Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come evitare di prendere l’influenza

Stai cercando modi per evitare di essere colpito dall’influenza? Anche se l’immunità completa non può essere garantita, abbiamo messo insieme alcuni suggerimenti importanti che potrebbero semplicemente proteggerti dall’ammalarsi di questa stagione influenzale.

donna posa su un divano tenendo la testa

Incredibilmente, la pandemia influenzale del 1918-1919 uccise più persone della prima guerra mondiale.

E oggi, tra 9,2 milioni e 35,6 milioni di casi di influenza si verificano ogni anno negli Stati Uniti.

L’influenza è responsabile di circa 140.000-710.000 ricoveri e 12.000-56.000 morti all’anno.

È una malattia respiratoria altamente contagiosa causata dai virus dell’influenza A e B. L’attività influenzale inizia spesso a ottobre negli Stati Uniti, dai picchi da dicembre a febbraio e talvolta dura fino a maggio.

Sebbene l’influenza e il raffreddore condividano molti sintomi, sono molto diversi.

Ad esempio, i sintomi del raffreddore insorgono gradualmente e sono più miti di quelli dell’influenza, mentre i sintomi dell’influenza si manifestano rapidamente, sono intensi e possono causare gravi problemi di salute come polmonite, infezioni batteriche e ospedalizzazioni.

Alcuni gruppi di persone sono più a rischio di contrarre complicanze da influenza. Questi gruppi includono bambini piccoli, donne incinte, adulti di età superiore ai 65 anni e quelli con condizioni mediche croniche.

E, a meno che non ti blocchi da tutti e da tutto, non esiste una strategia infallibile per schivare completamente l’influenza. Detto questo, è possibile adottare misure per ridurre al minimo l’esposizione, aumentare l’immunità e ridurre il rischio di infezione.

Ecco le raccomandazioni su come evitare l’influenza.

1. Prendi un vaccino antinfluenzale

Ottenere una vaccinazione antinfluenzale è la cosa migliore che puoi fare ogni stagione influenzale per proteggersi da una grave malattia.

uomo anziano che riceve una vaccinazione

Colpi di influenza stagionale – creati per proteggere contro tre o quattro virus influenzali che si ritiene siano i più comuni durante una specifica stagione influenzale – sono vaccini che vengono solitamente iniettati nel braccio con un ago.

I vaccini antinfluenzali attivano gli anticorpi che si sviluppano nel corpo, di solito entro 2 settimane dall’avere il colpo. Gli anticorpi forniscono protezione contro i ceppi dell’infezione influenzale contenuti nel vaccino. Anche se il vaccino antinfluenzale può avere effetti collaterali in alcune persone, non può causare malattie influenzali.

Il vaccino antinfluenzale ha salvato 40.000 vite negli Stati Uniti tra il 2005 e il 2014 e può persino ridurre la probabilità di complicazioni e morte – anche quando l’infezione non viene prevenuta.

Chi dovrebbe farsi vaccinare contro l’influenza?

Si raccomanda a tutti oltre i 6 mesi di vaccinazione antinfluenzale annuale, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Diversi vaccini antinfluenzali sono disponibili a seconda dell’età e se sei incinta o se hai una condizione di salute cronica.

I bambini sotto i 6 mesi sono troppo giovani per ricevere un vaccino antinfluenzale. Le persone che hanno allergie potenzialmente letali a qualsiasi ingrediente del vaccino o che hanno mai avuto la sindrome di Guillain-Barré dovrebbero discutere del vaccino antinfluenzale con il proprio medico prima di farsi vaccinare.

Si stima che tra 151 e 166 milioni di dosi di vaccino antinfluenzale iniettabile siano disponibili per la stagione influenzale 2017-2018. Quando la fornitura del vaccino è limitata, spesso viene data priorità a:

  • bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni
  • adulti di età pari o superiore a 50 anni
  • quelli con disturbi polmonari cronici o che sono immunosoppressi
  • donne incinte
  • bambini e adolescenti in terapia aspirina a lungo termine
  • persone che lavorano in strutture di assistenza cronica e personale sanitario
  • individui con un indice di massa corporea (BMI) di 40 o più

Nelle persone a rischio di malattie cardiache, il loro rischio di infarto è sei volte più alto nei primi 7 giorni di influenza.

Il vaccino antinfluenzale funziona?

Quando il vaccino antinfluenzale è “ben bilanciato” con i virus dell’influenza circolante, il vaccino antinfluenzale può ridurre il rischio di influenza del 40-60%.

Una buona corrispondenza si verifica quando i virus nel vaccino e i virus influenzali circolanti in una determinata stagione influenzale sono strettamente correlati. Gli anticorpi generati come risultato del vaccino proteggeranno efficacemente contro l’infezione da influenza.

Se i virus contenuti nel vaccino e nei virus circolanti differiscono, l’efficacia dell’influenza può essere ridotta. Nelle stagioni non corrispondenti, il vaccino può ancora fornire una certa protezione contro la malattia influenzale e i relativi virus influenzali.

Ricerche recenti hanno scoperto che il vaccino antinfluenzale stagionale:

  • previene l’influenza grave negli anziani e riduce i ricoveri in ospedale
  • riduce l’ospedalizzazione da gravi complicanze influenzali del 60% nei bambini
  • riduce i casi di influenza del 70 per cento nei bambini sotto i 6 mesi le cui madri sono state vaccinate durante la gravidanza
  • riduce i ricoveri ospedalieri nelle persone con diabete di tipo 2 del 30 percento per ictus, il 22 percento per insufficienza cardiaca e il 15 percento per polmonite e influenza
  • non aumenta la suscettibilità alle infezioni da influenza durante le stagioni di disallineamento dei vaccini

Gli scienziati di tutto il mondo stanno attualmente lavorando per sviluppare un vaccino antinfluenzale “universale” che renderebbe le vaccinazioni annuali un ricordo del passato. Un vaccino universale contro l’influenza avente lo scopo di proteggere contro tutti – o quasi – i ceppi influenzali stagionali e pandemici.

2. Praticare abitudini di buona salute

Oltre a essere vaccinati, le buone abitudini di salute fungono anche da linea di difesa contro l’influenza.

donna che si lava le mani con acqua e sapone

L’influenza è estremamente contagiosa, in grado di diffondersi da una persona all’altra in piedi entro 6 piedi attraverso le goccioline prodotte quando si tossisce, si starnutisce o si parla o si toccano superfici contaminate.

Uno studio condotto dall’università del Maryland a Balitmore ha rilevato che coloro che hanno l’influenza contaminano l’aria intorno a loro semplicemente respirando.

Altre ricerche hanno dimostrato che una singola maniglia o tavolo potrebbe diffondere un virus al 40-60% dei lavoratori e dei visitatori in sole 2-4 ore di contaminazione.

I risultati evidenziano l’importanza delle buone pratiche igieniche nei luoghi di lavoro e nei luoghi pubblici più la necessità di tornare a casa il prima possibile quando iniziano i sintomi dell’influenza.

Seguendo alcuni semplici passaggi è possibile ridurre al minimo la diffusione dei virus dell’influenza:

  1. Evitare il contatto ravvicinato con coloro che sono malati o altre persone se si è malati.
  2. Se hai sintomi simili all’influenza, rimani a casa da scuola o al lavoro per almeno 24 ore dopo la scomparsa della febbre.
  3. Usa un fazzoletto per coprire naso e bocca quando starnutisci e tossisci. Smaltire il tessuto immediatamente dopo l’uso.
  4. Lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone o uno strofinamento a base di alcool.
  5. Cerca di non toccare occhi, naso o bocca senza prima lavarti le mani per assicurarti che non siano germi.
  6. Pulisci e disinfetta le superfici con cui le persone entrano in contatto a lavoro, a scuola o a casa.

Una ricerca condotta dall’Università del Michigan ad Ann Arbor ha indicato che l’igiene delle mani e l’uso di maschere chirurgiche riducevano la diffusione dei sintomi simil-influenzali fino al 75% nelle residenze universitarie.

3. Prova i farmaci antivirali

I farmaci antivirali influenzali sono farmaci soggetti a prescrizione che riducono la gravità e le complicanze dell’influenza e possono prevenire l’influenza quando vengono assunti prima di ammalarsi.

capsula della droga antivirale influenzale

I farmaci antivirali agiscono combattendo il virus dell’influenza e impedendone la moltiplicazione nel corpo.

Il trattamento non è richiesto per la maggior parte delle persone con influenza non complicata. I sintomi iniziano a migliorare con un sacco di riposo, liquidi e l’uso di farmaci da banco.

Il medico potrebbe prescrivere farmaci antivirali come trattamento o opzione preventiva se si ha un aumentato rischio di gravi complicanze influenzali.

Finora, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato tre farmaci antinfluenzali antivirali raccomandati dal CDC contro gli attuali virus influenzali circolanti:

  • oseltamivir (Tamiflu)
  • zanamivir (Relenza)
  • peramivir (Rapivab)

Quando gli antivirali vengono utilizzati entro 2 giorni dall’inizio dei sintomi influenzali, possono ridurre i sintomi e ridurre il tempo in cui si è malati. Gli antivirali possono anche prevenire le infezioni dell’orecchio nei bambini e le ospedalizzazioni e la polmonite negli adulti.

Gli antivirali possono anche ridurre il rischio di morte in individui con un’influenza grave abbastanza da essere ricoverati in ospedale.

Mentre gli antivirali potrebbero essere una potenziale opzione di trattamento, alcuni medici li avvicinano con cautela nel trattare l’influenza. La Cochrane Collaboration e la ricerca condotta nel 2014 hanno messo in discussione i benefici e esplorato i danni di Tamiflu e Relenza.

I farmaci antivirali non sostituiscono il vaccino antinfluenzale.

4. Mantieni il tuo sistema immunitario

Il sistema immunitario protegge il tuo corpo dalle infezioni. Quando è in forma tiptop e funziona correttamente, il sistema immunitario lancia un attacco alle minacce – come i virus dell’influenza.

scatola di frutta e verdura

Per la maggior parte degli individui, il sistema immunitario fa un buon lavoro di regolazione di se stesso. Ma i disturbi del sistema immunitario, le allergie, l’asma, i farmaci e le malattie autoimmuni possono avere un impatto sul funzionamento del sistema immunitario.

Puoi beneficiare tutto il tuo corpo, incluso il tuo sistema immunitario, implementando strategie di vita sane, come:

  • consumando una dieta ricca di frutta e verdura
  • esercitandosi frequentemente
  • puntando a un BMI sano
  • dormire per 7-9 ore ogni notte
  • ridurre lo stress

Gli studi hanno prodotto alcune scoperte interessanti riguardanti il ​​sistema immunitario e l’influenza.

È stato dimostrato che gli integratori di vitamina D dimezzano il rischio di infezioni respiratorie come l’influenza nelle persone con bassi livelli di vitamina D al basale. La vitamina D svolge un ruolo vitale nel funzionamento del sistema immunitario.

– un tipo di batteri lattici – da una rapa in salamoia che è popolare in Giappone è risultato essere protettivo contro l’infezione influenzale nei topi aumentando le molecole del sistema immunitario nel corpo.

I flavonoidi, che si trovano nei mirtilli, nel vino rosso e nel tè nero, possono aiutare a controllare la risposta immunitaria lavorando con i microbi intestinali per proteggersi da gravi infezioni influenzali.

Un regolare esercizio moderato potrebbe ridurre le infezioni respiratorie di un terzo, mentre un intenso esercizio fisico può causare un aumento da due a sei volte del rischio di infezione. Questi risultati mostrano che l’attività fisica può avere un effetto positivo o negativo sulla funzione del sistema immunitario.

5. Smetti di fumare

Smettere di fumare potrebbe essere una misura preventiva utile contro l’influenza – non solo per te ma anche per i tuoi figli, la famiglia o chiunque altro viva con te.

donna con una sigaretta rotta in mano

Le persone che fumano hanno una risposta più esagerata ai virus, compresa l’influenza.

I sintomi del virus influenzale che sono spesso lievi in ​​coloro che non fumano potrebbero avere un effetto grave sulle persone che lo fanno. Ad esempio, i fumatori hanno più probabilità di morire rispetto ai non fumatori durante le epidemie influenzali.

I ricercatori della Yale School of Medicine di New Haven, CT, hanno condotto un esperimento che ha rivelato che l’esposizione al fumo di sigaretta da due sigarette al giorno per 2 settimane ha scatenato una reazione eccessiva nel sistema immunitario dei topi se esposti al virus dell’influenza.

Anche se il sistema immunitario dei topi ha eliminato il virus dell’influenza normalmente, c’era un’infiammazione gonfiata e livelli più elevati di tessuto danneggiato rispetto a quanto ci si aspetterebbe.

Questi risultati suggeriscono che l’influenza colpisce severamente le persone che fumano non perché non possono combatterlo, ma perché il loro sistema immunitario reagisce in modo eccessivo al virus.

L’autore principale, il dottor Jack A. Elias, presidente della medicina interna della Yale School of Medicine, ha confrontato la reazione dei fumatori con l’uso di una mazza piuttosto che con uno scacciamosche per liberarsi di una mosca.

Anche il Centro medico dell’Università di Rochester di New York ha scoperto che “i bambini esposti al fumo passivo” hanno una maggiore probabilità di aver bisogno di cure intensive e di ricoveri più lunghi in ospedale se ospedalizzati con influenza.

Like this post? Please share to your friends: