Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come funzionano i cervelli delle persone intelligenti?

Le persone con un livello di intelligenza superiore alla media hanno cervelli “cablati” in un modo diverso, dicono i ricercatori. Un nuovo studio suggerisce che l’intelligenza è collegata a una maggiore connettività tra alcune regioni e a una ridotta interazione tra gli altri.

illustrazione della giovane donna intelligente

I ricercatori della Goethe University di Francoforte, in Germania, hanno pensato molto a come funziona il cervello delle persone intelligenti.

In precedenti studi, Kirsten Hilger, Christian Fiebach e Ulrike Basten – tutti del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Goethe di Francoforte – hanno rivelato che ci sono differenze fondamentali nei modelli di attivazione del cervello che distinguono le persone intelligenti.

Nel 2015, questo team ha pubblicato un articolo che mostra che le regioni frontali e parietali del cervello sono più fortemente attivate nelle persone con un alto QI.

Uno studio più recente, i cui risultati sono stati riportati all’inizio di quest’anno, ha aggiunto che l’insula anteriore del cervello e la corteccia cingolata anteriore sono più attivamente connessi con altre regioni nel caso di individui intelligenti.

Allo stesso tempo, i ricercatori hanno notato che l’alto QI è anche associato a una ridotta connettività nella giunzione temporale-parietale, dove – come suggerisce il nome – i lobi temporali e parietali si connettono.

“Il diverso inserimento topologico di queste regioni nella rete cerebrale potrebbe rendere più facile per le persone più intelligenti la differenziazione tra informazioni importanti e irrilevanti – il che sarebbe vantaggioso per molte sfide cognitive”, suggerisce Basten.

Incuriosito da questi risultati, Hilger e colleghi si sono spinti oltre, cercando di esplorare come i modelli di attivazione e integrazione nel cervello siano correlati con un livello più alto di intelligenza.

Nel loro nuovo studio – i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista, i ricercatori hanno notato che le persone più intelligenti hanno aumentato la connettività tra alcune aree del cervello, mentre l’interazione si è attenuata tra le altre regioni.

Modelli di connettività del modulo cerebrale distinti

Il team ha analizzato le scansioni cerebrali di 309 partecipanti (110 uomini e 199 donne), tutti di età compresa tra i 18 ei 60 anni. I loro punteggi sul quoziente d’intelligenza Full Scale sono stati valutati con la scala d’intelligenza abbreviata di Wechsler.

Hilger e colleghi hanno basato il loro studio sull’idea che il cervello umano è “diviso” in moduli, dove le regioni comunicano tra loro “preferenzialmente”, in modo che alcune aree interagiscano più intensamente di altre. Basten spiega questo attraverso un’analogia con i social network.

“Questo è simile a un social network che consiste in più sottoreti (ad esempio, famiglie o cerchie di amici)”, afferma. “All’interno di queste sottoreti o moduli, i membri di una famiglia sono più fortemente interconnessi di quanto non lo siano con persone di altre famiglie o cerchie di amici”.

“Il nostro cervello è organizzato in modo funzionale in modo molto simile”, spiega Basten. “Ci sono sottoreti di regioni cerebrali – moduli – che sono più fortemente interconnessi tra loro mentre hanno connessioni più deboli con le regioni del cervello di altri moduli”.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che le persone con QI più elevato hanno una connettività più forte tra alcune regioni del cervello. Più specificamente, gli autori hanno notato che i gruppi di nodi di rete nella corteccia frontale e parietale e nelle aree corticali e sottocorticali erano più fortemente interconnessi e più intensamente attivi.

Allo stesso tempo, il team ha osservato che alcune regioni del cervello – come la giunzione temporale superiore del giro frontale – sono “segregate”, ovvero che comunicano molto meno con altre aree del cervello.

Dove giace la causalità?

Ciò potrebbe suggerire che l’intra- e l’interconnettività del modulo cerebrale in persone più intelligenti sono predisposte a scartare informazioni irrilevanti o che distraggono.

“Assumiamo che le proprietà di rete che abbiamo trovato in persone più intelligenti ci aiutino a concentrarci mentalmente e ad ignorare o sopprimere input irrilevanti e potenzialmente distrattivi”, afferma Basten.

Tuttavia, i ricercatori osservano che è difficile dire dove si trova la causalità in questi risultati.

Potrebbe essere, dice, che le persone con QI più elevato sono naturalmente cablate in modo diverso, ma potrebbe anche essere che questi modelli di connettività sono causati dall’impegno nel lavoro intellettuale abitualmente impegnativo. Questo è un enigma che dovrebbe essere risolto dalla ricerca futura.

“È possibile che, a causa delle loro predisposizioni biologiche, alcuni individui sviluppino reti cerebrali che favoriscono comportamenti intelligenti o compiti cognitivi più impegnativi, ma è altrettanto probabile che l’uso frequente del cervello per compiti cognitivamente stimolanti possa influenzare positivamente lo sviluppo di reti cerebrali. “

Ulrike Basten

“Dato ciò che attualmente sappiamo dell’intelligence”, conclude, “sembra che un’interazione di entrambi i processi sia molto probabile”.

Like this post? Please share to your friends: