Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come la marijuana provoca la perdita di memoria

I ricercatori hanno a lungo suggerito che la marijuana possa causare perdita di memoria. Ora, un nuovo studio fornisce una visione di questa associazione, rivelando come i cannabinoidi nel farmaco attivino i recettori nei mitocondri del centro di memoria del cervello per provocare l’amnesia.

[Illustrazione del cervello umano con un pezzo di puzzle mancante]

Il capo dello studio, il dott. Giovanni Marsicano, dell’Università di Bordeaux, in Francia, e il team ritengono che le loro scoperte – pubblicate sulla rivista – possano portare allo sviluppo di nuove terapie mirate ai recettori cannabinoidi, senza l’effetto collaterale della perdita di memoria.

I cannabinoidi sono sostanze chimiche presenti nella marijuana, così come forme sintetiche del farmaco.

Secondo il National Institute on Drug Abuse (NIDA), ci sono più di 100 cannabinoidi nella marijuana, incluso il principale composto psicoattivo delta-9-tetraidrocannabinolo (THC).

Questi cannabinoidi hanno una struttura simile ai cannabinoidi che si trovano naturalmente nel corpo, come l’anandamide. I cannabinoidi presenti in natura fungono da neurotrasmettitori; inviano segnali tra le cellule nervose, o neuroni, che colpiscono varie regioni del cervello, compresi quelli responsabili di emozioni, movimento, coordinazione, percezione sensoriale, memoria e pensiero.

Poiché il THC e gli altri cannabinoidi presenti nella marijuana e le forme sintetiche sono simili ai cannabinoidi presenti in natura, sono in grado di legarsi ai recettori cannabinoidi situati sui neuroni e attivare determinate regioni del cervello.

Di conseguenza, i cannabinoidi possono alterare il normale funzionamento del cervello, causando un numero di effetti mentali e fisici negativi. Uno di questi effetti può essere la perdita di memoria; i ricercatori hanno dimostrato che il THC può influenzare la funzione dell’ippocampo, la regione del cervello responsabile della formazione dei ricordi.

Nel nuovo studio, il dott. Marsicano e il team hanno esplorato ulteriormente la relazione tra cannabinoidi e perdita di memoria.

I recettori cannabinoidi CB1 nei mitocondri regolano i processi di memoria

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno scoperto che un recettore dei cannabinoidi chiamato CB1 si trova nei mitocondri delle cellule nervose. I mitocondri sono indicati come le “centrali elettriche” delle cellule, poiché convertono lo zucchero, il grasso e le proteine ​​che ricaviamo dal cibo in energia che le cellule devono funzionare.

Per il loro studio, il Dr. Marsicano e colleghi hanno usato una varietà di metodi innovativi per scoprire che ci sono recettori CB1 all’interno dei mitocondri dei neuroni dell’ippocampo, ei cannabinoidi li attivano per causare perdita di memoria.

In seguito a ulteriori indagini, i ricercatori hanno scoperto che la perdita di memoria innescata dai cannabinoidi dipende dall’attivazione diretta dei recettori CB1 nei mitocondri, che altera l’attività mitocondriale. L’attivazione del CB1 blocca la cascata di segnali dei cannabinoidi all’interno dei mitocondri e riduce anche la respirazione cellulare – un processo che consente la conversione dei nutrienti in energia.

In termini semplici, lo studio mostra che i recettori cannabinoidi CB1 nei processi di memoria del mitocondrio controllano il metabolismo energetico dei mitocondri.

Confermando i loro risultati, il team ha scoperto che l’eliminazione genetica del recettore CB1 dai mitocondri nell’ippocampo previene la perdita di memoria. Riduce anche il movimento dei mitocondri e l’inibizione della segnalazione neuronale causata dai cannabinoidi.

“L’intervento selettivo” sui recettori CB1 può portare a nuove terapie

I cannabinoidi hanno mostrato potenziali benefici per una serie di condizioni di salute, tra cui dolore, nausea e vomito e disturbi neurologici. Tuttavia, i ricercatori osservano che l’uso di cannabinoidi terapeutici è stato ostacolato dagli effetti collaterali che presentano, come la perdita di memoria.

Il Dr. Marsicano e il team ritengono che le loro scoperte potrebbero alimentare lo sviluppo di nuove terapie più sicure che mirano ai recettori dei cannabinoidi.

“[…] un intervento selettivo su specifici recettori cannabinoidi CB1 localizzati nel cervello in determinati compartimenti neuronali potrebbe essere di interesse al fine di sviluppare nuovi strumenti terapeutici basati sui cannabinoidi più efficaci e più sicuri nel trattamento di alcune malattie cerebrali “.

Co-autore dello studio Dr. Pedro Grandes, l’Università dei Paesi Baschi, in Spagna

Leggi di uno studio che ha scoperto l’immagine più chiara fino ad oggi del recettore CB1.

Like this post? Please share to your friends: