Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Chirurgia A-fib: tipi, rischi e cosa aspettarsi

La fibrillazione atriale è una condizione medica grave caratteristica di un battito cardiaco anormale. La risposta irregolare è dovuta a impulsi elettrici irregolari nelle camere superiori del cuore.

La fibrillazione atriale (A-fib) è un’irregolarità che può causare sintomi quali palpitazioni cardiache, dolore toracico e vertigini. Tuttavia, alcune persone potrebbero non manifestare alcun sintomo.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stimano che fino a 6,1 milioni di persone negli Stati Uniti possono avere A-fib. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ci sono circa 33.5 milioni di persone che vivono con A-fib in tutto il mondo.

Ci sono diverse opzioni di trattamento per la gestione di A-fib, compresi i cambiamenti dello stile di vita, i farmaci e altre opzioni non chirurgiche. Mentre questi trattamenti possono aiutare alcune persone, potrebbero non funzionare per tutti e non sono una cura. I medici possono prendere in considerazione un intervento chirurgico se i farmaci di un paziente non funzionano e quando nient’altro ha aiutato.

Come viene trattato A-fib?

Trattare A-fib comporta prevenire la formazione di coaguli di sangue e ridurre il rischio di ictus. Altri obiettivi includono il controllo della frequenza cardiaca, il ripristino del ritmo cardiaco e il trattamento dei disturbi di base.

mano spegne una sigaretta tra le cicche in un vassoio di sabbia

I cambiamenti dello stile di vita sono un primo approccio terapeutico. Le persone con A-fib dovrebbero smettere di fumare, attivarsi e rimanere attivi, perdere peso e seguire una dieta salutare. I pazienti possono anche assumere farmaci per prevenire la formazione di coaguli di sangue, controllare la frequenza cardiaca e ripristinare il ritmo cardiaco.

Il controllo della frequenza prevede la gestione del tasso di contrazione al minuto dei ventricoli (due grandi camere nel cuore che aiutano a pompare il sangue).

Il cuore ha bisogno di una certa quantità di tempo per far circolare il sangue e se è in grado di lavorare a un ritmo regolare, le persone sperimenteranno meno sintomi e si sentiranno meglio. Ripristinare il ritmo del cuore consente di pompare il sangue in modo efficace in tutto il corpo.

Quando i farmaci non aiutano a ripristinare normali battiti cardiaci e ritmi, il passo successivo è la cardioversione elettrica.

La cardioversione elettrica consiste nel dare una persona una scossa elettrica al di fuori della loro parete toracica mentre sono sotto anestesia a basse dosi. Come la defibrillazione, la cardioversione elettrica è progettata per ripristinare il ritmo cardiaco. L’unica differenza è che i livelli più bassi di elettricità sono utilizzati nella cardioversione elettrica rispetto alla defibrillazione.

Se questa procedura ha successo o meno dipende da cosa sta causando i sintomi di A-fib e da quanto tempo la persona li ha avuti. La maggior parte delle persone riprende subito il ritmo cardiaco, ma la cardioversione non è una cura.

Se i sintomi A-fib ritornano, viene eseguita un’altra cardioversione. Quando la cardioversione è combinata con i farmaci, il ritmo cardiaco può rimanere normale più a lungo, che potrebbe essere fino a un anno o più.

I rischi di cardioversione includono bruciature della pelle, accumulo di liquidi nei polmoni e un aumentato rischio di infarto o ictus. Tuttavia, i tassi di successo per riportare il cuore a un ritmo normale durante la procedura o poco dopo sono superiori al 90%. Il potenziale di successo può superare i rischi, ma le persone dovrebbero comunque discutere di qualsiasi rischio con i loro medici.

Un medico può raccomandare un intervento chirurgico per il trattamento di A-fib quando i cambiamenti dello stile di vita, i farmaci e la cardioversione non aiutano. Le opzioni chirurgiche comprendono l’ablazione del catetere, la chirurgia del labirinto o l’inserimento di un pacemaker.

Ablazione con catetere

Ablazione con catetere

L’ablazione con catetere è un’opzione per le persone i cui farmaci non sono più efficaci e per quelli per cui la cardioversione elettrica non ha funzionato o non era un’opzione. Prima della procedura, un medico eseguirà la mappatura elettrica, che mostra quali aree del cuore stanno causando complicazioni al suo ritmo.

La procedura effettiva consiste nell’inserire un tubo sottile e flessibile, chiamato catetere, nei vasi sanguigni e guidarlo verso il cuore. Lo scopo dell’ablazione del catetere è quello di distruggere i tessuti difettosi che inviano segnali irregolari e causano il ritmo cardiaco irregolare.

Lo fa in uno dei tre modi possibili:

  • frequenza radio
  • laser
  • congelamento

Una volta che i tessuti difettosi sono stati distrutti, le aree cicatrizzate saranno lasciate indietro. Questo tessuto cicatriziale non invierà più segnali irregolari e il cuore tornerà al suo ritmo normale. In alcuni casi, tuttavia, A-fib tornerà e l’ablazione dovrà essere ripetuta due o più volte.

L’ablazione con catetere è una procedura chirurgica minimamente invasiva e il tempo di recupero è generalmente breve. Una persona dovrà comunque assumere farmaci antiaritmici fino a quando la procedura non avrà pieno effetto.

Le percentuali di successo per mantenere i normali ritmi cardiaci dopo l’ablazione con catetere sono fino al 90 percento. Il successo dipende da quanto tempo un individuo ha avuto A-fib e la sua gravità.

Per la maggior parte delle persone, la qualità della vita è notevolmente migliorata. Uno studio del 2010 ha rilevato che 2 anni dopo la loro procedura di ablazione, il 72% delle 323 persone intervistate non stava più assumendo farmaci con fibroide.

Il rischio di complicanze potenzialmente letali è intorno all’1-2%. Altri effetti indesiderati non sono pericolosi per la vita e comprendono dolore lieve, sanguinamento e lividi.

Chirurgia del labirinto

I chirurghi eseguiranno operazioni di labirinto complete quando i pazienti con fibrillazione atriale hanno un intervento a cuore aperto, come un bypass cardiaco o una sostituzione della valvola. La ragione del suo nome è il modello creato durante l’intervento chirurgico.

Chirurgo

Durante la procedura, il chirurgo eseguirà una serie di tagli nel cuore di una persona e poi cucirli insieme. Proprio come l’ablazione con catetere, il tessuto cicatriziale risultante impedirà ai segnali elettrici del cuore di incrociarsi e consentire loro di funzionare normalmente.

I rischi includono ictus, reni e altri fallimenti di organi e morte. Alcune persone potrebbero aver bisogno di un pacemaker dopo la procedura.

Il tasso di successo dopo un intervento chirurgico al labirinto è del 90% e la ricerca attuale mostra che questo tasso continua a reggere.

La chirurgia mini-labirinto è un’opzione per quelle persone che non sono candidate per la chirurgia a cuore aperto. Il mini-labirinto è una versione minimamente invasiva dell’intero labirinto.

Il mini-labirinto richiede alcune ore e coinvolge il chirurgo facendo tre o quattro incisioni su ciascun lato del torace. Il medico inserirà quindi strumenti chirurgici, tra cui un dispositivo di ablazione e uno strumento per osservare la parete toracica. L’energia di ablazione viene quindi utilizzata per creare un blocco alle vene polmonari e interrompere i segnali elettrici inconsistenti che interrompono il cuore.

Il chirurgo rimuoverà o taglierà anche una piccola sacca nella camera in alto a sinistra del cuore, che riduce il rischio di ictus e coaguli di sangue.

L’attuale percentuale di successo per il mini-labirinto è dell’80% e solo il 5% dei pazienti sottoposti a questa procedura necessiterà di un pacemaker.

Stimolatore cardiaco

Un pacemaker è un piccolo dispositivo che viene impiantato sotto la pelle di una persona nella parte superiore del torace vicino alla clavicola. I pacemaker non trattano effettivamente A-fib, ma usano impulsi elettrici per monitorare e regolare il ritmo cardiaco. Una persona può richiedere un pacemaker dopo alcuni tipi di ablazione o quando la medicina cardiaca fa battere troppo lentamente il proprio cuore.

In alcuni casi, i medici possono usare l’ablazione con catetere e impiantare un pacemaker.

Prima che un pacemaker venga impiantato, il chirurgo danneggerà il tessuto del nodo atrioventicolare (AV), che è il luogo in cui i segnali elettronici del cuore viaggiano dalla parte superiore del cuore alla parte inferiore. Il pacemaker trasmetterà quindi ritmi cardiaci regolari.

Rischi e benefici

È molto probabile che le persone con A-fib possano essere curate, sia attraverso cardioversione elettrica o chirurgia. La chirurgia è generalmente l’ultima opzione.

Le persone con A-fib che pensano che la chirurgia sia l’opzione giusta per loro dovrebbero verificare con i loro medici i potenziali benefici e rischi nell’avere una procedura di ablazione o labirinto.

Like this post? Please share to your friends: