Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cinque malattie non trasmissibili, 47 miliardi di dollari di onere globale nei prossimi due decenni

Secondo uno studio pubblicato dal World Economic Forum, il costo globale di cinque malattie non trasmissibili raggiungerà oltre 47 trilioni di dollari nei prossimi venti anni: le malattie comprendono CVD (malattie cardiovascolari), diabete, malattie mentali, malattie respiratorie croniche e cancro. Gli autori del rapporto hanno scritto che il 70% della produzione persa da malattie non trasmissibili è dovuta a malattie mentali e malattie cardiovascolari.

Le malattie cardiovascolari sono quelle che colpiscono il cuore o i vasi sanguigni e comprendono cardiopatia congenita, disturbi del sistema vascolare periferico, malattie dell’aorta, endocardite, ipotensione ortostatica, ipertensione, insufficienza cardiaca, aritmia, cardiopatia, malattia delle arterie coronarie e arteriosclerosi.

Il rapporto, intitolato “L’onere economico globale delle malattie non trasmissibili” analizza quali potrebbero essere i costi complessivi per le malattie non trasmissibili dell’economia globale (NCD). I ricercatori hanno stimato che la perdita cumulativa di produzione dovuta a queste malattie nei prossimi due decenni rappresenterà circa il 4% del prodotto interno lordo globale (PIL) annuo.

Le malattie mentali rappresentano oltre 16 trilioni di dollari del totale – circa un terzo dei $ 47 trilioni di spesa prevista per le malattie non trasmissibili.

Il professor Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, ha dichiarato:

“Pensa a cosa si potrebbe ottenere se queste risorse fossero investite in modo produttivo in un’area come l’istruzione: la necessità di un’azione immediata è fondamentale per il futuro dell’economia globale”.
Le malattie non trasmissibili rappresentano oltre il 60% dei decessi causati da malattie in tutto il mondo, circa 36 milioni all’anno. Un numero sproporzionato – 80% (2010) – che si verifica nei paesi a basso e medio reddito. Poiché molti di quelli che muoiono sono in età lavorativa, l’impatto economico è enorme. Man mano che le popolazioni dei paesi in via di sviluppo crescono, sono colpite da una quota sempre crescente di questo onere finanziario.

Entro il 2050, il numero di persone di età superiore ai 60 anni in tutto il mondo probabilmente raddoppierà, spiegano gli autori. Combina questo con maggiore urbanizzazione e hai un forte aumento dei tassi di NCD. Gli autori concludono che i costi cumulativi di CVD nei paesi in via di sviluppo dovrebbero superare i $ 7 trilioni tra il 2011 e il 2025, o quasi $ 500 miliardi all’anno.

Olivier Raynaud, Senior Director of Health al World Economic Forum, ha dichiarato:

“Fino ad ora, non siamo stati in grado di esprimere un giudizio su ciò che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) chiama” i più grandi assassini del mondo “. Questo studio dimostra che le famiglie, i paesi e le economie stanno perdendo le persone nei loro anni più produttivi: i numeri indicano che le malattie non trasmissibili hanno il potenziale non solo di far fallire i sistemi sanitari, ma anche di frenare l’economia globale. per l’azione congiunta di tutti gli attori del settore pubblico e privato “.
Le preoccupazioni relative alla CVD e alla salute mentale rappresentano quasi il 70% della produzione globale perduta. Il costo mondiale diretto e indiretto di CVD lo scorso anno è stato di circa 863 miliardi di dollari, un aumento previsto del 22% a 1.044 dollari entro il 2030.

Sul suo sito web, il World Economic Forum ha scritto:

“Complessivamente, il costo per CVD da solo potrebbe arrivare a 20.000 miliardi di dollari nel corso dei 20 anni. Per le condizioni di salute mentale, i costi globali del 2010 sono stati circa 2,5 trilioni di dollari, con un costo previsto di 6 trilioni di dollari USA entro il 2030. “
Ci sarà un costante aumento delle perdite di NCD fino al 2030, e poi aumenterà drasticamente. Il valore della vita persa, comprese le spese vive legate a queste malattie e la perdita di reddito raddoppierà nei prossimi venti anni.

L’autore dello studio David Bloom, membro del Global Economic Advisory Board del World Economic Forum e professore alla Harvard School of Public Health, ha dichiarato:

“La sfida delle malattie non trasmissibili va al di là dei ministeri della salute: i responsabili delle politiche devono capire che queste malattie rappresentano una minaccia significativa per il benessere personale e per il progresso e le malattie non trasmissibili minano la produttività e causano la perdita di capitale e lavoro: questi costi sono insopportabili e richiedono chiaramente soluzioni innovative e un approccio all-of-society, con solide partnership tra governo, settore privato e società civile “.
Le NCD sono provocate “in misura considerevole” da:

  • Uso del tabacco
  • Abuso di alcool
  • Cattive abitudini alimentari
  • Inattività fisica

Uno studio complementare pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) esamina le strategie per affrontare questi fattori di rischio.

Malattie non trasmissibili

Una malattia NCD o non trasmissibile è una malattia non infettiva o condizione medica. Tendono ad essere malattie croniche (di lunga durata) con una lenta progressione.

Esempi di NCD includono:

  • Alzheimer
  • Asma
  • cataratta
  • Malattia renale cronica
  • Malattia polmonare cronica
  • Diabete
  • fibromialgia
  • Malattia del cuore
  • Ipertensione (alta pressione sanguigna)
  • Obesità
  • osteoporosi
  • Ictus
  • Cancro
  • Diverse altre malattie cardiovascolari

Le malattie trasmissibili possono essere trasmesse da uomo a uomo. Alcune malattie trasmissibili sono anche croniche, come l’HIV / AIDS.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: