Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Circa il 50% delle persone può ‘vedere al buio’, mostra lo studio

Quando si tratta di vedere nell’oscurità, la credenza tradizionale è che gli umani non sono in grado di farlo. Tuttavia, una nuova ricerca lo ha sfidato, suggerendo che almeno il 50% di tutte le persone sono in grado di vedere il movimento della propria mano, anche in un ambiente che è nero come la pece.

Ricercatori dell’Università di Rochester di New York e della Vanderbilt University nel Tennessee dicono che le loro scoperte suggeriscono che ciò che gli umani normalmente comprendono come vista ha tanto a che fare con il cervello quanto con gli occhi.

Duje Tadin, professore di scienze cerebrali e cognitive all’Università di Rochester, e Randolph Blake, professore di psicologia alla Vanderbilt University, affermano di aver scoperto per la prima volta di essere in grado di vedere i loro movimenti al buio nel 2005.

Ma per lo studio, pubblicato sulla rivista, i ricercatori affermano che la sfida consisteva nel progettare esperimenti che misurassero oggettivamente una percezione soggettiva.

“Mentre il fenomeno sembrava reale per noi, come potevamo determinare se le altre persone stessero davvero vedendo la propria mano mobile anziché semplicemente dirci cosa pensavano di voler sentire?” Dice il Prof. Blake.

Kevin Dieter, un postdoctoral fellow presso la Vanderbilt University, è venuto in loro aiuto mentre aiutava a creare esperimenti con l’obiettivo di guidare i partecipanti a riferire accuratamente ciò che stavano visualizzando.

Esperimenti sotto “false aspettative”

I ricercatori hanno condotto una serie di esperimenti su 129 partecipanti da Rochester, NY, Nashville, TN, Fenton, MI e Seoul nella Corea del Sud.

Alcuni di questi partecipanti sono stati scelti perché sperimentano una “miscela di sensi” nella loro vita quotidiana. Sono conosciuti come “sinesteti”.

I ricercatori dicono che questo significa che possono vedere i colori quando ascoltano la musica, o hanno la capacità di provare il gusto quando ascoltano i suoni. Per questo studio, i sinesteti coinvolti sono stati in grado di vedere numeri o lettere in colori specifici.

Un esperimento ha richiesto ai partecipanti di indossare bende che sembravano avere molti buchi. Ai partecipanti è stato poi detto che avrebbero visto “movimento in condizioni di scarsa illuminazione”.

Un altro esperimento ha richiesto agli stessi partecipanti di indossare bende simili senza buchi, e i ricercatori li hanno portati a credere che non avrebbero visto nulla.

Tuttavia, i ricercatori dicono che in entrambi gli esperimenti, le bende non avevano buchi e stavano bloccando tutta la luce. Lo scopo di dire ai partecipanti diversamente era di creare “false aspettative” in modo che potessero davvero riferire ciò che stavano vedendo nei prossimi esperimenti.

Durante questi esperimenti, uno dei ricercatori ha agitato la mano di fronte al partecipante bendato, e ai partecipanti è stato anche richiesto di muovere le proprie mani di fronte alle bende.

I movimenti oculari dei soggetti sono stati monitorati con un eye tracker computerizzato completamente al buio, al fine di scoprire se i partecipanti avrebbero segnalato la possibilità di vedere i movimenti delle mani.

Auto-movimento importante per il processo visivo

I ricercatori hanno scoperto che attraverso tutti i partecipanti, circa il 50% era in grado di rilevare i propri movimenti della mano in modo coerente, indipendentemente dalle false aspettative create.

Tuttavia, quando uno sperimentatore agitava la mano di fronte ai partecipanti, i soggetti riferivano di non vedere alcun movimento. I ricercatori dicono che questo evidenzia l’importanza del “movimento personale” in questo processo visivo.

Il video qui sotto dell’Università di Rochester spiega la base degli esperimenti:

Usando l’eye tracker, i ricercatori hanno anche scoperto che i partecipanti che erano in grado di vedere il movimento della propria mano avevano la capacità di tracciare i loro movimenti molto più accuratamente al buio, rispetto a quelli che non avevano riportato alcuna sensazione visiva.

Commentando questi risultati, il Prof. Tadin afferma:

“Vedere nell’oscurità totale? Secondo l’attuale comprensione della visione naturale, ciò non accade.

Ma questa ricerca dimostra che i nostri movimenti trasmettono segnali sensoriali che possono anche creare vere percezioni visive nel cervello, anche in completa assenza di input ottico. “

Potenziali connessioni neurali con auto-movimento

Guardando i sinesteti, i ricercatori hanno scoperto che avevano una migliore capacità di vedere i movimenti, oltre a vedere una forma visiva più chiara di quel movimento.

I ricercatori dicono che un sinesteta ha persino riportato un’accuratezza del 95% nel seguire il movimento della propria mano nell’oscurità, il che significa che potevano vedere la loro mano nella completa oscurità quasi altrettanto bene che alla luce del giorno.

Queste scoperte hanno portato i ricercatori a credere che il legame con la sinestesia suggerisca la capacità di vedere l’auto-movimento nel buio possa essere associato a connessioni neurali tra i sensi.

“Sappiamo che i dialoghi sensoriali sono alla base della sinestesia, ma vedere il colore con i numeri è probabilmente solo la punta dell’iceberg: la sinestesia può coinvolgere molte aree dell’elaborazione cerebrale atipica”, afferma David Knill, professore di scienze cerebrali e cognitive all’Università di Rochester.

Ma il professor Tadin dice che è improbabile che la maggior parte degli umani sia “preprogrammata” per avere la capacità di vedere al buio.

“Innata o esperienza? Sono abbastanza sicuro che sia un’esperienza. I nostri cervelli sono straordinariamente bravi nel trovare modelli affidabili”, dice.

“Il cervello è lì per raccogliere schemi – visivi, uditivi, di pensiero, di movimento – e questa è un’associazione così altamente ripetibile che è logico che il nostro cervello ci abbia colto e sfruttato”.

Like this post? Please share to your friends: