Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come evitare la depressione indotta da Facebook

Dato che Facebook ha 1,79 miliardi di utenti attivi mensilmente, non c’è dubbio che si tratta di una piattaforma sociale popolare. L’ironia di Facebook – una piattaforma progettata per renderci più socievoli – è che il sito è stato collegato alla depressione – una condizione che può portare a ritiro e isolamento sociale. È possibile evitare la “depressione di Facebook”?

[le donne sembrano tristi a fissare il telefono]

L’American Academy of Pediatrics (AAP) ha proposto l’esistenza della depressione di Facebook nel 2011. Hanno definito la condizione come: “Depressione che si sviluppa quando i ragazzi e gli adolescenti trascorrono molto tempo sui siti di social media, come Facebook, e poi iniziano a mostra i sintomi classici della depressione. “

Mentre l’AAP ha ricevuto alcune critiche da parte di coloro che hanno sostenuto che le loro affermazioni non sono state adeguatamente supportate, la ricerca precedente ha suggerito che l’uso di Facebook è legato a diverse conseguenze sulla salute mentale, tra cui depressione, bassa autostima e gelosia.

L’umore basso e i sintomi depressivi sembrano andare di pari passo con l’uso di Facebook, ma uno dei fattori scatenanti sembra essere il “confronto sociale”.

Le persone che utilizzano regolarmente Facebook sono esposte al “lucido showreel” di vite di amici, familiari e conoscenti. I punti salienti idealizzati dell’esistenza quotidiana dei loro pari possono provocare sentimenti di invidia e la convinzione distorta che altri possano condurre vite più felici, più eccitanti e di maggior successo.

Gli studi indicano che alcune persone sono più suscettibili allo sviluppo della depressione quando usano la tecnologia per lunghi periodi di tempo, o possono addirittura distaccarsi dal loro ambiente sociale o lavorativo reale.

Innesco significativo del confronto sociale per “depressione di Facebook”

Una nuova revisione sistematica di tutta la letteratura che collega i siti di social media networking con la depressione è stata condotta dalla Lancaster University nel Regno Unito, al fine di esaminare la relazione tra i due.

Dei 799 articoli sull’argomento, ce ne sono stati 30 che hanno soddisfatto i criteri per l’inclusione nella revisione. I risultati sono stati contrastanti: il 16% degli studi ha trovato un collegamento tra social networking online e depressione, il 6% ha scoperto che i social network non provocano depressione e, di fatto, ha un impatto positivo sulla salute mentale e il 13% non trova significativi link in entrambi i modi.

David A. Baker, dottorato in psicologia clinica presso la Facoltà di salute e medicina, e Guillermo Perez Algorta, Ph.D., del Centro spettro per la ricerca di salute mentale, Divisione di ricerca sanitaria presso la Facoltà di salute e medicina – entrambi da Lancaster University nel Regno Unito – ha effettuato la revisione.

Le loro scoperte – pubblicate sulla rivista – suggeriscono che esiste una relazione complessa tra social networking online e depressione. I ricercatori affermano che il confronto sociale è stato il fattore scatenante nei casi in cui esisteva un’associazione significativa tra social networking e depressione. Dicono che confrontarsi con gli altri può portare a “ruminazione” o a pensare troppo.

Comparare se stessi negativamente con gli altri quando si utilizza Facebook ha dimostrato di prevedere la depressione con l’atto di pensare troppo. Anche la pubblicazione su Facebook è stata associata alla depressione per lo stesso motivo.

Inoltre, anche la frequenza, la qualità e il tipo di interazione con i social network sono stati considerati fattori importanti.

Particolari ‘comportamenti rischiosi’ collegano Facebook alla depressione

Esistono particolari tipi di comportamenti di social networking che rendono più probabile per le persone lo sviluppo della depressione di Facebook. Questi includono:

  • Ossessionati dall’identità virtuale e dal modo in cui sono percepiti dagli altri
  • Invidia attivata osservando le vite degli altri
  • Accettare inviti da ex partner per diventare amici di Facebook
  • Pubblicare frequentemente aggiornamenti di stato e interagire in modo eccessivo
  • Confrontarsi negativamente con gli altri.

Evitare tutti e cinque questi comportamenti potrebbe aiutare a prevenire l’insorgere della depressione indotta da Facebook.

Baker e Algorta osservano anche che il genere e la personalità potrebbero avere un ruolo nel rischio di depressione di Facebook. Dicono che le donne e le persone con personalità nevrotiche hanno un aumentato rischio di diventare depressi.

Dicono anche che mentre alcune persone hanno esperienze negative durante l’utilizzo del social networking online, altre hanno esperienze positive. Loro scrivono:

“Mentre il concetto di ‘depressione di Facebook’ può essere troppo semplicistico e potrebbe non tenere conto della miriade di fattori che influenzano questa relazione sia positivamente che negativamente, e nonostante i limiti identificati nella ricerca, i risultati suggeriscono che per alcune persone il social networking online può essere associato ad un aumento dei sintomi della depressione, mentre per gli altri l’attività può essere utile. “

Per le persone depresse, i ricercatori sottolineano che le piattaforme di social networking online potrebbero aiutare in particolare coloro che usano l’attività online come risorsa per la salute mentale per migliorare il supporto sociale.

Scopri come usare correttamente Facebook può aiutarti a vivere più a lungo.

Like this post? Please share to your friends: