Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Chirurgia per la perdita di peso: “non tutti vivono felici e contenti”

L’American Society of Metabolic and Bariatric Surgery afferma che il numero degli ambulatori per la perdita di peso negli Stati Uniti è aumentato da 13.000 nel 1998 a oltre 200.000 nel 2008. Le ragioni per sottoporsi a un intervento chirurgico di perdita di peso possono andare dai bisogni di salute al desiderio di un aumento di fiducia. Ma una nuova ricerca suggerisce che sebbene la chirurgia possa rendere felici le persone in qualche modo, può anche causare problemi.

Karen Synne Groven, dell’Università di Oslo in Norvegia, ha intervistato 22 donne di età compresa tra 24 e 54 anni come parte della sua tesi di dottorato.

Tutte le donne hanno subito un intervento chirurgico di bypass gastrico – una delle procedure di chirurgia bariatrica più comuni. Si tratta di reindirizzare una parte dell’intestino tenue oltre lo stomaco per ridurre l’assunzione di cibo, promuovere la sazietà e sopprimere la fame.

La maggior parte delle donne è stata intervistata due volte. La prima volta è stata 1 anno dopo l’intervento chirurgico, mentre la seconda intervista si è svolta tra 2,5 e 4 anni dopo l’intervento.

Groven dice anche se la maggior parte delle ricerche precedenti suggeriscono che la chirurgia per la perdita di peso porta ad un aumento della qualità della vita per la maggior parte dei pazienti, i suoi risultati suggeriscono che non tutti vivono felici e contenti dopo le procedure bariatriche.

I risultati positivi dopo l’intervento chirurgico “possono sentirsi come un dolore”

Non c’è dubbio che la chirurgia per la perdita di peso mette il corpo attraverso una serie di cambiamenti radicali.

Groven dice che sebbene la procedura porti a un corpo più snello – che gli altri percepiscono come un “segno di successo” – la chirurgia può causare molti problemi minori che altre persone non sono in grado di vedere.

Groven spiega:

“Diventare più magri e leggeri è per lo più percepito come positivo, ma allo stesso tempo è ambivalente, dal momento che le persone iniziano a comportarsi in modo diverso nei confronti delle donne dopo aver subito un intervento chirurgico.

Le persone sono più amichevoli di prima e questo potrebbe essere estremamente provocatorio. E le persone spesso fanno domande molto invasive riguardo la perdita di peso radicale della donna “.

Le interviste hanno rivelato che alcune donne hanno sperimentato un aumento dell’autostima dopo l’intervento chirurgico, sono state più esplicite e hanno scoperto che altre persone erano più propense ad ascoltare ciò che stavano dicendo – in particolare sul posto di lavoro.

Groven nota che sebbene questi fattori siano chiaramente risultati positivi, questo potrebbe anche essere visto come un “dolore” perché le donne si rendono conto di dover subire un intervento chirurgico di perdita di peso prima di vedere questi risultati.

Molte donne hanno anche provato imbarazzo dopo l’intervento, soprattutto quando si trattava di parlare della loro perdita di peso. Alcune donne hanno detto ad altri che erano stati a dieta per perdere peso perché si vergognavano di dire che erano stati sottoposti a chirurgia bariatrica.

La pelle in eccesso favorisce un’immagine di sé negativa

Groven ha scoperto che molte delle donne avevano sentimenti contrastanti sul loro corpo nudo dopo l’intervento chirurgico, e molti di questi sentimenti provengono dal verificarsi di pelle floscia – una conseguenza comune della rapida perdita di peso.

“Viene data poca attenzione prima dell’operazione, ai pazienti viene spesso detto che questo è qualcosa che può essere aggiustato in seguito, ma non è così facile da fissare, e le donne non sono preparate per la sfida di dover vivere con la pelle flaccida, “spiega Groven.

Anche se le donne possono sottoporsi a un intervento chirurgico per rimuovere la pelle in eccesso, Groven nota che molte donne non sono pronte ad assumersi i rischi associati a questa procedura, che includono ematoma o formazione di sieroma, infezioni e rischi associati a future gravidanze.

Groven ha scoperto che alcune delle donne intervistate hanno persino parlato della loro pelle in eccesso in terza persona, che lei crede sia un modo per allontanarsi da essa.

Problemi di salute e cattive relazioni alimentari dopo l’intervento chirurgico di perdita di peso

Secondo Groven, cinque delle donne intervistate hanno riportato una qualità della vita inferiore dopo aver subito un intervento chirurgico di perdita di peso, rispetto alla loro qualità della vita precedente.

Osserva che questo era dovuto allo sviluppo di problemi cronici allo stomaco e all’intestino, e una donna si ammalò così tanto che dovette sopportare un’altra operazione a causa di problemi con il suo tessuto cicatriziale dopo la procedura di bypass gastrico.

Le cinque donne hanno anche detto di sentirsi come se avessero completa mancanza di energia dopo l’intervento chirurgico di perdita di peso.

Inoltre, Groven ha scoperto che molte delle donne hanno riferito di avere una relazione negativa con il cibo dopo la procedura.

Alcune donne erano preoccupate di mangiare troppo o troppo poco o di mangiare il cibo sbagliato nel momento sbagliato. A causa di queste preoccupazioni, alcune donne hanno provato stanchezza, nausea, vertigini e anche tremori intensi.

Alcune delle donne che hanno avuto problemi con l’eccesso di cibo prima di un intervento chirurgico di perdita di peso hanno continuato a mangiare troppo dopo l’intervento, anche se questo li ha resi malati. Groven dice che alcune donne hanno commentato che “il disturbo alimentare non è andato”.

Groven dice che mentre la ricerca precedente suggerisce che i pazienti possono evitare di testare i loro limiti alimentari dopo l’intervento chirurgico seguendo i consigli dietetici, la realtà è molto più complicata.

Lei aggiunge:

“È ragionevole chiedere, penso, se i disturbi alimentari che alcune delle donne sviluppano dopo l’intervento sono malattie, o se possono essere intesi come normali cambiamenti a seguito dell’operazione”.

Nessun rimpianto

Anche se molte donne hanno riportato pensieri negativi e problemi di salute dopo l’intervento chirurgico di perdita di peso, nessuno di loro ha detto che si pentono di sottoporsi alla procedura.

“Dicono che oggi avrebbero fatto lo stesso e che non avevano altra scelta considerando la loro vita prima dell’intervento chirurgico, alcuni hanno detto che i dolori erano un piccolo prezzo da pagare”, afferma Groven.

Aggiunge che questo suggerisce che le donne sono influenzate dalla percezione della società del corpo femminile ideale, e che essere obesi non rientra in questo ambito.

“Stanno vivendo con un corpo che non è accettato dalla società, e sono costantemente giudicati dalle loro dimensioni”, dice.

“Il messaggio dei media e della scienza medica è che sono suscettibili di contrarre cancro o diabete a meno che non perdano peso e il mondo che li circonda considera l’obesità come autoinflitta: alcuni hanno figli e hanno paura di morire e li lasciano soli”.

Groven conclude che, sebbene sia vero che l’obesità può portare a complicazioni di salute, come il diabete e l’infarto, poco si sa sugli effetti a lungo termine della chirurgia per la perdita di peso e quali complicazioni possono sorgere da questa procedura.

Con questo in mente, Groven prevede di condurre ulteriori ricerche che esamineranno gli effetti della chirurgia bariatrica 3-10 anni dopo che i pazienti hanno subito la procedura.

recentemente riferito su se i benefici della chirurgia di perdita di peso superano i rischi.

Like this post? Please share to your friends: