Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come guariscono le ossa rotte?

Una caduta, seguita da un crack – molte persone non sono estranee a questo. Le ossa rotte sono dolorose, ma la maggior parte guarisce molto bene. Il segreto sta nelle cellule staminali e nella capacità naturale dell’osso di rinnovarsi.

raggi x gamba rotta

Molte persone pensano che le ossa siano solide, rigide e strutturali. L’osso è, ovviamente, la chiave per mantenere i nostri corpi in posizione verticale, ma è anche un organo altamente dinamico e attivo.

Il vecchio osso viene costantemente sostituito da nuovo osso in un’interazione finemente sintonizzata delle cellule presenti. Questo meccanismo di manutenzione quotidiana è utile quando ci troviamo di fronte a un osso rotto.

Consente alle cellule staminali di produrre innanzitutto cartilagine e quindi di creare nuovo tessuto osseo per curare la frattura, il tutto facilitato da una sequenza di eventi finemente sintonizzata.

Il sangue viene prima

Ogni anno, circa 15 milioni di fratture, che è il termine tecnico per le ossa rotte, si verificano negli Stati Uniti.

La risposta immediata a una frattura sta sanguinando dai vasi sanguigni disseminati in tutte le nostre ossa.

Il sangue rappreso si accumula intorno alla frattura ossea. Questo è chiamato ematoma e contiene un reticolo di proteine ​​che forniscono un tappo temporaneo per colmare lo spazio creato dalla rottura.

Il sistema immunitario ora entra in azione per orchestrare l’infiammazione, che è una parte essenziale della guarigione.

Le cellule staminali dei tessuti circostanti, del midollo osseo e del sangue rispondono al richiamo del sistema immunitario e migrano verso la frattura. Queste cellule partono da due diversi percorsi che consentono la guarigione dell’osso: formazione dell’osso e formazione della cartilagine.

Cartilagine e ossa

Il nuovo osso inizia a formarsi principalmente ai bordi della frattura. Questo accade più o meno nello stesso modo in cui l’osso viene prodotto durante la normale manutenzione quotidiana.

Per riempire lo spazio vuoto tra le estremità rotte, le cellule producono cartilagini morbide. Questo può sembrare sorprendente, ma è molto simile a quello che succede durante lo sviluppo embrionale e quando le ossa dei bambini crescono.

Cartilagine, o callo morbido, picchi di formazione circa 8 giorni dopo l’infortunio. Tuttavia, non è una soluzione permanente perché la cartilagine non è abbastanza forte da sopportare le pressioni che le ossa sperimentano nella nostra vita quotidiana.

Il callo morbido viene sostituito prima con un callo duro, simile a un osso. Questo è abbastanza forte, ma non è ancora forte come le ossa. Circa 3 o 4 settimane dopo l’infortunio, inizia la formazione di nuovo osso maturo. Questo può richiedere molto tempo – diversi anni, infatti, a seconda delle dimensioni e del sito della frattura.

Tuttavia, ci sono casi in cui la guarigione dell’osso non ha successo, e questi causano problemi di salute significativi.

complicazioni

Le fratture che impiegano un tempo anormalmente lungo per guarire, o quelle che non si uniscono di nuovo insieme, si verificano ad un tasso di circa il 10 percento.

Tuttavia, uno studio ha rilevato che il tasso di tali fratture non guarenti era molto più alto nelle persone che fumano e nelle persone che fumavano. Gli scienziati ritengono che ciò possa essere dovuto al fatto che la crescita dei vasi sanguigni nell’osso curativo viene ritardata nei fumatori.

Le fratture non cicatrizzanti sono particolarmente problematiche in aree che trasportano molto carico, come lo stinco. In questi casi è spesso necessaria un’operazione per risolvere il problema che non guarirà.

I chirurghi ortopedici possono utilizzare l’osso di qualsiasi parte del corpo, l’osso prelevato da un donatore o materiali artificiali come l’osso stampato in 3-D per riempire il buco.

Ma nella maggior parte dei casi, l’osso sfrutta la sua notevole capacità di rigenerarsi. Ciò significa che il nuovo osso che riempie la frattura assomiglia molto all’osso prima della ferita, senza lasciare traccia di una cicatrice.

Like this post? Please share to your friends: