Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come diventare un sognatore lucido

La ricerca sul sonno ha esplorato a lungo il fenomeno del sogno lucido e se questo potrà mai essere raggiunto a piacimento. Un nuovo studio ha ora identificato tre tecniche fondamentali che potrebbero aiutarci a essere al timone dei nostri sogni.

illustrazione di dreamscape

Hai mai avuto un incubo e ti sei svegliato terrorizzato, pensando di essere stato inseguito da una figura incappucciata in un vicolo buio, piuttosto che dormire al sicuro nel tuo letto?

È probabile che siamo stati tutti in una situazione simile a quella in una volta o l’altra; nella maggior parte dei casi, come stiamo sognando, non siamo consapevoli di essere effettivamente in un sogno. Questo nonostante il fatto che i sogni spesso presentino chiari elementi surrealisti e bizzarri.

A volte, tuttavia, possiamo sperimentare un sogno lucido, o in cui siamo pienamente consapevoli di stare sognando. Siamo in grado di controllare il paesaggio dei sogni, come nel film famoso e in quello che accade in quel sogno.

Eppure la maggior parte di noi non è in grado di provare sogni lucidi a volontà, e mentre Internet è pieno di pagine web che promuovono ricette che ti trasformeranno in un sognatore lucido, i ricercatori non sono ancora sicuri di come una tale impresa possa essere raggiunta.

Tuttavia, alcune tecniche sono state sperimentate e ora un team di ricercatori guidati dal Dr. Denholm Aspy, dell’Università di Adelaide in Australia, ha condotto uno studio per scoprire quali approcci sono i più efficaci per raggiungere uno stato di sogno lucido.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati di recente sulla rivista.

Le tecniche combinate sono più efficaci

I ricercatori hanno lavorato con 169 partecipanti (94 femmine, 73 maschi e 2 identificati come “altri”) che sono stati divisi in tre gruppi. A ciascun gruppo è stato quindi assegnato di praticare una combinazione diversa di tecniche di induzione dei sogni lucidi.

Sono state utilizzate tre tecniche principali. Questi erano:

  1. Test di realtà. Questo “comporta l’esame dei propri dintorni più volte durante il giorno, chiedendo se si è svegli o sognando”. Due tecniche affidabili rileggono il testo scritto – come il testo cambia continuamente nei sogni – e il “test d’inalazione”, che consiste nell’inalare l’aria con le labbra chiuse.
  2. Wake back to bed (WBTB). Questa tecnica prevede di andare a letto, svegliarsi dopo 5 o 6 ore, restare svegli per 10 minuti e un’ora, e poi tornare a dormire. È pensato per “lanciare” il sognatore direttamente nella fase di sonno del movimento rapido (REM) del sonno, che si presta più spesso al sogno lucido.
  3. Induzione mnemonica dei sogni lucidi (MILD). Questo è spesso combinato con la tecnica WBTB, ma prima di andare a letto, il sognatore deve ripetere una frase come “la prossima volta che sto sognando, ricorderò che sto sognando”. Questo ha lo scopo di stabilire l’intenzione, che renderà più probabile che quella persona sia in grado di raggiungere la lucidità nel proprio sogno.

Ad ogni gruppo è stato richiesto di praticare uno dei tre approcci: test di realtà per conto proprio, test di realtà e WBTB, o test di realtà in coppia con WBTB e MILD.

I ricercatori hanno scoperto che il terzo gruppo – composto da 47 partecipanti che praticavano test di realtà, WBTB e MILD – ha avuto un tasso medio di successo del 17,4% nel raggiungere sogni lucidi per un periodo di una settimana.

Inoltre, riportano i ricercatori, quelli che “sono stati in grado di andare a dormire nei primi 5 minuti di completamento della tecnica MILD” hanno avuto un tasso di successo significativamente più alto nel realizzare sogni lucidi: hanno raggiunto il loro obiettivo durante quasi il 46% dei loro tentativi.

“È importante sottolineare”, spiega il Dr. Aspy, “coloro che hanno riportato il successo utilizzando la tecnica MILD erano significativamente meno deprivati ​​il ​​giorno successivo, a indicare che il sogno lucido non ha avuto alcun effetto negativo sulla qualità del sonno.”

Potenziale clinico del sogno lucido

Il team spera che i risultati del nuovo studio possano, in futuro, portare a approcci migliori per gestire gli incubi e migliorare la qualità della vita. “Sognare lucidamente”, ha detto il dott. Aspy, “è un’abilità apprendibile con molte applicazioni cliniche”.

Ha aggiunto: “Lucid Dreaming Treatment (LDT) mostra una grande promessa per il trattamento degli incubi cronici, anche nelle persone con disturbo post traumatico da stress (PTSD). Gli incubi PTSD sono notoriamente difficili da trattare e possono traumatizzare il malato, perpetuando il disturbo. “

“Altre applicazioni [di LDT] includono […] il miglioramento della qualità della vita per le persone con disabilità (ad esempio una persona che non può camminare può sperimentare vividamente la corsa o anche volare in sogni lucidi), la riabilitazione fisica (attraverso la prova del sogno lucido); molti altri.”

Dr. Denholm Aspy

Alla domanda sui prossimi passi successivi a questa ricerca, il Dr. Aspy ci ha detto che continuerà a studiare le tecniche di induzione lucida dei sogni che si prestano bene a potenziali usi terapeutici.

“In definitiva, voglio sviluppare tecniche che siano abbastanza efficaci da consentire una seria esplorazione dei molti potenziali benefici e applicazioni del sogno lucido. Attualmente sto conducendo uno studio di follow-up basato sui risultati del lavoro recentemente studiato”, ha affermato.

Like this post? Please share to your friends: