Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come alleviare il neuroma di Morton

Il neuroma di Morton è una crescita benigna o non cancerosa del tessuto nervoso che si sviluppa nel piede, di solito tra il terzo e il quarto dito. È una condizione comune e dolorosa.

È anche conosciuta come metatarsalgia di Morton, malattia di Morton, nevralgia di Morton, metatarsalgia di Morton, intrappolamento dei nervi di Morton, neuroma plantare e neuroma intermetatarsale.

È dovuto a un nervo gonfio nella pianta del piede, normalmente tra la base del terzo e il quarto dito.

Fatti veloci sul neuroma di Morton

  • Il neuroma di Morton comporta una crescita del tessuto nervoso, ma non è canceroso.
  • Provoca dolore alla palla del piede.
  • La chirurgia è una soluzione efficace, ma è usata solo se falliscono altri trattamenti, come esercizi e rimedi casalinghi.
  • Le cause esatte del neuroma di Morton non sono ancora note, ma indossare tacchi alti e praticare alcuni sport può contribuire.

Trattamento

Medici che eseguono un intervento chirurgico al piede

I pazienti con neuroma di Morton possono aver bisogno di cambiare le loro calzature, prendere antidolorifici o fare iniezioni di steroidi. In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere il nervo interessato o rilasciare la pressione su di esso.

Il trattamento dipende da diversi fattori, tra cui:

  • la gravità dei sintomi
  • per quanto tempo sono stati presenti
  • se è stato provato il trattamento domiciliare

Prima viene diagnosticata la condizione, meno è probabile che la persona debba essere sottoposta ad intervento chirurgico.

Se i sintomi sono gravi o persistenti e le misure di auto-aiuto non aiutano, il medico può raccomandare:

  • Iniezioni di corticosteroidi: un farmaco steroideo che riduce l’infiammazione e il dolore viene iniettato nell’area del neuroma. Si consiglia solo un numero limitato di iniezioni, in quanto potrebbero esserci effetti collaterali. Questi includono ipertensione (alta pressione sanguigna) e aumento di peso.
  • Iniezioni di sclerosante con alcool: gli studi hanno dimostrato che le iniezioni di alcol riducono le dimensioni dei neuromi di Morton e alleviano il dolore. Le iniezioni vengono generalmente somministrate ogni 7-10 giorni. Per il massimo sollievo, di solito sono necessarie tra quattro e sette iniezioni.

Chirurgia del neuroma di Morton

Se altre terapie non hanno funzionato e i sintomi persistono dopo 9-12 mesi, può essere consigliata la chirurgia.

La chirurgia è di solito efficace, ma può provocare intorpidimento permanente nelle dita dei piedi interessati. Questo è il motivo per cui i medici consigliano prima di provare altre opzioni.

La chirurgia comporta la rimozione del nervo o la rimozione della pressione sul nervo tagliando i legamenti circostanti o il tessuto fibroso.

Sono possibili due approcci chirurgici:

  • Approccio dorsale: il chirurgo esegue un’incisione sulla parte superiore del piede, consentendo al paziente di camminare subito dopo l’intervento chirurgico perché i punti non sono sul lato portante del piede.
  • Approccio plantare: il chirurgo pratica un’incisione sulla pianta del piede. Durante il recupero, la maggior parte dei pazienti dovrà usare le stampelle per circa 3 settimane. La cicatrice risultante potrebbe rendere scomoda la camminata. Tuttavia, il neuroma può essere raggiunto facilmente e rimosso senza tagliare alcuna struttura.

C’è un piccolo rischio di infezione intorno alle dita dei piedi dopo l’intervento chirurgico.

Sintomi

Un uomo che tiene la palla del piede.

I pazienti avvertono intorpidimento e dolore nella zona interessata, che viene alleviata rimuovendo le calzature e massaggiando il piede.

Nel neuroma di Morton, il tessuto attorno a uno dei nervi che porta alle dita dei piedi si ispessisce, causando un dolore acuto e bruciante nella pianta del piede.

I segni esteriori del neuroma di Morton, come un nodulo, sono estremamente rari. I segni ei sintomi del neuroma di Morton di solito si verificano in modo imprevisto e tendono a peggiorare nel tempo.

Il sintomo principale è il dolore quando il piede sopporta il peso. Un dolore lancinante può colpire i lati adiacenti di due dita. Può essere sentito dopo solo un breve periodo di cammino.

A volte, può esserci un dolore sordo piuttosto che acuto. Più comunemente, il dolore si fa sentire tra il terzo e il quarto dito del piede. In genere, un paziente avverte improvvisamente dolore mentre cammina e dovrà fermarsi e rimuovere la scarpa.

Altri sintomi includono:

  • dolore bruciante, spesso descritto come un “ago rosso caldo”, che può iniziare improvvisamente mentre si cammina
  • il torpore può colpire le dita dei piedi
  • parestesia, formicolio, pizzicore o intorpidimento senza apparente effetto fisico a lungo termine, comunemente noto come pin-and-needles
  • una sensazione che qualcosa è dentro la palla del piede.

Molti pazienti descrivono la sensazione come un dolore bruciante nella palla del piede che spesso irradia alle dita dei piedi.

Inizialmente, il dolore potrebbe diventare molto più evidente quando la persona indossa scarpe strette, strette o con i tacchi alti o si impegna in attività che esercitano pressione sul piede. I sintomi possono essere continui e durare per giorni e persino settimane.

I sintomi possono diventare così gravi che gli individui colpiti diventano ansiosi di camminare o addirittura di appoggiare il piede a terra. In alcuni casi, tuttavia, il neuroma è asintomatico; Le scansioni MRI a volte rivelano lesioni del neuroma di Morton in pazienti che non presentano alcun sintomo.

esercizi

Il neuroma di Morton risponde bene al riposo, ma se i livelli di dolore lo consentono, alcuni esercizi di stretching e potenziamento possono aiutare a mantenere e migliorare la forza nell’arco plantare.

Questi includono esercizi per:

  • allungare la parte inferiore della gamba, il polpaccio e i muscoli d’Achille
  • allungare la fascia plantare lungo la parte inferiore del piede

L’esercizio dovrebbe iniziare lentamente, per evitare che il nervo si infiammi di nuovo.

Ecco alcuni semplici esercizi:

Per allungare la fascia plantare, prendi il tallone in una mano e metti l’altra mano sotto la pianta del piede e dei piedi. Tirare delicatamente indietro la parte anteriore del piede e le dita dei piedi verso lo stinco.

Puoi anche fare questo esercizio sedendo con i piedi davanti a te, e tirando delicatamente le dita indietro verso lo stinco con la mano.Col tempo, potresti riuscire a tirare indietro le dita dei piedi senza usare la mano.

Per allungare il piede, ruotalo avanti e indietro su una bottiglia sul pavimento.

Per rafforzare il piede, fai dei disegni a otto con il piede, che porta con l’alluce.

Gli atleti potrebbero tornare all’attività attraverso una routine che diventa gradualmente più dura.

Un fisioterapista potrebbe suggerire di camminare per 4 minuti e fare jogging per 2 minuti, ripetendo quattro volte il primo giorno, quindi, il secondo giorno, riposando. Esercitandosi a giorni alterni, l’atleta può aumentare gradualmente il tempo speso per un esercizio più intenso.

Nel 2012, un ricercatore ha riferito che un paziente ha provato un certo sollievo dal dolore a seguito del massaggio terapeutico.

Sono state somministrate sei sedute di massaggio, una volta alla settimana, ciascuna della durata di 60-75 minuti. Il partecipante ha anche completato l’esercizio sopra descritto per allungare la fascia plantare a casa ogni giorno. Il massaggio si concentrava sull’allineamento posturale e trattava la gamba e il piede.

Dopo tre sedute, la paziente riferì che il suo dolore era cambiato da bruciore e lancinante a opaco e pulsante.

Rimedi casalinghi

Le misure di auto-aiuto per il neuroma di Morton includono:

  • appoggiando il piede
  • massaggiare il piede e le dita dei piedi interessati
  • usando un impacco di ghiaccio, avvolto in un panno, sulla zona interessata
  • utilizzando l’arco supporta un tipo di imbottitura che supporta l’arco del piede e rimuove la pressione dal nervo
  • indossare scarpe a punta larga, per consentire alle dita dei piedi di allargarsi e ridurre l’attrito
  • assumendo farmaci antidolorifici over-the-counter (OTC)
  • modificando le attività, ad esempio, evitando o prendendo una pausa dalle attività che esercitano una pressione ripetitiva sul neuroma, finché la condizione non migliora
  • gestire o ridurre la gestione del peso corporeo, in quanto ciò può migliorare i sintomi nelle persone con eccesso di peso
  • esercizi di forza dong, per rafforzare i muscoli del piede

Diversi tipi di dispositivi ortesi o supporti per arco, pad metatarsali o barre sono disponibili al banco. Questi possono essere posizionati sopra il neuroma.

Prendere misure per ridurre la pressione aiuterà a ridurre il livello di dolore.

Diagnosi

Un medico o un podologo (specialista del piede) chiederà al paziente di descrivere il dolore e la sua intensità e quando iniziano i sintomi. Chiederanno anche quali tipi di scarpe indossano e del loro lavoro, stile di vita e hobby.

Il medico esaminerà il piede e cercherà di localizzare il nervo interessato. Ciò può comportare il tentativo di riprodurre i sintomi manipolando il piede. Il medico potrebbe anche eseguire una manovra per suscitare una sensazione di “clic” tra le dita dei piedi, questo è un segno per il neuroma di Morton.

Per ottenere un’immagine dettagliata dell’interno del piedino, è possibile ordinare una delle seguenti scansioni:

  • I raggi X possono escludere altre lesioni ai piedi, come una frattura da stress.
  • Le scansioni ad ultrasuoni sono relativamente economiche, non richiedono radiazioni e possono identificare il neuroma di Morton con un’accuratezza simile a quella della risonanza magnetica. Può anche aiutare a distinguere il neuroma di Morton da altre condizioni simili, come la sinovite.
  • La risonanza magnetica è un test di imaging più costoso in grado di rilevare il neuroma di Morton, anche quando non ci sono sintomi.

Il medico dovrà escludere altre condizioni con sintomi simili, tra cui capsulite, borsite o malattia di Freiberg.

Le cause

Una donna che si toglie le scarpe col tacco alto

Gli esperti non sono sicuri di cosa causi il neuroma di Morton. Sembra che si sviluppi a causa di irritazioni, pressioni o lesioni a uno dei nervi che portano alle dita dei piedi; questo innesca una risposta, con conseguente tessuto nervoso ispessito (neuroma).

Un’alta percentuale di pazienti con neuroma di Morton sono donne che indossano scarpe con il tacco alto o strette.

Le condizioni e le situazioni che possono causare sfregamento delle ossa contro un nervo includono:

  • scarpe con i tacchi alti, in particolare quelli di oltre 5 centimetri
  • scarpe con una punta appuntita o stretta che schiaccia le dita dei piedi insieme
  • piedi ad arco alto
  • piedi piatti, quando l’intera suola viene a contatto con il terreno
  • un borsite, un gonfiore localizzato doloroso alla base dell’alluce che allarga l’articolazione
  • punta del martello, una deformità all’interno di un’articolazione del secondo, terzo, o quarto dito del piede che ne determina l’inclinazione permanente
  • alcune attività sportive di grande impatto, tra cui corsa, calcio, tennis, karate e pallacanestro
  • ferita o trauma al piede

L’impatto di tacchi alti e scarpe a punta stretta probabilmente spiega perché la condizione è più comune nelle femmine rispetto ai maschi.

Like this post? Please share to your friends: