Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Chetosi: che cos’è la chetosi?

La chetosi è un normale processo metabolico. Quando il corpo non ha abbastanza glucosio per l’energia, brucia invece i grassi immagazzinati; questo si traduce in un accumulo di acidi chiamati chetoni all’interno del corpo.

Alcune persone incoraggiano la chetosi seguendo una dieta chiamata dieta chetogenica o povera di carboidrati. Lo scopo della dieta è cercare di bruciare il grasso indesiderato costringendo il corpo a fare affidamento sul grasso per l’energia, piuttosto che sui carboidrati.

La chetosi è anche comunemente osservata nei pazienti con diabete, poiché il processo può verificarsi se il corpo non ha abbastanza insulina o non sta usando correttamente l’insulina.

È più probabile che i problemi associati a livelli estremi di chetosi si sviluppino in pazienti con diabete di tipo 1 rispetto ai pazienti con diabete di tipo 2.

Fatti veloci sulla chetosi

  • La chetosi si verifica quando il corpo non ha accesso sufficiente alla sua fonte primaria di combustibile, il glucosio.
  • La chetosi descrive una condizione in cui le riserve di grasso vengono scomposte per produrre energia, che produce anche chetoni, un tipo di acido.
  • Con l’aumentare dei livelli di chetoni aumenta anche l’acidità del sangue, che porta alla chetoacidosi, una condizione grave che può rivelarsi fatale.
  • Le persone con diabete di tipo 1 hanno maggiori probabilità di sviluppare chetoacidosi, per le quali è richiesto un trattamento medico di emergenza per evitare o trattare il coma diabetico.
  • Alcune persone seguono una dieta chetogenica (a basso contenuto di carboidrati) per cercare di perdere peso costringendo il corpo a bruciare i depositi di grasso.

Cos’è la chetosi?

In circostanze normali, le cellule del corpo usano il glucosio come forma primaria di energia. Il glucosio è in genere derivato dai carboidrati della dieta, tra cui:

  • zucchero – come frutta e latte o yogurt
  • cibi amidacei – come pane e pasta

Il corpo li rompe in zuccheri semplici. Il glucosio può essere utilizzato per alimentare il corpo o essere immagazzinato nel fegato e nei muscoli sotto forma di glicogeno.

Se non c’è abbastanza glucosio disponibile per soddisfare le richieste di energia, l’organismo adotterà una strategia alternativa per soddisfare tali esigenze. In particolare, il corpo inizia a scomporre le riserve di grasso per fornire glucosio dai trigliceridi.

I chetoni sono un sottoprodotto di questo processo.

I chetoni sono acidi che si accumulano nel sangue e vengono eliminati nelle urine. In piccole quantità, servono a indicare che il corpo sta distruggendo il grasso, ma alti livelli di chetoni possono avvelenare il corpo, portando a un processo chiamato chetoacidosi.

La chetosi descrive lo stato metabolico per cui il corpo converte le riserve di grasso in energia, rilasciando chetoni nel processo.

La dieta chetogenica

Uova strapazzate e pancetta sul piatto.

A causa del fatto che la chetosi abbatte il grasso immagazzinato nel corpo, alcune diete mirano a creare questo stato metabolico in modo da facilitare la perdita di peso.

Le diete chetose sono anche chiamate:

  • diete chetogeniche
  • keto diete
  • diete a basso contenuto di carboidrati

La dieta stessa può essere considerata una dieta ricca di grassi, con circa il 75% delle calorie derivanti dai grassi. Al contrario, circa il 20% e il 5% delle calorie si ottengono rispettivamente da proteine ​​e carboidrati.

Aderire alla dieta chetogenica può portare alla perdita di peso a breve termine. Uno studio condotto nel 2008 e pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha rilevato che gli uomini obesi che seguono una dieta chetogenica per 4 settimane hanno perso in media 12 chili in questo periodo.

I partecipanti sono stati in grado di consumare meno calorie senza sentirsi affamati mentre seguivano la dieta.

La chetosi è sana?

La dieta chetogenica potrebbe avere un effetto salutare in gravi condizioni di salute come:

  • malattia cardiovascolare
  • diabete
  • sindrome metabolica

Può anche migliorare i livelli di colesterolo HDL (lipoproteine ​​ad alta densità, noto anche come colesterolo “buono”) meglio di altre diete moderate di carboidrati.

Questi benefici per la salute potrebbero essere dovuti alla perdita di peso in eccesso e al consumo di alimenti più sani, piuttosto che una riduzione dei carboidrati.

La dieta chetogenica è stata anche utilizzata sotto controllo medico per ridurre le convulsioni nei bambini con epilessia che non rispondono ad altre forme di trattamento. Alcuni studi hanno suggerito che la dieta potrebbe anche giovare agli adulti affetti da epilessia, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati.

Tuttavia, l’aderenza a lungo termine alla dieta chetogenica non sembra offrire grandi benefici.

L’American Heart Association (AHA), l’American College of Cardiology e la Obesity Society hanno concluso che non ci sono prove sufficienti per suggerire che le diete a basso contenuto di carboidrati come la dieta chetogenica apportino benefici per la salute al cuore.

Altre condizioni sono state studiate anche per vedere se una dieta chetogenica potrebbe essere utile; questi includono:

  • sindrome metabolica
  • Il morbo di Alzheimer
  • acne
  • cancro
  • malattia dell’ovaio policistico (PCOS)
  • La malattia di Lou Gehrig

Chetosi e diabete

Nei pazienti diabetici, la chetosi può verificarsi a causa del fatto che il corpo non ha abbastanza insulina per elaborare il glucosio nel corpo. La presenza di chetoni nelle urine è un indicatore del fatto che il diabete di un paziente non viene controllato correttamente.

Alcuni dietologi raccomandano una dieta chetogenica per individui con diabete di tipo 2, noto anche come diabete non insulino-dipendente (NIDDM). Con il diabete di tipo 2, il corpo produce ancora un po ‘di insulina ma non è in grado di utilizzare correttamente l’insulina per trasportare il glucosio nelle cellule per l’uso come combustibile.

La dieta chetogenica si concentra sulla riduzione dell’assunzione di carboidrati nella dieta. Gli individui con diabete di tipo 2 sono consigliati per ridurre l’assunzione di carboidrati mentre i carboidrati vengono convertiti in glucosio e aumentare i livelli di zucchero nel sangue.

I pazienti diabetici che seguono una dieta chetogenica devono monitorare attentamente i loro livelli di chetoni. Una condizione grave chiamata chetoacidosi può verificarsi se questi livelli diventano troppo elevati e sebbene sia prevalente in individui con diabete di tipo 1, le persone con diabete di tipo 2 possono anche sviluppare chetoacidosi.

chetoacidosi

La chetoacidosi è una condizione in cui i livelli di chetoni nel corpo sono anormalmente alti, avvelenando il corpo. È una condizione seria e pericolosa che può svilupparsi rapidamente, a volte nell’arco di 24 ore.

Esistono diversi potenziali fattori scatenanti per la chetoacidosi. È più comunemente causato da malattie che portano alla produzione di livelli più elevati di ormoni che funzionano contro l’insulina.

Può anche derivare da problemi con la terapia insulinica, sia attraverso la mancata terapia programmata o il mancato rilascio di una quantità sufficiente di insulina. Tratti meno comuni di chetoacidosi includono:

  • abuso di droghe
  • trauma emotivo
  • trauma fisico
  • stress
  • chirurgia

La chetoacidosi si verifica più comunemente nelle persone con diabete di tipo 1 a causa del fatto che il corpo non produce alcuna insulina. La chetoacidosi può verificarsi anche nelle persone con diabete di tipo 2, anche se è molto meno comune.

Alti livelli di chetoni nelle urine e alti livelli di zucchero nel sangue (iperglicemia) sono segni di chetoacidosi e possono essere rilevati con i kit in casa.

I primi sintomi di chetoacidosi includono:

  • dolore addominale
  • confusione e difficoltà di concentrazione
  • pelle secca o arrossata
  • sete eccessiva e secchezza delle fauci
  • respiro fruttato
  • minzione frequente
  • nausea e vomito
  • mancanza di respiro o respiro rapido

Trattamento e prevenzione chetosi

Campione di urina e strisce di test.

La chetosi di solito non si verifica in individui sani che mangiano diete equilibrate e pasti regolari. Ridurre drasticamente la quantità di calorie e carboidrati che vengono consumati, esercitarsi per lunghi periodi di tempo o rimanere incinta può scatenare la chetosi.

Nei pazienti con diabete, può verificarsi chetosi ed eventualmente chetoacidosi se viene utilizzata insulina insufficiente per gestire correttamente la condizione, se i pasti vengono saltati o se si verifica una reazione insulinica (spesso durante il sonno).

La chetoacidosi diabetica è considerata un’emergenza in quanto può portare al coma diabetico e persino alla morte. Il trattamento viene di solito somministrato da operatori sanitari di emergenza, seguito dal ricovero in una unità di terapia intensiva.

Per i pazienti diabetici, sono comunemente prese le seguenti misure:

  • Sostituzione fluida: per reidratare il corpo e diluire lo zucchero in eccesso nel sangue.
  • Sostituzione degli elettroliti – questi sono necessari per aiutare il cuore, i muscoli e le cellule nervose a funzionare correttamente. I livelli nel sangue diminuiscono spesso in assenza di insulina. Gli integratori di elettroliti sono disponibili per l’acquisto online.
  • Terapia insulinica – per invertire i processi che hanno causato l’episodio di chetoacidosi.

Tra le persone altrimenti sane, seguendo una dieta sana ed equilibrata ed esercitandosi regolarmente può prevenire la chetosi.

Prevenzione

Inoltre, ci sono una serie di misure che le persone con diabete possono adottare per aiutare a prevenire la chetoacidosi:

  • Monitorare attentamente e frequentemente i livelli di zucchero nel sangue, almeno tre o quattro volte al giorno.
  • Discutere il dosaggio di insulina con uno specialista e seguire un piano di trattamento del diabete.
  • Tieni d’occhio i livelli di chetone con un kit di test, soprattutto quando sei malato o sotto stress.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: