Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come il gatto parassita Toxoplasma Gondii influenza il cervello

Una nuova ricerca condotta da un team del Karolinska Institutet in Svezia rivela per la prima volta che cosa fa il comune “parassita della lettiera” Toxoplasmagondii una volta entrato nel cervello. Lo studio è importante alla luce delle recenti osservazioni che collegano il parassita all’assunzione di rischi e ad altri comportamenti umani e alle associazioni con malattie mentali.

I ricercatori scrivono le loro scoperte in un documento pubblicato online il 6 dicembre sulla rivista PLoS Pathogens.

Infezione da toxoplasma

L’infezione da Toxoplasma gondii o Toxoplasma è chiamata Toxoplasmosi. Le stime suggeriscono che tra il 30 e il 50% della popolazione umana globale è infettata. In Svezia la cifra è più vicina del 20%. Negli Stati Uniti, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), mette il numero di uomini, donne e bambini infetti a 60 milioni. Gli animali possono anche essere infettati, in particolare i gatti domestici.

La gente di solito contrae il parassita mangiando carne scarsamente cotta: secondo il CDC, la toxoplasmosi è la principale causa di morte per malattie alimentari negli Stati Uniti. Un altro modo in cui le persone si infettano è toccando le feci di gatto, da qui l’espressione “parassita della lettiera di gatto” perché un modo di toccare le feci di gatto sta gestendo la lettiera dei gatti.

La stragrande maggioranza delle persone infette presenta pochi sintomi perché il loro sistema immunitario di solito impedisce al parassita di causare malattie. Negli adulti appena infetti, il parassita può causare lievi sintomi simil-influenzali, e quindi di solito entra in una fase dormiente cronica che si pensava fosse libera da sintomi.

Tuttavia, quando il parassita entra nel cervello dei feti e le persone con un sistema immunitario debole, possono essere fatali. A causa di questo rischio, le donne incinte non infettate non dovrebbero toccare i vassoi della lettiera dei gatti.

Collegamenti a malattie mentali, comportamenti che comportano rischi

C’è una visione emergente che il parassita della toxoplasmosi sia attivo in una certa misura durante quella che prima era considerata una fase puramente “dormiente”.

Ad esempio, i ratti infettati dal parassita perdono la paura dei gatti e sono persino attratti dal loro odore, rendendoli facili prede. Gli scienziati hanno suggerito che questo è il modo in cui il parassita assicura la propria sopravvivenza e propagazione: i gatti mangiano i ratti infetti, liberano più parassiti attraverso le loro feci e questo a sua volta aiuta a disinfettare più ratti.

Altri studi hanno rilevato che la schizofrenia, la depressione, l’ansia e altre malattie mentali sono più comuni nelle persone con la toxoplasmosi, e vi è anche un’evidenza che suggerisce che l’infezione da parte del parassita è legata a comportamenti più estroversi, aggressivi e che assumono rischi.

In uno studio pubblicato nel numero di luglio 2012 di Archives of Psychiatry, i ricercatori dello Statens Serum Institut in Danimarca e l’Università di Maryland negli Stati Uniti, hanno scoperto che le donne che trasportano anticorpi IgG contro Toxoplasmagondii al momento del parto hanno un rischio maggiore di autolesionismo o suicidio più tardi.

Mentre una descrizione del genere sembra allarmante, lo studio dell’autore senior Antonio Barragan, ricercatore presso il Centro di Medicina Infettiva presso il Karolinska Institutet e l’Istituto svedese per il controllo delle malattie trasmissibili, afferma:

“Allo stesso tempo, è importante sottolineare che gli umani hanno vissuto con questo parassita per molti millenni, quindi i portatori di Toxoplasma di oggi non devono essere particolarmente preoccupati”.

Una volta nel cervello, Toxoplasma Spurs GABA Secretion

I ricercatori non hanno esaminato in che modo il parassita della toxoplasmosi modifica il comportamento dell’ospite, erano più interessati a ciò che fa nel cervello.

Hanno scoperto che prende il sopravvento su uno dei neurotrasmettitori del cervello: i messaggeri chimici che trasportano segnali tra varie parti del cervello.

In un esperimento con una provetta, hanno infettato le cellule dendritiche umane con il parassita. Le cellule dendritiche formano la prima linea del sistema immunitario e svolgono un ruolo chiave che intriga e adatta le risposte immunitarie. Una volta infettato, le cellule dendritiche iniziarono a secernere GABA, un messaggero chimico.

In un altro esperimento con topi vivi, i ricercatori hanno rintracciato le cellule dendritiche infette dal loro punto iniziale di infezione ad altre parti del cervello dove hanno continuato a influenzare il sistema GABA.

Nel loro riassunto dell’autore, i ricercatori annotano:

“Le cellule dendritiche sono considerate i guardiani del sistema immunitario ma possono, paradossalmente, anche mediare la diffusione del parassita”.

“Questo studio stabilisce che il segnale GABAergico modula le proprietà migratorie delle cellule dendritiche e che il patogeno intracellulare Toxoplasma gondiisequesters il segnale GABAergico delle cellule dendritiche per assicurare la propagazione”, aggiungono.

Il GABA fa un certo numero di cose, ma una di queste è inibire le sensazioni di paura e ansia. Le persone con malattie mentali come la schizofrenia, bipolardismo, sindrome d’ansia e depressione mostrano disturbi nei sistemi GABA.

Barragan descrive la capacità del parassita di rendere le cellule immunitarie secernere il GABA come “molto intelligenti” e afferma che il risultato è stato “sorprendente quanto era inatteso”.

I ricercatori chiedono ulteriori studi.

“Vale ora la pena studiare i legami esistenti tra la toxoplasmosi, i sistemi GABA e le principali minacce per la salute pubblica”, suggerisce Barragan.

Una sovvenzione del Consiglio svedese per la ricerca ha contribuito a finanziare lo studio.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: