Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come binge drinking altera l’attività cerebrale

Studi precedenti hanno mostrato che le persone alcoliche hanno cambiamenti misurabili nella loro attività cerebrale a riposo. E ora, per la prima volta, i ricercatori trovano cambiamenti simili nel cervello degli studenti non alcolizzati che binge bevono.

Binge drinking students

Le bevande alcoliche sono consumate in tutto il mondo, ma bere in eccesso e con regolarità comporta una serie di avvertenze sulla salute.

Binge drinking è definito dall’Istituto nazionale per l’abuso di alcol e l’alcolismo come cinque o più bevande per gli uomini e quattro o più bevande per le donne nell’arco di un periodo di 2 ore.

Esiste una serie di rischi per la salute a lungo termine associati al binge drinking, come l’ipertensione, le malattie cardiache, l’ictus, alcuni tipi di cancro e le malattie del fegato.

A parte i risultati negativi sulla salute, il binge drinking aumenta anche il rischio di lesioni non intenzionali, comportamenti sessuali a rischio e coinvolgimento nella violenza.

Si stima che 1 adulto su 6 negli Stati Uniti binge bevande quattro volte al mese, consumando una media di otto bevande per sessione. È più comune nella giovane età adulta, ma può continuare per tutta la vita.

Precedenti studi hanno anche dimostrato che, durante i compiti cognitivi, le persone che binge bevono prestazioni significativamente peggiori. Ad esempio, sia la memoria di lavoro spaziale che la funzione esecutiva sono state trovate a soffrire.

Ad oggi, tuttavia, i ricercatori non hanno indagato se ci siano o meno cambiamenti misurabili nel cervello di un bevitore alcolico a riposo.

Il cervello del bevitore binge

I ricercatori dell’Università del Minho in Portogallo, guidati da Eduardo López-Caneda, si sono proposti di studiare le differenze misurabili nel cervello dei bevitori binge quando non eseguivano i test. Le loro scoperte sono pubblicate questa settimana sul giornale.

Come spiega López-Caneda, “Un certo numero di studi ha valutato gli effetti del binge drinking nei giovani adulti in diversi compiti che coinvolgono processi cognitivi come l’attenzione o la memoria di lavoro.Tuttavia, ci sono pochissimi studi che valutano se il cervello dei binge bevitori mostra differenze quando sono a riposo, e non focalizzati su un compito. “

Gli studenti sono ben noti per passare il tempo a socializzare e festeggiare, attività che a volte sono accompagnate da alcol in eccesso. Quindi, i ricercatori hanno reclutato 80 studenti universitari del primo anno da un’università in Spagna.

I partecipanti sono stati divisi in due gruppi: il primo non si è mai abbuffato di binge drinking, mentre quelli nel secondo si sono concessi una binge session almeno una volta nel mese precedente. È importante sottolineare che nessuno ha soddisfatto i criteri per essere considerato un alcolizzato.

Gli elettrodi sono stati attaccati alle teste dei partecipanti per valutare l’attività elettrica in un certo numero di regioni del cervello.

Confrontato il cervello di non-bingers ‘e di bingers

Quando è stata confrontata l’attività neurale dei due gruppi, c’erano differenze significative. Più specificamente, vi è stato un aumento misurabile delle oscillazioni beta e teta nel lobo temporale destro – in particolare il giro paraippocampale e fusiforme – e la corteccia occipitale.

Si ritiene che il giro parahippocampale abbia un ruolo nella codifica e nel recupero dei ricordi. Il giro fusiforme non ha un ruolo ben definito, ma sembra essere coinvolto nel riconoscimento. La corteccia occipitale si occupa dell’elaborazione delle informazioni visive.

È interessante notare che l’aumento dell’attività in queste aree rispecchia quelli trovati nel cervello di alcolisti cronici.

I ricercatori ritengono che le alterazioni dell’attività cerebrale potrebbero essere i primi segni di danno cerebrale indotto dall’alcol. I cambiamenti in queste regioni possono indicare una riduzione della loro capacità di rispondere agli stimoli esterni, che potrebbero ostacolare l’elaborazione delle informazioni.

I cervelli più giovani sono ancora in via di sviluppo e i ricercatori ritengono che ciò potrebbe renderli più vulnerabili ai danni alcolici.

“Queste caratteristiche potrebbero essere ricondotte agli effetti particolarmente dannosi dell’alcool sui cervelli giovani che sono ancora in fase di sviluppo, forse ritardando i processi neuromurativi”.

Eduardo López-Caneda

Naturalmente, questo studio apre molte nuove domande a cui rispondere. Quindi, il team vorrebbe confermare che i cambiamenti sono sotto il binge drinking e se lo sviluppo del cervello è compromesso o meno nel lungo periodo.

Poiché i cambiamenti osservati nel cervello rispecchiano quelli che si trovano negli alcolisti cronici, López-Caneda spera che le loro scoperte saranno utilizzate “per cercare di ridurre il consumo di alcool in bevitori a rischio” in giovane età.

Like this post? Please share to your friends: