Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come il trauma infantile colpisce il cervello

Non è una novità che le persone maltrattate da bambini siano più esposte alla depressione clinica, all’ansia e ad un più alto rischio di morte per suicidio. Ma ora i ricercatori hanno iniziato a rivelare cosa succede nel cervello seguendo questo tipo di trauma.

orsacchiotto abbandonato

Secondo i dati forniti dall’Ufficio per l’infanzia del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, tra il 2011 e il 2015 si è registrato un aumento del 3,8% dei casi di abuso di minori segnalati nel Paese. Ciò equivale a 683.000 casi di abusi su minori nel solo 2015 gli Stati Uniti

La ricerca suggerisce che questo tipo di trauma nell’infanzia lascia segni profondi, dando origine a problemi come il disturbo da stress post-traumatico, la depressione, l’ansia e l’abuso di sostanze.

Ora, una squadra del McGill Group for Suicide Studies presso il Douglas Mental Health University Institute e la McGill University di Montreal, in Canada, ha lo scopo di decifrare come una storia di abuso possa influire sui meccanismi chiave del cervello, influenzando la salute mentale.

Il Dr. Pierre-Eric Lutz e colleghi hanno notato che negli adulti che hanno subito gravi abusi da bambini, le connessioni neurali in un’area del cervello associata alla regolazione delle emozioni, dell’attenzione e di altri processi cognitivi sono gravemente compromesse.

I risultati dei ricercatori sono stati pubblicati di recente in

La materia bianca ha subito un abuso dopo l’infanzia

Ricerche precedenti hanno evidenziato che le persone che hanno sperimentato negligenza e abuso da bambini hanno diminuito i volumi di sostanza bianca in varie aree del cervello.

La materia bianca consiste in assoni mielinizzati, che sono le proiezioni di cellule nervose che consentono agli impulsi elettrici di “viaggiare” intorno e trasportare informazioni, mentre la mielina è il “rivestimento” isolante in cui questi tratti sono rivestiti. La mielina aiuta questi impulsi elettrici a viaggiare più velocemente, consentendo alle informazioni di propagarsi in modo efficiente.

Il volume e la struttura della materia bianca sono in correlazione con la capacità di apprendimento di un individuo e questa componente del cervello continua a svilupparsi durante la prima età adulta, a differenza della materia grigia.

Anche se questi cambiamenti – riguardanti il ​​volume della sostanza bianca nelle persone che hanno subito abusi da bambini – sono stati notati prima, altri studi hanno utilizzato la risonanza magnetica per esaminare il cervello dei partecipanti.

Il Dr. Lutz e il team hanno invece deciso di studiare i campioni cerebrali raccolti postmortem, al fine di capire meglio cosa succede a livello molecolare.

La mielinizzazione degli assoni è stata interrotta

I ricercatori hanno analizzato campioni raccolti dal cervello di 78 individui morti a causa del suicidio. Tutti i campioni di cervello sono stati ottenuti utilizzando la Douglas Bell Canada Brain Bank.

Di queste persone, 27 erano state diagnosticate con depressione e avevano subito gravi abusi nella loro infanzia, 25 erano state diagnosticate con depressione ma non avevano precedenti di abuso infantile, e 26 non erano stati diagnosticati con alcun disturbo mentale e non avevano precedenti di abusi sui minori. .

Il tessuto cerebrale dei tre gruppi di persone è stato studiato e confrontato. Accanto a questi, i ricercatori hanno anche esaminato campioni di cervello di 24 modelli di topi che illustrano l’impatto dell’ambiente sui primi stadi di sviluppo del sistema nervoso.

Le persone che avevano subito un abuso da bambini mostravano un rivestimento di mielina più sottile in una grande percentuale di fibre nervose. Questo non era vero per gli altri due tipi di campioni di cervello studiati.

Inoltre, i ricercatori hanno notato che uno sviluppo anormale a livello molecolare ha avuto un impatto specifico sulle cellule coinvolte nella produzione e nel mantenimento della mielina, che sono chiamate oligodendrociti.

Connettività delle aree chiave del cervello colpite

Il team ha anche scoperto che alcuni dei più grandi assoni colpiti erano insolitamente ispessiti. Dicono che queste peculiari alterazioni possono agire tutte insieme per avere un impatto negativo sulla connettività tra la corteccia cingolata anteriore, che è una regione del cervello implicata nell’elaborazione delle emozioni e del funzionamento cognitivo e delle aree del cervello associate.

Queste aree affiliate includono l’amigdala, che svolge un ruolo chiave nella regolazione delle emozioni, e il nucleo accumbens, che è coinvolto nel sistema di ricompensa del cervello, “che ci dice” quando anticipare il piacere.

Questo potrebbe spiegare perché le persone che hanno subito abusi durante l’infanzia elaborano le emozioni in modo diverso e sono più esposte a esiti negativi per la salute mentale, oltre all’abuso di sostanze.

La conclusione dei ricercatori è che sperimentare abusi nelle prime fasi della vita “può interrompere durevolmente” la connettività tra le aree del cervello che sono fondamentali nei processi cognitivi ed emotivi.

Tuttavia, ammettono che l’intero meccanismo coinvolto non è ancora chiaro e sperano che ulteriori ricerche possano gettare ulteriore luce sull’impatto dei traumi infantili sul cervello.

Like this post? Please share to your friends: