Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cinque strane e meravigliose procedure chirurgiche

Nel 1967 fu eseguito il primo trapianto di cuore umano. Quasi mezzo secolo dopo, la procedura salva le vite di circa 5.000 persone in tutto il mondo ogni anno. Questo è solo un esempio delle migliaia di procedure chirurgiche che stanno trasformando la vita delle persone ogni giorno.

[Una squadra medica che esegue un intervento chirurgico]

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nel 2012 sono state effettuate circa 312,9 milioni di operazioni in tutto il mondo, che sono aumentate da 226,4 milioni nel 2004.

Negli Stati Uniti, le procedure chirurgiche più comuni includono appendicectomia, taglio cesareo, chirurgia della cataratta, mastectomia e bypass delle arterie coronarie.

Inutile dire che ognuno di questi interventi chirurgici può migliorare o salvare la vita di una persona, ma ci sono alcune procedure così complesse e insolite che portano davvero a casa quanto è progredita la chirurgia dal primo trapianto di cuore.

In questo articolo, diamo un’occhiata a cinque delle procedure chirurgiche più bizzarre e incredibili fino ad oggi.

1) Rotationplasty: trasformare una caviglia in un ginocchio

Rotationplasty è una straordinaria forma di chirurgia ricostruttiva che consente alla caviglia di essere utilizzata come un’articolazione del ginocchio.

La procedura prevede la rimozione chirurgica del fondo del femore, del ginocchio e della tibia superiore. La parte inferiore della gamba viene quindi ruotata di 180 gradi e attaccata alla coscia.

In parole povere, il piede è attaccato al ginocchio all’indietro. Una volta montata una protesi, la caviglia del piede funziona come un ginocchio.

Rotationplasty è più comunemente eseguita nei bambini che hanno tumori ossei maligni – come osteosarcoma o sarcoma di Ewing – vicino al ginocchio che non hanno risposto ad altri trattamenti.

L’obiettivo principale di rotationplasty è quello di rimuovere completamente il tumore, ma in un modo che permetta al bambino di avere uno stile di vita attivo, cosa che non sarebbe possibile con l’amputazione completa.

Uno straordinario esempio del successo della procedura riguarda il quattordicenne Gabi Shull del Missouri.

Nel video qui sotto, Gabi spiega come la rotazioneplastica ha cambiato la sua vita:

All’età di 9 anni, a Gabi fu diagnosticato un osteosarcoma del ginocchio. Il tumore era inutilizzabile e, dopo 12 settimane di chemioterapia, Gabi ei suoi genitori decisero di utilizzare la rotazione come migliore opzione di trattamento.

“Ne abbiamo parlato con Gabi e abbiamo iniziato a guardare i video di pattinaggio su ghiaccio, arrampicata su roccia, sci nautico dopo una rotazione plastilina”, ha detto la madre di Gabi, Debbie, all’inizio di quest’anno.

“Abbiamo imparato che non ci sono assolutamente contro ruotareplasty tranne il modo in cui appare e se riesci a superare questo e concentrarti sulla qualità della tua vita hai guadagnato tutto e non hai perso nulla”, ha aggiunto.

Solo un anno dopo la procedura, Gabi è stata in grado di camminare di nuovo, e dopo 2 anni è una ballerina competitiva. “L’operazione mi ha permesso di fare molto più di quanto mi aspettassi e non tornerò mai indietro e non lo cambierò”, ha detto.

2) Osteo-odonto-cheratoprotesi: ripristinare la vista con un dente

Spesso definita chirurgia “dente nell’occhio”, l’osteo-odonto-cheratoprotesi (OOKP) è proprio questo: usare un dente per ripristinare la vista del paziente.

Descritto all’inizio degli anni ’60 dal Prof. Benedetto Strampelli, dell’Ospedale San Camillo in Italia, l’OOKP può essere usato per pazienti la cui cecità è causata da danni irreversibili alla cornea – lo strato esterno dell’occhio – e per i quali altri metodi di trattamento hanno fallito.

[L'occhio di una donna]

La procedura prevede la rimozione del dente canino o premolare di un paziente e l’osso circostante; la tecnica utilizza il dente del paziente in quanto è improbabile che il corpo la respinga. Un foro viene quindi perforato nel dente e viene inserita una lente di plastica.

La struttura del dente dell’obiettivo viene quindi impiantata nella guancia del paziente, dove cresce nuovi vasi sanguigni nel giro di pochi mesi. La struttura viene quindi rimossa dalla guancia e impiantata nell’occhio. La luce è in grado di viaggiare attraverso l’obiettivo, ripristinando la visione del paziente.

Nel 2013, ha riferito di un uomo britannico che ha riacquistato la sua visione dopo aver subito l’OOKP.

Nel 1999, Ian Tibbetts perse completamente la vista attraverso problemi agli occhi innescati per la prima volta da un incidente sul lavoro, per cui un pezzo di rottame colpì l’occhio destro e danneggiò la sua cornea.

Nel dicembre 2012, Ian è stata sottoposta all’OOKP al Sussex Eye Hospital – l’unico ospedale del Regno Unito che esegue la procedura – ed è stato in grado di vedere i suoi bambini chiaramente per la prima volta.

“Ora ho la mia indipendenza e posso iniziare a badare ai bambini mentre mia moglie è al lavoro.Prima, i bambini erano solo delle forme.Non riuscivo a farli fuori”, ha detto Ian. “Avevo una foto nella mia testa di ciò che sembravano, ma erano migliori, ho dato loro un grande abbraccio e un bacio”.

3) Emisferectomia: rimozione di metà del cervello per trattare le convulsioni

Il cervello è l’organo più complesso del corpo umano, contenente miliardi di cellule nervose che fungono da centro di comando per le funzioni fisiche e psicologiche.

Con questo in mente, sembra incredibile che rimuovere metà del cervello possa essere una procedura chirurgica fattibile ed efficace per determinate condizioni neurologiche, ma in alcuni casi lo è. Tale procedura è conosciuta come emisferectomia.

L’emisferectomia comporta la rimozione parziale o totale o la disconnessione di uno dei due emisferi del cervello. È considerata una procedura radicale, che può richiedere fino a 12 ore per essere completata.

[Il cervello umano]

La procedura viene solitamente eseguita su individui che hanno disturbi neurologici che causano convulsioni su un lato del cervello.

Tali disturbi comprendono epilessia grave, ictus perinatale, emimegalencefalia (dove un lato del cervello è più grande dell’altro), malattia di Sturge-Weber-Dimitri (caratterizzata da segni facciali, glaucoma e convulsioni) e encefalite di Rasmussen (infiammazione del cervello corteccia).

Secondo la Fondazione Emisferectomia, l’emisferectomia è più efficace tra i bambini, poiché la metà rimanente del loro cervello può compensare alcune delle funzioni perse con la rimozione dell’altra metà.

I pazienti sottoposti a emisferectomia avranno una certa paralisi sul lato del loro corpo opposto al loro emisfero rimosso, e normalmente perdono la sensazione o la funzione nelle mani e nelle dita.

Tuttavia, in molti casi, i benefici della chirurgia superano i rischi e gli effetti collaterali.

Un esempio di emisferectomia di successo riguarda una ragazza di 17 anni di nome Karley Miller proveniente dall’Australia, che ha subito la procedura per interrompere le crisi quotidiane causate dall’epilessia. La sua decisione di avere l’operazione radicale è stata provocata da un attacco che è durato 9 ore e mezza.

“Non potevo andare da nessuna parte senza che mamma si trovasse a pochi passi di distanza, non potevo nemmeno fare la doccia con la porta chiusa in caso avessi un attacco e nessuno poteva raggiungermi”, ha detto Karley all’inizio di quest’anno.

Mentre Karley ha sperimentato alcuni effetti collaterali dell’emisferectomia, non ha più convulsioni e vive una vita più felice e appagante.

4) Trapianto di cuore eterotopico: due cuori possono essere meglio di uno

Tradizionalmente, un trapianto di cuore comporta la rimozione del cuore danneggiato di un paziente e la sua sostituzione con un cuore di donatore sano. Questa preziosa procedura consente di risparmiare circa 2.000 vite negli Stati Uniti ogni anno.

Ma cosa succede se il corpo di un destinatario rischia di respingere un cuore donatore, o il cuore del donatore non è in grado di funzionare da solo? È qui che può entrare il trapianto di cuore eterotopico.

Trapianto di cuore eterotopico – noto anche come trapianto cardiaco “a cavalluccio” – comporta l’impianto di un cuore di donatore sano sul lato destro del cuore danneggiato del ricevente. Entrambi i cuori sono collegati chirurgicamente, permettendo al sangue del cuore danneggiato di fluire nel nuovo cuore. Il nuovo cuore può quindi pompare il sangue attorno al corpo.

Nel 2011, i ricercatori dell’Università della California-San Diego hanno riferito di aver eseguito questa rara procedura chirurgica su un uomo di nome Tyson Smith, che aveva avanzato insufficienza cardiaca.

“Anche se il signor Smith si trovava di fronte alla morte, non poteva avere un trapianto di cuore standard”, spiega il dott. Michael Madani, dell’University of California-San Diego Sulpizio Cardiovascular Center.

“Rimuovere il vecchio cuore e rimpiazzarlo con un nuovo cuore avrebbe fatto fallire il nuovo cuore, perché la resistenza al flusso nei polmoni – chiamata ipertensione polmonare – era così alta, ma insieme, i due cuori condividono il lavoro e ottengono il lavoro fatto “, ha aggiunto.

5) Trapianto di testa: una possibile cura per la paralisi

Nel 2013, il neurochirurgo italiano Sergio Canavero ha annunciato le sue proposte per eseguire il primo trapianto di testa umana al mondo – una procedura che ritiene abbia il potenziale per trattare la paralisi causata da malattie neurologiche o con perdita di muscoli.

La procedura, chiamata HEAVEN-GEMINI, prevede la rimozione delle teste del ricevente e un donatore sano utilizzando una “lama ultra affilata”, al fine di evitare danni al midollo spinale.

[Una radiografia della testa umana]

La testa del ricevente e il corpo del donatore saranno quindi posti in ipotermia profonda per circa 45 minuti per ridurre il danno ai nervi. La testa del ricevente sarà quindi attaccata al corpo del donatore usando la fusione del midollo spinale.

Nel complesso, l’operazione dovrebbe richiedere circa 36 ore e $ 11 milioni per completare, e richiederà le competenze di circa 150 chirurghi e infermieri.

Una volta completata la procedura, il ricevente sarà tenuto in coma per 3-4 settimane, al fine di ridurre al minimo i movimenti e garantire che le connessioni nervose tra il collo e la colonna vertebrale abbiano il tempo di fondersi insieme.

Mentre questa procedura estrema potrebbe sembrare la stregoneria della fantascienza, è destinata a diventare una realtà. Nell’ottobre dell’anno scorso, il dott. Canavero ha dichiarato che il primo trapianto di testa umana verrà eseguito a dicembre 2017.

Un certo numero di persone si è già offerto volontario per avere la procedura, compreso Valery Spiridonov, un uomo di 31 anni dalla Russia che ha una condizione di deperimento muscolare chiamata malattia di Werdnig-Hoffman, che lo ha lasciato paralizzato dal collo in giù.

Non sorprende che la prospettiva del primo trapianto di testa umana sia stata accolta con molte critiche, ma il dott. Canavero è sicuro che la procedura sarà un trionfo.

“Sarà un successo”, ha detto. “Esiste un piano dettagliato: non stiamo solo costruendo questo in un laboratorio segreto di Frankenstein, siamo ora in vantaggio nel progetto, tutto si muove – non è più fantascienza”.

Leggi circa cinque condizioni mediche bizzarre che potresti non sapere esistere.

Like this post? Please share to your friends: