Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come funziona il processo di donazione delle uova?

La donazione di ovuli è un processo in cui un uovo o un ovocita viene rimosso da una donna fertile e donato a un’altra donna per aiutarla a concepire. Fa parte della tecnologia di riproduzione assistita, o ART.

Le uova donate sono tipicamente fecondate in laboratorio. Gli embrioni risultanti vengono quindi trasferiti nell’utero del ricevente utilizzando una procedura come la fecondazione in vitro (IVF).

In alternativa, alcuni o tutti gli embrioni possono essere congelati per un uso successivo, o alcuni possono essere trasferiti ad altre donne.

Questo tipo di trattamento della fertilità viene generalmente dato alle donne che non possono usare le proprie uova per vari motivi, come l’insufficienza ovarica, per evitare difetti genetici o l’età avanzata.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), la donazione di ovuli ha un tasso di successo relativamente alto. Nel 2012, oltre il 55% dei trasferimenti di embrioni freschi da uova di donatore ha dato luogo a un parto vivo.

Chi può donare le uova?

[Ovaio]

Diversi fattori influenzano la capacità di una donna di donare le uova. Sebbene diversi programmi di donazione di ovuli stabiliscano diversi criteri di qualificazione, l’American Society for Reproductive Medicine (ASRM) elenca alcune qualità comuni che le donne che donano richiederanno.

Le donne di età più giovane sono preferibili. Generalmente, i donatori hanno tra i 21 ei 34 anni. Le donne in questa fascia di età tendono a rispondere meglio ai farmaci per la fertilità e tendono ad avere una maggiore qualità e quantità di uova.

Questi fattori aumentano la probabilità di gravidanza e riducono il rischio di difetti alla nascita.

I donatori dovrebbero essere liberi da infezioni, come l’HIV e l’epatite C, non dovrebbero essere portatori del gene della fibrosi cistica e non dovrebbero essere a rischio di malattia ereditaria.

Le donne potrebbero non essere idonee a donare se sono a maggior rischio di esposizione all’HIV o ad altre infezioni, ad esempio attraverso l’uso di droghe o la prostituzione. Allo stesso modo, potrebbero non essere in grado di donare se non sono in grado di produrre una dettagliata anamnesi familiare.

Alcuni programmi favoriscono le donne che hanno già donato con successo le uova o che hanno partorito.

Screening di donatori di ovuli

I programmi affidabili offrono un rigoroso processo di screening per minimizzare il rischio di difetti alla nascita e altre complicazioni.

Le linee guida del problema della FDA (Food and Drug Administration) degli Stati Uniti per aiutare le cliniche della fertilità a decidere sull’ammissibilità di un donatore di ovociti.

Il processo di screening di un programma può includere diversi, o tutti, i seguenti passaggi:

  • Applicazione
  • Intervista, per telefono o di persona
  • Esame fisico
  • Analisi del sangue
  • Test antidroga
  • Ultrasuoni, per esaminare gli organi riproduttivi
  • Storia medica e psicologica – per scoprire la storia della salute dei donatori e della famiglia
  • Screening di malattie infettive
  • Screening per malattia ereditaria

Screening psicologico

Donare un uovo può essere un’esperienza emotiva per il donatore, così come per i genitori previsti.

I programmi stimabili per i donatori di ovuli includono uno screening psicologico approfondito di entrambe le parti. Questo può comportare test psicometrici di potenziali donatori.

La valutazione della salute mentale del donatore è vitale per garantire la salute dei bambini risultanti e per essere sicuri che il donatore stia prendendo una decisione informata prima di iniziare il processo di donazione.

Cosa aspettarsi con la donazione di ovuli

Dopo essere stati selezionati e completati lo screening e le procedure legali, ai donatori di ovuli possono essere prescritti farmaci per interrompere il loro normale ciclo mestruale.

[donazione di ovociti in laboratorio]

Gli effetti collaterali possono includere vampate di calore, mal di testa, stanchezza e dolori muscolari.

Al donatore verrà quindi prescritta una serie di farmaci per la fertilità per stimolare le sue ovaie a produrre più uova contemporaneamente. Questo è noto come iperstimolazione. I donatori dovranno auto-somministrarsi questo farmaco iniettandolo sotto la pelle o in un muscolo.

Alcune donne possono manifestare lievi effetti collaterali come lividi al sito di iniezione, sbalzi d’umore e teneri seni. In rari casi, una donna può sviluppare un’iperstimolazione ovarica grave e sarà necessario il ricovero in ospedale.

Poiché esiste il rischio di una gravidanza prima che le uova vengano recuperate, è meglio evitare i rapporti sessuali, o usare un contraccettivo di barriera, come un preservativo.

Durante il ciclo di donazione, un donatore dovrà sottoporsi a frequenti esami del sangue ed esami a ultrasuoni per monitorare le loro reazioni ai farmaci.

Durante l’estrazione

Poco prima che le uova vengano recuperate, al donatore verrà somministrata un’iniezione finale in preparazione della rimozione delle uova.

Il medico eseguirà una procedura medica chiamata aspirazione ovarica transvaginale per rimuovere le uova dalle ovaie. Il medico inserirà una sonda ad ultrasuoni nella vagina della donna e userà un ago per rimuovere l’uovo da ciascun follicolo.

Un donatore può ricevere antidolorifici, sedativi o un anestetico durante la procedura, che dura circa 30 minuti.

Trattandosi di una procedura minore, non è necessario un pernottamento in clinica o in ospedale.

Dopo la donazione

Alcune donne trovano che ci vogliono diversi giorni di riposo per riprendersi dopo l’aspirazione ovarica transvaginale, mentre altri ritornano alle normali attività il giorno successivo.

Alcuni programmi forniscono assistenza ai donatori, ma altri no. Poiché il processo di donazione può avere un impatto psicologico, alcune donne potrebbero trovare utile lavorare con un consulente o uno psicoterapeuta.

Rischi ed effetti collaterali

I rischi della donazione di ovociti sono relativamente bassi. Le procedure e i farmaci usati per i donatori di ovuli sono gli stessi che sono per le donne che usano le proprie uova nel processo di fecondazione in vitro. Portano lo stesso livello di rischio.

C’è un piccolo rischio associato all’uso di anestetico durante il processo di estrazione dell’uovo, ma i problemi gravi sono rari.

Alcune donne possono sperimentare sanguinamento quando l’ago viene inserito nella loro ovaia.In rari casi, potrebbero esserci danni all’intestino, alla vescica o ai vasi sanguigni vicini. Tuttavia, è improbabile un danno grave o un’emorragia grave.

C’è anche la possibilità di infezione dopo la rimozione delle uova. Gli antibiotici possono essere prescritti per prevenire questo.

A volte, i farmaci prescritti possono causare la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS).

L’OHSS si verifica quando si sviluppano troppe uova nelle ovaie. Può essere lieve, moderato o grave. In tutti i casi, dovrebbe essere consultato un medico. I casi gravi possono richiedere il ricovero in ospedale, con sintomi quali difficoltà respiratoria, rapido aumento di peso, mal di stomaco e vomito.

Implicazioni legali per i donatori di uova

Lo status legale della donazione di uova varia da paese a paese. Negli Stati Uniti, è legale per una donna donare le uova sia anonimamente che non. È anche legale ricevere un compenso finanziario per la donazione di uova.

Le cliniche per la donazione di ovuli richiederanno a tutti i donatori di firmare un contratto per assicurarsi che non abbiano diritti o responsabilità legali per i bambini o gli embrioni risultanti.

La donna che riceve l’uovo, anche se non è biologicamente imparentata con il bambino, partorirà fisicamente una prole risultante e verrà registrata come madre di nascita.

Identità del donatore

Negli Stati Uniti, i donatori possono essere anonimi, oppure possono conoscere o conoscere il destinatario.

Molti programmi di donazione di ovuli mantengono riservata l’identità del donatore. I genitori intenzionati riceveranno determinate informazioni sul donatore, ma non si incontreranno o si conosceranno a vicenda.

Altri programmi possono consentire ai donatori di incontrare i destinatari se entrambe le parti lo desiderano. In alcune situazioni, i donatori possono dare il permesso di essere contattati una volta che il bambino raggiunge una certa età.

In altri casi, il donatore potrebbe già avere una relazione con i genitori previsti. Ciò si verifica se una donna chiede ad un amico o a un familiare di donare un uovo. In queste situazioni, si consiglia di contattare una clinica o un programma di donazione per organizzare il processo di screening, trattamento e trasferimento.

Costi e pagamento del donatore

I genitori Via Egg Donation, un’organizzazione non profit globale, stimano il costo della donazione di uova fresche negli Stati Uniti tra $ 35.000 e $ 50.000 per un ciclo esclusivo esclusivo, in cui le uova non sono condivise con altri destinatari. I costi dei cicli d’uovo dei donatori condivisi iniziano a $ 18.000.

Una donna può anche usare uova di donatore congelate da una banca di donatori. Questo in genere costa tra $ 16.000 e $ 20.000 negli Stati Uniti, con tariffe molto più basse disponibili in Europa.

I donatori di ovuli vengono generalmente pagati per il loro tempo e disagio, e il pagamento non dipende dal risultato.

Il pagamento varia ampiamente a seconda del programma di donazione. Il comitato etico dell’American Society for Reproductive Medicine ha concluso che pagare le donne per donare le uova è giustificato. Hanno anche scoperto che le somme di denaro offerte ai donatori sono di ampia portata e dipendono da una serie di fattori, compresa la regione.

Like this post? Please share to your friends: