Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come la depressione a lungo termine altera il cervello

La depressione è diventata un problema di salute mentale comune. Per alcuni, questa condizione si attarda per molti anni e gli scienziati ora si sforzano di capire come ciò potrebbe influenzare il cervello e come i trattamenti dovrebbero essere adeguati per affrontare questi cambiamenti.

donna depressa

Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), negli Stati Uniti, l’8,1% delle persone di età superiore ai 20 anni ha una depressione in un dato periodo di 2 settimane.

Per alcune persone, la depressione potrebbe essere solo episodica e superata nel giro di poche settimane o mesi.

Tuttavia, per gli altri con diagnosi di depressione maggiore, la condizione potrebbe persistere per anni, influenzando il loro stile di vita e la qualità della vita.

Considerando i casi in cui la depressione maggiore dura da oltre un decennio, i ricercatori del Centro per le dipendenze e la salute mentale (CAMH) dell’Ontario, in Canada, hanno voluto indagare se vivere con questa condizione per così tanto tempo avrebbe un impatto significativo sul cervello, e in tal caso, Come.

Il dott. Jeff Meyer, del CAMH, ha condotto uno studio incentrato su quella domanda. Lui e il suo team hanno confrontato le scansioni cerebrali di persone che avevano vissuto con depressione non trattata per 10 anni o più con quelle di persone con una storia più breve di depressione.

I risultati – pubblicati la scorsa settimana suggeriscono che gli specialisti potrebbero voler cambiare il loro approccio al trattamento della depressione a lungo termine mentre progredisce per adeguarsi al suo crescente impatto neurologico.

La depressione può essere progressiva

Il dottor Meyer e il suo team hanno lavorato con 80 persone di età compresa tra i 18 e i 75 anni. Di questi, 25 avevano vissuto con depressione per più di 10 anni, 25 avevano avuto la condizione per meno di un decennio, e 30 erano senza depressione. Questa coorte finale costituiva il gruppo di controllo.

In uno studio del 2015, il dottor Meyer ei suoi colleghi hanno visto che durante gli episodi di depressione maggiore, il cervello delle persone esibiva marcatori di infiammazione.

Sulla base di questa conoscenza, nel nuovo studio, ha voluto esplorare se l’infiammazione del cervello peggiorava nel tempo in persone con depressione di lunga durata.

Gli scienziati hanno determinato la gravità della neuroinfiammazione usando un tipo di scansione del cervello nota come tomografia ad emissione di positroni (PET). Ciò ha permesso loro di monitorare l’attività della microglia, un tipo di cellula presente nel sistema nervoso centrale, che sono associati alla risposta infiammatoria alla lesione.

La microglia attiva produce la proteina translocator (TSPO), che è un marcatore chiave dell’infiammazione.

Attraverso le scansioni PET, il dottor Meyer e il team hanno scoperto che la concentrazione di TSPO era superiore del 29-33% nel cervello di persone che avevano vissuto con la depressione per più di un decennio.

Questi marker di infiammazione sono stati osservati in tre regioni cerebrali in particolare: la corteccia prefrontale, la corteccia cingolata anteriore e l’insula.

Coerentemente con i risultati precedenti, il cervello di coloro che avevano vissuto con depressione non trattata per periodi di tempo più brevi aveva ancora concentrazioni più elevate di TSPO rispetto al cervello di controlli sani.

Sono necessari studi più mirati

Secondo i ricercatori, questi risultati suggeriscono che la depressione a lungo termine dovrebbe essere trattata come una fase diversa della stessa condizione, in quanto potrebbe richiedere un approccio terapeutico diverso rispetto alla depressione nelle sue fasi precedenti.

Questo, aggiungono, è simile alla strategia applicata nel caso delle malattie neurodegenerative, che sono anche caratterizzate da un’accentuata infiammazione cerebrale.

“Una maggiore infiammazione nel cervello è una risposta comune con le malattie degenerative del cervello mentre progrediscono, come nel caso del morbo di Alzheimer e del morbo di Parkinson”, osserva il dott. Meyer.

Se la depressione, sebbene non sia una malattia neurodegenerativa, è simile a tali condizioni – cioè, caratterizzata da una risposta infiammatoria sempre più grave nel cervello – allora può essere adeguato trattarla con farmaci antinfiammatori, suggerisce il dott. Meyer.

Pertanto, egli sostiene che ulteriori studi dovrebbero esaminare la possibilità di riproporre tali farmaci come terapia per la depressione.

Un’altra domanda a cui si dovrebbe rispondere, conclude, è quale potrebbe essere la migliore terapia per le persone con depressione maggiore a lungo termine, poiché questa popolazione specifica di solito non beneficia di studi dedicati.

Like this post? Please share to your friends: