominali e dorsali, contribuendo a rafforzare i muscoli che proteggono la schiena.
  • L’allenamento di flessibilità mira a migliorare la flessibilità del core, tra cui la colonna vertebrale, i fianchi e la parte superiore delle gambe.

Dieta: assicurati che la tua dieta includa abbastanza calcio e vitamina D, poiché sono necessari per la salute delle ossa. Una dieta salutare aiuta anche a controllare il peso corporeo.

Fumo: una percentuale significativamente più alta di fumatori ha incidenza di dolore alla schiena rispetto ai non fumatori della stessa età, altezza e peso.

Peso corporeo: il peso che le persone trasportano e dove lo trasportano influenza il rischio di sviluppare il mal di schiena. La differenza nel rischio di mal di schiena tra individui obesi e normopeso è considerevole. Le persone che portano il loro peso nell’area addominale contro i glutei e l’area dell’anca sono anche a maggior rischio.

Postura da posizione eretta: assicurarsi di avere una posizione pelvica neutra. Stare in piedi, con la testa rivolta in avanti, la schiena dritta e bilanciare il peso in modo uniforme su entrambi i piedi. Mantieni le gambe dritte e la testa in linea con la colonna vertebrale.

Esempio di buona postura della schiena quando si usa un computer
Se usi regolarmente un computer, è importante assicurarsi di avere una sedia con un buon supporto per la schiena e adottare una buona postura e una posizione della testa.

Postura da seduti: un buon posto per lavorare dovrebbe avere un buon sostegno per la schiena, braccioli e una base girevole. Quando sei seduto, cerca di mantenere le ginocchia e le anche livellate e tieni i piedi appoggiati sul pavimento, oppure usa uno sgabello. Dovresti idealmente essere in grado di stare seduto con il sostegno nella parte bassa della schiena. Se stai usando una tastiera, assicurati che i gomiti siano ad angolo retto e che gli avambracci siano orizzontali.

Sollevamento: quando sollevi le cose, usa le gambe per eseguire il sollevamento, piuttosto che la schiena.

Tieni la schiena più dritta possibile, mantenendo i piedi divaricati con una gamba leggermente in avanti in modo da poter mantenere l’equilibrio. Piegare solo sulle ginocchia, tenere il peso vicino al corpo e raddrizzare le gambe mentre si modifica la posizione della schiena il meno possibile.

Inclinare la schiena inizialmente è inevitabile, ma quando pieghi la schiena cerca di non chinarti e assicurati di stringere i muscoli dello stomaco in modo che il tuo bacino sia tirato dentro. La cosa più importante, non raddrizzare le gambe prima di sollevarle, o userai la schiena per la maggior parte del lavoro.

Non sollevare e torcere allo stesso tempo: se qualcosa è particolarmente pesante, vedi se riesci a sollevarlo con qualcun altro.Mentre stai sollevando continua a guardare dritto, non su o giù, in modo che la parte posteriore del collo sia come una linea retta continua dalla colonna vertebrale.

Spostare le cose: è meglio che la schiena spinga le cose sul pavimento, usando la forza delle gambe, piuttosto che tirarle.

Scarpe: le scarpe piatte mettono meno sforzo sulla schiena.

Guida: è importante avere un supporto adeguato per la schiena. Assicurati che gli specchietti laterali siano posizionati correttamente in modo da non dover girare. I pedali dovrebbero essere esattamente di fronte ai tuoi piedi. Se sei in viaggio, fai molte pause. Esci dalla macchina e gira intorno.

Letto: dovresti avere un materasso che mantiene dritta la colonna vertebrale, sostenendo allo stesso tempo il peso delle spalle e dei glutei. Usa un cuscino, ma non uno che costringe il collo in un angolo ripido.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: