Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come dimenticare i ricordi indesiderati

Ognuno ha ricordi che preferirebbe dimenticare, e potrebbero conoscere i trigger che li riportano a rimbalzare. I cattivi ricordi possono essere alla base di una serie di problemi, dal disturbo da stress post-traumatico alle fobie.

Quando una memoria indesiderata si intromette nella mente, è una reazione umana naturale a voler bloccarla.

Un centinaio di anni fa, Freud suggerì che gli esseri umani hanno un meccanismo che possono usare per bloccare i ricordi indesiderati fuori dalla coscienza.

Più recentemente, gli scienziati hanno iniziato a capire come funziona.

Studi di neuroimaging hanno osservato quali sistemi cerebrali sono coinvolti nella dimenticanza intenzionale, e gli studi hanno dimostrato che è possibile che le persone deliberatamente blocchino i ricordi dalla coscienza.

Come si formano i ricordi?

[paura]

Perché una memoria sia immagazzinata nella mente di una persona, le proteine ​​stimolano le cellule del cervello a crescere e formano nuove connessioni.

Più ci soffermiamo su un ricordo o proviamo gli eventi specifici che circondano la memoria, più forti diventano queste connessioni neuronali. La memoria rimane lì, a patto che la rivediamo di tanto in tanto.

Si è a lungo pensato che più il vecchio è il ricordo, più è fisso, ma questo non è necessariamente vero.

Ogni volta che rivisitiamo un ricordo, diventa di nuovo flessibile. Le connessioni diventano malleabili e quindi si ripristinano. La memoria può cambiare leggermente ogni volta che la richiamiamo, e si resetta più forte e più vividamente ad ogni richiamo.

Anche i ricordi a lungo termine non sono stabili.

Questo processo di rafforzamento è chiamato riconsolidamento. Il riconsolidamento può cambiare leggermente i nostri ricordi nel bene e nel male. Manipolare questo processo può fare lo stesso.

Se qualcosa ci spaventa quando siamo giovani, il ricordo di quell’evento può diventare un po ‘più spaventoso ogni volta che lo ricordiamo, portando a una paura che può essere sproporzionata rispetto all’evento reale. Un piccolo ragno che ci ha spaventato una volta potrebbe diventare più grande nella nostra mente nel tempo. Una fobia può risultare.

Al contrario, proiettare una luce umoristica su un ricordo imbarazzante, ad esempio, intrecciandolo in una storia divertente, può significare che col tempo perde il potere di mettere in imbarazzo. Un gaff sociale diventa un pezzo di festa.

Perché i ricordi brutti sono così vividi?

Molte persone trovano che le brutte esperienze emergano nella memoria più di quelle buone. Si intromettono nella nostra coscienza quando non vogliamo che lo facciano.

I ricercatori hanno dimostrato che i brutti ricordi sono davvero più vividi di quelli buoni, probabilmente a causa dell’interazione tra le emozioni e i ricordi. Questo è particolarmente vero quando le emozioni e i ricordi sono negativi.

La neuroimaging ha dimostrato agli scienziati che il processo di codifica e recupero di cattive memorie coinvolge le parti del cervello che elaborano le emozioni, in particolare l’amigdala e la corteccia orbitofrontale.

Sembra più forte le emozioni associate alla memoria, più dettagli ricorderemo.

Gli studi fMRI rivelano una maggiore attività cellulare in queste regioni quando qualcuno sta attraversando una brutta esperienza.

Sostituendo i ricordi

Nel 2012, gli scienziati dell’Università di Cambridge hanno mostrato per la prima volta quali meccanismi cerebrali sono coinvolti nella sostituzione e nella soppressione dei ricordi.

Hanno scoperto che una persona può sopprimere un ricordo, o forzarlo fuori dalla consapevolezza, usando una parte del cervello, nota come corteccia prefrontale dorsolaterale, per inibire l’attività nell’ippocampo. L’ippocampo svolge un ruolo chiave nel ricordo degli eventi.

Per sostituire una memoria, le persone possono reindirizzare la propria coscienza verso una memoria alternativa. Possono farlo utilizzando due regioni chiamate corteccia prefrontale caudale e corteccia prefrontale ventrolaterale centrale. Queste aree sono importanti per portare ricordi specifici nella mente cosciente, in presenza di ricordi che distraggono.

La soppressione di una memoria comporta l’arresto di parti del cervello coinvolte nel richiamo. Per sostituire una memoria, quelle stesse regioni devono essere attivamente coinvolte nel reindirizzamento della memoria verso un obiettivo più attraente.

Uno degli autori del rapporto, il dottor Michael Anderson, paragona questo a sbattere i freni di un’auto o sterzare per evitare un pericolo.

I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per osservare l’attività cerebrale dei partecipanti durante un’attività.

Questa attività implicava l’apprendimento di associazioni tra coppie di parole, e quindi il tentativo di dimenticare i ricordi richiamando quelli alternativi per sostituirli o bloccarli.

I risultati hanno mostrato che entrambe le strategie sono ugualmente efficaci, ma che vengono attivati ​​diversi circuiti neurali.

Nel disturbo da stress post-traumatico (PTSD), le persone che hanno vissuto un evento traumatico sono turbate da ricordi indesiderati che insistono nell’intromettersi nella coscienza.

Sapere di più su come una memoria può essere sostituita o soppressa potrebbe aiutare le persone con questa condizione debilitante.

Cambiando i contesti

Il contesto mentale in cui una persona percepisce un evento influenza il modo in cui sono organizzati i ricordi di quell’evento. Ricordiamo eventi in relazione ad altri eventi, dove si è verificato, e così via. Questo, a sua volta, influisce su ciò che fa scattare quei successivi ricordi, o su come possiamo scegliere di richiamarli.

Il contesto può essere qualsiasi cosa associata a una memoria. Potrebbe includere spunti relativi ai sensi, come l’olfatto o il gusto, l’ambiente esterno, eventi, pensieri o sentimenti intorno al momento dell’evento, caratteristiche accidentali dell’articolo, ad esempio, dove appare su una pagina e così via.

Poiché utilizziamo indizi contestuali per richiamare informazioni sugli eventi passati, gli scienziati hanno suggerito che qualsiasi processo che modifica la nostra percezione di quel contesto può aumentare o ridurre la nostra capacità di recuperare ricordi specifici.

Per testare questo, un team di ricercatori ha impostato i partecipanti sul compito di memorizzare serie di parole, mentre visualizza immagini della natura, come spiagge o foreste. Lo scopo delle immagini era di creare i ricordi contestuali.

A alcuni partecipanti è stato quindi detto di dimenticare le parole sulla prima lista prima di studiare la seconda.

Quando arrivò il momento di ricordare le parole, il gruppo che era stato chiesto di dimenticare riuscì a ricordare meno parole.

Più interessante, il tracciamento fMRI ha mostrato che anche loro avevano meno pensieri sulle immagini.

Nel tentativo deliberato di dimenticare le parole, avevano scartato il contesto in cui le avevano memorizzate. Inoltre, maggiore è il distacco dal contesto, meno parole si sono ricordate. Questo suggerisce che possiamo dimenticare intenzionalmente.

Il gruppo che è stato detto di ricordare le parole non ha “scovato” le scene dalle loro menti, e ha continuato a ricordare le parole ea pensare alle immagini.

I risultati potrebbero essere utili per aiutare le persone a ricordare le cose, ad esempio, quando studiano, o a ridurre i ricordi indesiderati, ad esempio nel trattamento del DPTS.

Memorie indebolenti che causano fobie

Il trattamento per le persone con fobie include l’esposizione all’elemento che causa paura. La terapia dell’esposizione mira a creare un ricordo “sicuro” dell’oggetto temuto, che oscura la vecchia memoria. Mentre questo funziona temporaneamente, la paura spesso ritorna nel tempo.

Nell’agosto 2016, i ricercatori dell’Università di Uppsala e del Karolinska Institutet in Svezia hanno dimostrato che la distruzione di una memoria può ridurre la sua forza.

[PTSD]

Nel loro esperimento, le persone che avevano paura dei ragni sono state esposte alle foto dei loro amici a otto zampe in tre sessioni. L’obiettivo era quello di distruggere la memoria disturbandola e quindi resettandola.

Innanzitutto, il team ha attivato la paura dei partecipanti presentando una mini esposizione alle immagini ragno.

Quindi, 10 minuti dopo, i partecipanti hanno visto le immagini più a lungo. Il giorno dopo, hanno visto di nuovo le foto.

Alla terza osservazione, l’attività nella parte del cervello nota come amigdala era ridotta. Ciò rifletteva una minore interferenza emotiva e una minore tendenza nei partecipanti ad evitare i ragni.

Gli scienziati concludono che la prima esposizione ha reso la memoria instabile. Quando si è verificata un’esposizione più lunga, la memoria è stata nuovamente salvata in una forma più debole. Questo, dicono, impedisce alla paura di tornare così facilmente.

I ricercatori ritengono che ciò potrebbe rafforzare le tecniche per affrontare l’ansia e le fobie nei casi in cui l’esposizione da sola non fornisce una soluzione a lungo termine.

Un farmaco per dimenticare?

Per completare gli approcci cognitivi, alcuni scienziati hanno suggerito l’uso di farmaci per rimuovere i brutti ricordi o l’aspetto che induce paura ad associarsi a loro.

La D-cicloserina è un antibiotico e stimola anche l’attività del glutammato, un neurotrasmettitore “eccitatorio” che attiva le cellule cerebrali. In uno studio, le persone con una paura dell’altezza hanno assunto la D-cicloserina prima di una terapia di esposizione alla realtà virtuale. Una settimana e ancora 3 mesi dopo, i loro livelli di stress erano più bassi di prima.

Altrove, il propranololo, dato al momento del consolidamento di una memoria, per esempio, appena dopo aver raccontato una brutta esperienza, è stato trovato per ridurre i sintomi dello stress la prossima volta che la memoria è stata attivata.

Il propanololo blocca la norepinefrina, una sostanza chimica legata al meccanismo di “lotta o fuga” e dà origine a sintomi di stress.

I ricercatori di New York hanno effettuato test su ratti che hanno dimostrato che è possibile cancellare singole memorie dal cervello, erogando un farmaco noto come U0126, lasciando intatto il resto del cervello.

Implantare falsi ricordi

Facendo un passo avanti nella manipolazione della memoria, esperti di memoria come Julia Shaw, autrice di “The Memory Illusion”, hanno elaborato come impiantare falsi ricordi. Comincia, dice, dicendo a qualcuno che quando erano giovani, commettevano un crimine, quindi aggiungevano strati di informazioni finché la persona non poteva più decifrare la realtà dall’immaginazione.

Shaw dice che lo fa per sottolineare come alcuni metodi di interrogatorio possono essere abusati.

Tali tecniche non sono prive di preoccupazioni etiche. Le persone sane potrebbero usare il farmaco per cancellare un evento sconveniente dalla mente. Le droghe potrebbero essere date alle persone per far loro dimenticare le cose.

Dopo tutto, alcuni brutti ricordi hanno uno scopo. Possono impedire alle persone di ripetere gli stessi errori o guidare le loro azioni in occasioni simili in futuro. Quanto vogliamo dimenticare?

Like this post? Please share to your friends: