Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come il digiuno intermittente può aumentare la perdita di peso

È stato dimostrato che il digiuno intermittente, senza limitare l’apporto calorico complessivo, riduce il peso e migliora il metabolismo. Una nuova indagine dà la caccia ai meccanismi molecolari alla base di questi benefici fisiologici.

Uomo con un piatto vuoto e posate

Il nostro stile di vita moderno, combinato con ore di veglia più lunghe, significa che il periodo di digiuno forzato durante il sonno è stato costantemente ridotto. Questo, insieme alla dieta occidentale di scarsa qualità e al maggior tempo trascorso in posizione sedentaria, ha drammaticamente aumentato la prevalenza dell’obesità e della malattia metabolica.

Negli ultimi anni, il digiuno ha dimostrato di conferire una serie di benefici per la salute.

Molti clinici sperano che modificando gli aspetti del digiuno – come il tempo di digiunare, cosa mangiare tra digiuni e quando digiunare – potrebbe essere possibile progettare metodi per combattere l’obesità e i disordini metabolici.

L’ascesa del digiuno periodico

Si ritiene che il digiuno intermittente condivida molti dei suoi benefici per la salute con il digiuno prolungato. Ad esempio, è stato dimostrato che riduce lo stress ossidativo e l’infiammazione.

Altri studi hanno dimostrato che il digiuno intermittente aumenta la sensibilità all’insulina e protegge le cellule nervose da certi tipi di danni. Può anche rallentare l’invecchiamento e ridurre il rischio di malattie legate all’età.

“Il digiuno intermittente senza una riduzione dell’apporto calorico può essere un approccio preventivo e terapeutico contro l’obesità e disturbi metabolici”.

Coautore dello studio Kyoung-Han Kim

A causa di questi e di altri recenti risultati, la cosiddetta dieta 5: 2, che prevede 5 giorni di consumo normale seguiti da 2 giorni di digiuno, è diventata popolare.

Le prove a favore di una riduzione intermittente dell’apporto calorico sono in aumento, ma i meccanismi attraverso i quali essa fornisce i suoi benefici non sono ancora chiari. Recentemente, un gruppo di ricerca guidato da Hoon-Ki Sung – del Dipartimento di Medicina di Laboratorio e Patologia dell’Università di Toronto in Ontario, Canada – si è proposto di guardare sotto il cappuccio del digiuno intermittente.

Studiando i cambiamenti molecolari che potrebbero sostenere gli effetti del digiuno intermittente, i loro risultati sono pubblicati questa settimana nella rivista. Di particolare interesse erano i ruoli di grasso marrone e bianco.

La differenza tra grasso marrone e bianco

Il grasso bianco è essenziale per conservare l’energia in eccesso e rilasciare i lipidi quando è necessario. Tuttavia, è anche associato all’obesità e al diabete di tipo 2. Il grasso bruno, d’altra parte, brucia energia ed è stato suggerito come potenziale candidato per il trattamento dell’obesità e delle malattie metaboliche.

Studi recenti hanno dimostrato che, in determinate circostanze, il grasso bianco può essere convertito in grasso marrone (e talvolta beige). Questo processo, noto come “browning”, viene esaminato come una strada potenziale per ridurre l’obesità.

Per l’esperimento corrente, il team ha inserito i topi in due gruppi: un gruppo a digiuno intermittente e un gruppo di controllo. Il primo gruppo non ha ricevuto cibo per 1 giorno e poi è stato nutrito per i successivi 2 giorni. Quest’ultimo gruppo veniva nutrito quotidianamente. Lo studio è continuato per 16 settimane.

Durante il periodo di 4 mesi, entrambi i gruppi di topi hanno consumato lo stesso numero di calorie; quelli nel gruppo a digiuno intermittente erano in grado di recuperare durante i loro 2 giorni di mangiare. Alla fine dello studio, i topi nel gruppo a digiuno intermittente pesavano significativamente meno dei topi di controllo.

I ricercatori hanno anche scoperto che, nel gruppo a digiuno intermittente, il metabolismo del glucosio era più stabile e la sensibilità all’insulina aumentava rispetto ai controlli.

C’erano anche altre differenze significative, come il fatto che i topi a digiuno intermittenti avevano fegato più sano con meno accumulo di lipidi.

È importante sottolineare che, i topi nel gruppo a digiuno intermittente aveva una percentuale inferiore di grasso bianco, perché veniva convertito in grasso bruno.

Forse sorprendentemente, quando il team ha condotto un esperimento simile usando topi obesi, hanno trovato gli stessi tipi di benefici dopo solo 6 settimane di digiuno intermittente.

Il digiuno, il sistema immunitario e il grasso bruno

Successivamente, il team ha voluto comprendere i cambiamenti fisiologici e metabolici che hanno sostenuto i benefici riscontrati nel gruppo a digiuno intermittente, in particolare l’imbrunimento delle cellule adipose bianche.

Alterazioni nei percorsi dei geni immuno-correlati all’interno delle cellule adipose sembra essere alla base dei cambiamenti.

In particolare, durante i periodi di digiuno, c’è stato un aumento del fattore di crescita vascolare, che aiuta a formare vasi sanguigni e innescare i macrofagi anti-infiammatori. I macrofagi anti-infiammatori incoraggiano le cellule adipose a bruciare le riserve di grasso ea creare calore – e, come suggerisce il nome, riducono l’infiammazione.

“Sorprendentemente, questi cambiamenti stimolati dal digiuno nella crescita delle cellule vascolari e successive alterazioni immunitarie si verificano anche dopo un singolo ciclo di digiuno di 24 ore, e sono completamente invertiti quando i topi ricominciano a mangiare”.

Coautore dello studio Yun Hye Kim

I ricercatori sono desiderosi di continuare la ricerca sul digiuno intermittente; ci sono una serie di domande a cui vorrebbero rispondere.

Ad esempio, è difficile estrapolare la durata ideale del digiuno dai topi agli umani, quindi sarà necessario fare più lavoro clinico. Inoltre, per quanto tempo gli effetti benefici rimangono una volta che la dieta finisce deve essere accertata.

In futuro, la ricerca sui meccanismi in atto al di sotto del digiuno intermittente potrebbe aiutare a personalizzare i programmi per trattare l’obesità e le condizioni metaboliche come il diabete di tipo 2. A causa della prevalenza di queste condizioni negli Stati Uniti, i risultati sono attesi con impazienza.

Like this post? Please share to your friends: