Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Chemioterapia palliativa: danni e benefici pesati in un nuovo studio

La chemioterapia palliativa è un trattamento progettato per pazienti con cancro terminale per prolungare la sopravvivenza e alleviare i sintomi, ma non per curare le malattie. Ora, i ricercatori hanno scoperto che la terapia viene fornita con alcuni danni, che a loro avviso devono essere affrontati.

I ricercatori, del Weill Cornell Medical College, del Dana-Farber Cancer Institute e della Harvard Medical School, hanno pubblicato i loro risultati nel

Dicono che i loro risultati scoprono una discrepanza tra quale tipo di assistenza i malati di cancro vogliono e ciò che effettivamente ricevono.

Nel complesso, il team ha scoperto che i malati terminali di cancro sottoposti a chemioterapia durante gli ultimi mesi della loro vita hanno meno probabilità di morire dove desiderano e hanno maggiori probabilità di sottoporsi a procedure mediche invasive – tra cui CPR e ventilazione meccanica – rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto il terapia.

La dott.ssa Holly Prigerson, del Weill Cornell Medical College, afferma che le ragioni del collegamento sono complicate, ma possono originare fraintendimenti sullo scopo e sulle conseguenze della chemioterapia palliativa.

Per lo studio, gli investigatori hanno valutato i dati di 386 pazienti in uno studio finanziato a livello federale, chiamato Coping with Cancer.

Questo studio di 6 anni ha seguito i malati terminali e i loro assistenti sanitari fino alla morte dei pazienti, e i ricercatori hanno esaminato come i fattori psicosociali influenzano la cura del paziente.

Dopo aver chiesto ai caregiver di valutare la cura del paziente, la qualità della vita e il punto in cui il paziente avrebbe voluto morire, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche dei pazienti per determinare il tipo di assistenza ricevuta durante l’ultima settimana.

I pazienti chemioterapici hanno meno probabilità di morire dove vogliono

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti trattati con chemioterapia palliativa avevano meno probabilità di parlare con i propri oncologi del tipo di assistenza che desideravano, di completare gli ordini Do-Not-Resuscitate o addirittura di ammettere di essere malati terminali.

I risultati rivelano che il 68% dei pazienti sottoposti a chemioterapia palliativa è morto dove volevano, rispetto all’80% di quelli che non avevano ricevuto la terapia.

In dettaglio, il 47% dei pazienti che hanno ricevuto la terapia è morto a casa, rispetto al 66% dei pazienti che non hanno ricevuto le cure palliative. Inoltre, l’11% dei pazienti sottoposti a chemioterapia è deceduto in un’unità di terapia intensiva, contro solo il 2% dei pazienti che non hanno ricevuto la terapia.

La dott.ssa Prigerson dice:

“È difficile vedere in questi dati gran parte di un rivestimento d’argento per la chemioterapia palliativa per i pazienti nella fase terminale del loro cancro .. Fino ad ora, non ci sono prove di effetti dannosi della chemioterapia palliativa negli ultimi mesi di vita”.

“Questo studio è il primo passo per dimostrare prove che dimostrino in modo specifico quali esiti negativi possono risultare”, aggiunge.

Il team ha anche scoperto che i pazienti che ricevevano la chemioterapia palliativa avevano maggiori probabilità di essere indirizzati alla cura dell’ospedale molto più tardi rispetto a quelli che non ricevevano la terapia.

La cura dell’ospedale è un luogo che fornisce conforto e sostegno emotivo per i pazienti terminali e il 54% dei pazienti sottoposti a chemioterapia è stato indirizzato in ritardo all’ospedale, rispetto al 37% dei pazienti che non hanno ricevuto i farmaci.

“Potenziale necessità di cambiamenti nella pratica oncologica”

Il team nota che il 56% dei pazienti dello studio stava ricevendo la chemioterapia palliativa nei loro ultimi mesi e affermano che questa maggioranza di utilizzo sottolinea la potenziale necessità di cambiamenti nella pratica oncologica presso i centri medici accademici.

Il dott. Alexi Wright, assistente professore e medico oncologo presso Dana-Farber, afferma:

“Spesso aspettiamo che i pazienti interrompano la chemioterapia prima di chiedere loro dove e come vogliono morire, ma questo studio dimostra che dobbiamo chiedere ai pazienti le loro preferenze mentre stanno ricevendo la chemioterapia per assicurarsi che ricevano il tipo di cura che vogliono vicino alla morte. “

Ma il dott. Wright aggiunge che i loro risultati non dovrebbero essere interpretati nel senso che i pazienti dovrebbero essere negati o non sottoposti a chemioterapia palliativa:

“La stragrande maggioranza dei pazienti in questo studio voleva la chemioterapia palliativa se potesse aumentare la loro sopravvivenza in appena una settimana.Questo studio è un passo verso la comprensione di alcuni dei costi e benefici umani della chemioterapia palliativa”.

“Sono necessari ulteriori studi per confermare questi preoccupanti risultati”, conclude il dott. Prigerson.

Like this post? Please share to your friends: